Come evitare problemi con gli acari

· 20 luglio 2014
Per evitare che gli acari proliferino nelle vostre lenzuola, non rifate il letto quando vi alzate.

Gli acari della polvere sono una delle cause più comuni di allergie, che colpiscono sempre più persone. Vivono soprattutto in ambienti umidi e in autunno.

In questo articolo vi offriamo alcuni semplici consigli che, se seguiti con costanza, vi aiuteranno a evitare che proliferino.

Le persone allergiche agli acari già conosceranno alcune di queste misure, ma altre forse rimarranno sorprese nel notare i miglioramenti che queste possono apportare.

Deumidificare l’ambiente

Come abbiamo detto gli acari vivono in ambienti umidi, quindi la prima misura da adottare è valutare se nella vostra casa può esserci un eccesso di umidità (per via del clima, del luogo in cui vi trovate, ecc.). Se è così, potete ricorrere a dei deumidificatori, naturali o elettrici, da collocare in diversi luoghi della casa.

Ventilare la camera ogni giorno

Gli acari si formano più facilmente in ambienti umidi e caldi, come le lenzuola, le trapunte, i divani, le tende, i peluche, i materassi o i cuscini, i tappeti e così via. Alcuni sono imprescindibili, ma per altre cose valutate meglio se ne avete realmente bisogno.

A tale proposito vi consigliamo di ventilare la camera ogni giorno, facendo persino entrare il sole direttamente sui luoghi dove possono esserci acari, onde possibile.

acari-Chiots-Run

Pulire con aceto di rosmarino

Potete facilmente preparare l’aceto di rosmarino. Lasciate macerare dei rametti freschi di rosmarino nell’aceto per una settimana; in seguito potete usarlo come disinfettante e prodotto per la pulizia fatto in casa e naturale.

Per pulire, inumidite un panno con questo aceto e usatelo per i mobili e anche per passare lo straccio sul pavimento.

Usare diffusori con oli essenziali

I diffusori aromatici non solo permettono di riempire le camere di profumi deliziosi, ma anche di combattere gli acari in maniera naturale. Per questo scopo vi consigliamo i seguenti aromi:

  • limone
  • cannella
  • citronella
  • menta piperita
  • albero del tè
  • rosmarino
  • lavanda

Se non avete un diffusore potete aggiungerne qualche goccia in uno spray con acqua e nebulizzarlo nella camera durante l’arco della giornata.

Quando comprate degli oli essenziali assicuratevi che siano di qualità, estratti dalla pianta e non essenze aromatiche artificiali senza nessuna proprietà.

Purificare l’aria con le piante

Una soluzione economica e naturale per purificare l’aria delle stanze è quella di utilizzare diverse piante. Non tutte le piante sono adeguate a questo scopo perché alcune possono invece sottrarre ossigeno. Cercate, dunque, le piante che rigenerano aria, ossia:

  • Chrysalidocarpus lutescens (Areca, Palma di bambù): una pianta che pulisce l’aria durante il giorno. Dovete pulire le sue foglie spesso, a seconda della contaminazione della zona. Questa pianta non ha bisogno di particolari cure perché si adatta ai luoghi con poca luce e con scarsa umidità.
  • Sansevieria rifasciata (Sansevieria): questa pianta trasforma l’anidride carbonica in ossigeno durante la notte ed è quindi ideale da mettere nella camera da letto.
  • Epipremnum aureum (Potos, Pothos, Scindapsus): il Potos è una pianta da interni molto resistente. Dovete tenerla lontana dai raggi del sole diretti.
  • Altre piante che potete scegliere sono il falangio, l’edera, il ficus o la dieffenbachia.

pianta-rabi-w

Lavaggio settimanale

Cercate di lavare ogni settimana quei tessuti che promuovono la proliferazione degli acari di cui abbiamo parlato in precedenza. Fatelo con acqua calda, aggiungendo all’ammorbidente un goccio di aceto di rosmarino. Inoltre, l’ideale sarebbe asciugare i vestiti in un’asciugatrice o stendendoli bene al sole.

Inoltre, sebbene non settimanalmente, non dimenticatevi della regolare pulizia di divani, poltrone e moquette.

Prodotti acaricidi

Ormai esistono sul mercato prodotti acaricidi, cioè prodotti specifici preparati con materiali che evitano la proliferazione degli acari. Il loro prezzo è molto alto, ma se soffrite molto di allergia agli acari vi conviene acquistarli, almeno quelli fondamentali. Ad esempio, potete utilizzare fodere antiacari per i cuscini e i materassi.

Inoltre, dovete prendere in considerazione il fatto che sul mercato ci sono molti prodotti per gli acari, anche se di alcuni non è ancora stata dimostrata l’efficacia; tuttavia, potete valutare se vi conviene provarli o meno. Degli esempi sono le vernici antifunghi e i filtri elettrostatici.

Immagini per gentile concessione di: Chiot’s Run e rabiw

Guarda anche