Come eliminare i parassiti intestinali

· 30 luglio 2015

Esistono diversi tipi di parassiti intestinali, i più conosciuti sono l’ameba, la tenia (o verme solitario) e gli ossiuri. Volete conoscere quali sono le cure per eliminarli?

Alcune informazioni sui parassiti intestinali

I parassiti che vivono nel nostro intestino spesso si raggruppano in colonie e vivono a nostre spese. Competono con noi per lo sfruttamento di alimenti e sostanze nutritive, causandoci molti problemi. I parassiti intestinali possono essere microscopici o raggiungere diversi centimetri di lunghezza.

Tra i primi, possiamo ricordare le amebe (si trasmettono attraverso l’acqua contaminata), i cryptosporidium (si sviluppano generalmente in presenza di difese immunitarie basse), la giardia lamblia (trasmessa attraverso alimenti infetti, acqua o materiale fecale). Tra i parassiti intestinali che si possono osservare senza l’ausilio del microscopio, troviamo l’ancylostoma (si nutre di sangue), il tricocefalo (danneggia le pareti intestinali), l’ascaris lumbricoides (può raggiungere fino a 30 cm di lunghezza e si annida nell’intestino tenue), gli ossiuri (colpiscono principalmente i bambini), la tenia o verme solitario (in genere l’infezione avviene mediante il consumo di carne di maiale poco cotta).

parassita1-500x329

Quali sono i fattori che favoriscono la presenza dei parassiti intestinali?

  • Debolezza del sistema immunitario
  • Eccessivo consumo di cibo da fast food
  • Pressione alta
  • Depressione
  • Eccesso di stress
  • Mancanza di igiene durante la preparazione dei pasti
  • Ingestione di carne cruda infetta
  • Non lavarsi le mani prima di mangiare
  • Non lavarsi le mani dopo essere andati in bagno
  • Seguire una dieta povera di sostanze nutritive
  • Camminare scalzi in luoghi infetti

Parassita-500x331Quali sintomi sono legati alla presenza di questi parassiti?

  • Anemia
  • Pallore
  • Coliche
  • Mal di testa
  • Stanchezza
  • Deperimento
  • Tosse forte
  • Digrignare i denti (Bruxismo)
  • Febbre
  • Mancanza di appetito
  • Dormire con gli occhi aperti
  • Vomito
  • Insonnia
  • Prurito nella zona anale
  • Carattere irritabile o violento

Come prevenire i parassiti intestinali?

Mantenete una buona igiene personale

Non dimenticate di lavare le mani dopo essere tornati a casa, dopo aver toccato i soldi, dopo essere andati in bagno, prima di cucinare, dopo aver cambiato un pannolino, etc.

Seguite una dieta sana

Il sistema immunitario non si indebolirà e ridurrete il rischio di incorrere in un’infezione parassitaria. Assumete, in particolare, più vitamina C e A.

Fate bollire l’acqua

Se non siete certi della potabilità dell’acqua, ad esempio in viaggio, è meglio farla bollire. Altrimenti, bevete solo acqua in bottiglia, prestando molta attenzione al suo colore e sapore.

Lavate bene gli alimenti

Soprattutto i cibi che intendete consumare crudi, come la frutta o la verdura. Evitate di mangiare carne cruda o poco cotta.

donna-in-cucina-con-verdure-500x376

 

Rimedi naturali per trattare i parassiti intestinali

L’infezione da parassiti intestinali va trattata il più rapidamente possibile, per poterli eliminare e impedire che aumentino di volume e quantità (si riproducono abbastanza velocemente). Una dieta disintossicante agevolerà l’espulsione dei parassiti.

Se l’interessato è una persona adulta, per due o tre giorni dovrà mangiare ananas e due spicchi d’aglio (uno a digiuno e l’altro a mezzogiorno), nient’altro. Dovrà bere due litri d’acqua acidulata con un po’ di succo di limone. In alternativa, si può preparare un infuso di prezzemolo e berne due litri al giorno.

frittata-prezzemolo-Kim-Ahlstrom-500x333

In questo modo, i parassiti intestinali si indeboliscono e possono essere eliminati più rapidamente. Per tutta la durata di questo trattamento sarebbe opportuno non uscire di casa in quanto, molto probabilmente, si accuserà colite o diarrea. Potete ridurne l’effetto bevendo due tazze di acqua di riso (la stessa acqua che resta dopo la bollitura del riso, dopo averla filtrata).

Dopo esservi disintossicati per due giorni, mantenete una dieta sana e controllata per almeno cinque giorni: eliminate le farine bianche e i loro derivati, gli zuccheri raffinati, i latticini, i fritti e la carne. Continuate a bere molta acqua e consumate verdure crude. State a riposo.

Se è un bambino ad avere i parassiti, dovrà mangiare aglio fresco a digiuno. Potete schiacciarlo e mescolarlo con il limone. Il bambino dovrà seguire questo trattamento per una settimana, durante la quale mangerà solo frutta e verdura (a sazietà, se ha conservato l’appetito).

Altri rimedi naturali contro i parassiti intestinali:

Ricetta n. 1

Ingredienti:

  • 3 spicchi d’aglio
  • 1 tazza di acqua calda (250 ml)

Preparazione:

Mettete gli spicchi d’aglio pelati e tritati nell’acqua calda e lasciate riposare per tutta la notte. Bevete la mattina, a digiuno.

Ricetta n. 2

Ingredienti:

  • ½ cucchiaino di timo
  • ½ cucchiaino di radice di genziana
  • ½ cucchiaino di camomilla
  • ½ tazza di acqua (125 ml)

Preparazione:

Fate bollire l’acqua con le erbe per una decina di minuti. Spegnete il fuoco e lasciate riposare per altri dieci minuti. Bevete questo decotto a digiuno. Continuate il trattamento per 10 giorni consecutivi (bambini) o 20 giorni (adulti).

 

camomilla-500x353

Ricetta n. 3

Ingredienti:

  • 1 mazzetto di menta piperita
  • 1 litro di acqua
  • 2 spicchi d’aglio
  • ¼ di tazza di latte (60 ml)

Preparazione:

Fate bollire la menta nell’acqua e poi filtratela. Aggiungete due spicchi d’aglio tritato e il latte. Lasciate raffreddare, quindi bevete tutto insieme. È necessario consumarlo prima di colazione.

latte-500x410

Ricetta n. 4

Ingredienti:

  • 2 cucchiai di semi di zucca
  • ½ tazza di acqua tiepida (125 ml)

Preparazione:

Mescolate gli ingredienti e bevete a digiuno.

Ricetta n. 5

Ingredienti:

  • ¼ di tazza di succo d’arancia (60 ml)
  • 2 cucchiai di succo di papaya
  • 2 cucchiai di olio di oliva

Preparazione:

Mescolate insieme gli ingredienti e bevete la miscela tutte le mattine.

Ricetta n. 6

rimedi-con-olio-di-oliva-500x354

Ingredienti:

  • 500 ml di olio d’oliva extra vergine
  • 60 g di assenzio essiccato

Preparazione:

Fate macerare insieme i due ingredienti, all’interno di un recipiente a chiusura ermetica e scuro per 10 giorni. Trascorso questo tempo, prendetene due cucchiaini al giorno, a digiuno.

Guarda anche