Come evitare l'iperpigmentazione quest'estate?

Per evitare la comparsa di macchie cutanee durante l'estate è fondamentale proteggersi dal sole. Scopri alcuni consigli.
Come evitare l'iperpigmentazione quest'estate?

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 09 agosto, 2022

L’iperpigmentazione tende a manifestarsi più frequentemente durante l’estate. Questa condizione provoca l’oscuramento di una parte della pelle. In particolare, tende a manifestarsi nelle persone di carnagione chiara, quando alcune cellule producono più melanina di altre in risposta alla luce solare. Il risultato è ciò che conosciamo come lentiggini o macchie.

La luce solare non è certo l’unica causa, ma è una delle più frequenti. Per questo, durante la stagione estiva è necessario prendere precauzioni estreme e adottare alcuni accorgimenti per proteggere la pelle dai raggi solari. Ne parliamo in questo articolo.

Cos’è l’iperpigmentazione?

L’iperpigmentazione è un processo caratterizzato dalla comparsa di macchie di colore più scuro sulla pelle. Di solito sono marroni ma possono anche essere nere o grigie. Di solito si manifesta in tre modi:

  • Lentiggini. Sono piccole lesioni pigmentate che compaiono quasi sempre sulle guance, sul labbro superiore e sulla fronte. Di solito sono presenti fin dall’infanzia, ma il sole le esalta.
  • Lentiggini attiniche o solari. Sono macchie più grandi delle lentiggini. Tendono ad apparire sulle guance, sulle tempie, sulla fronte, sul dorso delle mani e sulla scollatura. Sono una risposta alla luce solare.
  • Melasma. Sono macchie di tono brunastro che compaiono sul viso. Possono essere una risposta al sole, ma più spesso sono un effetto della gravidanza o dell’uso di contraccettivi.
Effetti dell'iperpigmentazione.
L’esposizione al sole è uno dei principali fattori di rischio per macchie e segni prematuri dell’invecchiamento cutaneo.

Perché succede?

L’iperpigmentazione è più comune in periodi come l’estate a causa della costante esposizione al sole. Questa situazione aumenta il rischio di ustioni e fa sì che la pelle attivi le sue difese naturali. Quest’ultimo consiste in un aumento della produzione di melanina, sostanza che scurisce la superficie cutanea.

In certa misura, questo meccanismo impedisce ai raggi solari di penetrare nelle zone più vulnerabili. Anche così, se la melanina viene prodotta in eccesso o in modo inadeguato, compaiono lesioni come lentiggini o melasmi.

Questi processi sono più frequenti e evidenti nelle persone che hanno l’acne, la psoriasi o l’eczema. I cambiamenti ormonali attivano anche la produzione di melanina. Per questo motivo, compare anche l’iperpigmentazione dovuta alla gravidanza o all’uso di contraccettivi.

Consigli per evitare l’iperpigmentazione in estate

Ci sono alcune misure che servono a prevenire l’iperpigmentazione durante l’estate o in qualsiasi stagione. La cosa più importante è applicarle costantemente in modo che facciano effetto. Eccole in dettaglio.

Esfoliazione

L’uso di un esfoliante una o due volte alla settimana è l’ideale per rimuovere le cellule morte. Per inciso, questo aiuta a ridurre notevolmente la presenza di cellule iperpigmentate. Tuttavia, non è consigliabile esfoliare troppo frequentemente o con metodi molto aggressivi, poiché questo indebolisce la pelle.

È meglio usare esfolianti chimici con ingredienti acidi. I prodotti con acido glicolico, acido lattico o acido salicilico sono ideali per la gestione dell’iperpigmentazione. Inoltre, detergono, ringiovaniscono e illuminano la pelle.

Proteggere dalle infiammazioni

È importante evitare creme e prodotti cosmetici che causano infiammazioni della pelle. Allo stesso modo, dopo l’esposizione al sole, è consigliabile utilizzare una crema antinfiammatoria. I più consigliabili sono quelli che contengono vitamina E, resveratrolo e centella asiatica.

Usa creme solari e altri elementi protettivi

Indossare la protezione solare tutti i giorni è essenziale per prevenire l’iperpigmentazione. Questo deve essere fatto a colpo sicuro, anche se le giornate sono nuvolose. Dovrebbe essere applicato ogni due o tre ore, anche se c’è solo l’esposizione al sole attraverso una finestra.

Questo prodotto aggiunge uno strato extra alla pelle. Questo aiuta a prevenire la diffusione dell’iperpigmentazione. Ci sono diverse presentazioni e la cosa migliore da fare è consultare un dermatologo su quale sia il più appropriato in ogni caso particolare.

Una quantità maggiore dovrebbe essere applicata su macchie, lentiggini o ferite come cicatrici, se presenti. Il fattore di protezione solare (SPF) deve essere maggiore di 30.

Consigli per evitare l'iperpigmentazione in estate.
L’applicazione costante della protezione solare è la misura più importante per prevenire la comparsa di macchie sulla pelle.

Attenzione con i lettini abbronzanti

I lettini abbronzanti sono un mezzo per sfoggiare una pelle più scura, senza esporsi al sole. Tuttavia, è necessario prestare attenzione quando li si utilizza poiché possono anche causare macchie. Possono anche essere un fattore di rischio per il cancro della pelle. Un dermatologo dovrebbe essere consultato a questo proposito.

Come ridurre l’iperpigmentazione sulla pelle?

Se l’iperpigmentazione è già presente, ci sono modi per ridurla o eliminarla. È molto importante discutere il problema con il dermatologo in modo che possa guidarti sulle migliori opzioni in ogni caso. Il medico deve determinare la causa del problema prima di iniziare il trattamento.

In ogni caso è indicato non esporsi al sole per tutta la durata del trattamento. Esistono diversi prodotti in crema per combattere l’iperpigmentazione. Questi agiscono riducendo o bloccando la produzione di melanina, oppure aumentando il rinnovamento cellulare della pelle.

La solita cosa è che il trattamento con le creme è a lungo termine, per il quale è richiesta perseveranza. Allo stesso modo, a volte non è consigliabile applicare questi tipi di misure durante l’estate. Altre opzioni sono procedure estetiche come le seguenti:

  • Peeling professionali.
  • Trattamenti di fototerapia laser o luce pulsata.
  • Trattamenti di microdermoabrasione.

Da ricordare

Idealmente, sia la prevenzione che il trattamento dell’iperpigmentazione dovrebbero essere accompagnati da una dieta adeguata. Ciò significa mangiare cibi ricchi di polifenoli e antiossidanti, poiché questi nutrono e riparano la pelle.

È molto importante includere l’applicazione della protezione solare nella routine quotidiana. Poiché questi prodotti sono molto vari, è meglio consultare un professionista per individuare quello più adatto al proprio tipo di pelle.

Potrebbe interessarti ...
Protezioni solari: miti e curiosità sull’abbronzatura
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Protezioni solari: miti e curiosità sull’abbronzatura

Un uso corretto delle protezioni solari è il modo migliore per difendere la pelle dai danni causati dai raggi UV. Quali sono i falsi miti?



  • Cestari TF, Dantas LP, Boza JC. Acquired hyperpigmentations. An Bras Dermatol. 2014;89(1):11-25. doi:10.1590/abd1806-4841.20142353
  • Vashi, N. A., & Kundu, R. V. (2013). Facial hyperpigmentation: causes and treatment. British Journal of Dermatology, 169, 41–56. https://doi.org/10.1111/bjd.12536
  • Arif T. Salicylic acid as a peeling agent: a comprehensive review. Clin Cosmet Investig Dermatol. 2015;8:455-461. Published 2015 Aug 26. doi:10.2147/CCID.S84765
  • Fatima S, Braunberger T, Mohammad TF, Kohli I, Hamzavi IH. The Role of Sunscreen in Melasma and Postinflammatory Hyperpigmentation. Indian J Dermatol. 2020 Jan-Feb;65(1):5-10. doi: 10.4103/ijd.IJD_295_18. PMID: 32029932; PMCID: PMC6986132.
  • Schulman JM, Fisher DE. Indoor ultraviolet tanning and skin cancer: health risks and opportunities. Curr Opin Oncol. 2009;21(2):144-149. doi:10.1097/CCO.0b013e3283252fc5