Come fare un dentifricio rimineralizzante per sbiancare i denti

· 24 febbraio 2015

Forse non lo sapete, ma i dentifrici che siamo soliti comprare nei supermercati non sono indicati al 100% per la nostra igiene orale. Questo è dovuto al fatto che i composti utilizzati per creare il dentifricio non solo sono chimici, ma danneggiano anche lo smalto che ricopre i nostri denti.

Sicuramente saprete che servono a sbiancare o a eliminare la placca e questo è vero, solo che il prezzo che paghiamo per ottenere questi risultati è molto alto (e non si tratta de prezzo del dentifricio). Volete sapere come fare un dentifricio rimineralizzante e un collutorio per sbiancare i vostri denti? Scoprite come in questo articolo.

Cos’è la rimineralizzazione?

Per spiegarvelo meglio, dobbiamo citare il lavoro di Weston A. Price, che viaggiò per il mondo nel 1930 in cerca di tribù primitive prive di carie ai denti e di malattie degenerative. Non solo riuscì a trovarle, ma trovò anche un legame tra le tribù più sane.

La risposta erano le vitamine liposolubili. Ognuna delle 14 tribù sparse in tutto il mondo e che non avevano mai avuto contatti con le altre tribù seguiva una dieta simile: pesce, latte e formaggio.

Il Dr. Price scoprì più tardi che in questi alimenti ci sono maggiori quantità di vitamine liposolubili A, D, E e soprattutto più vitamina K2. Il segreto per assimilare più minerali (mineralizzazione) era proprio questo.La vitamina K2 svolge un ruolo importante per segnalare al corpo dove distribuire i minerali (denti e ossa) e dove no (arterie). 

denti forti

Perché i dentisti moderni pensano che la rimineralizzazione non sia possibile? Una grande quantità di opinioni su questo tema sono dovute, ad esempio, all’influenza che hanno le marche del dentifricio e i prodotti per l’igiene orale.

Nella nostra società i grassi tradizionali si trovano nel burro, negli affettati, nella pancetta, nel pesce e nei frutti di mare. Se volete mantenere un peso salutare, stare bene e soprattutto avere dei denti forti e ricchi di minerali, quindi, dovete come prima cosa ridurre l’uso di dentifricio industriale, sostituendolo con ricette naturali e casalinghe e, sicuramente, mangiare meglio.

Ricette di dentifrici da fare in casa per rimineralizzare, sbiancare e rinforzare i denti

Anche se state comprando un dentifricio naturale, guardate l’etichetta perché probabilmente conterrà glicerina. L’obbiettivo è ottenere una pasta per denti morbida e omogenea, ma questo rende più difficile la rimineralizzazione.

Secondo quanto affermato dal dottor Ramiel Nagel nel suo libro, in soli 30 giorni si può distruggere lo smalto che ricopre i denti. Dipende tutto dalla dieta che seguite (e dai grassi che assumete), dal vostro livello di stress, sonno, metabolismo e dal vostro stato di salute in generale. Affinché la rimineralizzazione si verifichi, è importante cambiare il tipo di alimentazione e le proprie abitudini.

Volete dei denti forti? Cercate le risposte nella natura. Sapevate che i cani che si nutrono di carne cruda hanno dei denti perfetti? E che quando alimentate i vostri animali domestici, che sono carnivori e dovrebbero mangiare come tali, con crocchette, i loro denti si cariano? Succede lo stesso agli esseri umani. Abbiamo bisogno della nostra dieta autoctona. Siamo onnivori, quindi abbiamo a disposizione una grande varietà di alimenti ricchi di nutrienti da trovare in verdure e nella carne.

La natura ci ha fornito il dentifricio naturale più efficace per mantenere lo smalto dei denti perfetto, impermeabile alle carie. Per questo, dobbiamo mangiare alimenti ricchi di calcio, fosforo, vitamine liposolubili e evitare gli alimenti processati.

Come preparare in casa un dentifricio/collutorio sbiancante e rimineralizzante

Ingredienti

  • 2 cucchiaini di carbonato di calcio 
  • 1 cucchiaino di cristalli di xilitolo
  • 10 gocce di minerali liquidi
  • 10 gocce di olio essenziale di menta
  • 5 gocce di olio essenziale di limone
  • 2 bicchieri d’acqua (500 ml).

In un bicchiere versate i cristalli di xilitolo e il calcio in polvere. Aggiungete i minerali liquidi e gli oli essenziali. Aggiungete l’acqua e mischiate il tutto. Versate il composto in una bottiglia. Chiudete il tappo e agitate insieme tutti gli ingredienti per 30-60 secondi, affinché lo xilitolo si dissolva. Agitate bene prima di ogni uso. Potete conservare il composto in frigorifero fino a due settimane.

spazzolino

Perché questi ingredienti? 

  • Carbonato di calcio in polvere: rimineralizza i denti
  • Cristalli di xilitolo: proteggono i denti e le gengive
  • Minerali liquidi: rimineralizzano i denti
  • Olio essenziale di menta: sapore e alito fresco
  • Olio essenziale di limone: per denti più bianche e brillanti.

Come dev’essere un dentifricio fatto in casa?

1. Sapore di menta: Alcune persone optano per altri oli essenziali, come quello di eucalipto, che va ugualmente bene. L’importante è che lasci l’alito fresco.
2. Dev’essere dolce: questo non vuol dire che debba contenere zucchero, che provoca la carie ai denti, ma che debba avere un sapore gradevole.
3. Deve rimineralizzare: La saliva pulisce i nostri denti e gli restituisce i minerali persi con il cibo, le bevande e le sigarette. Un dentifricio fatto in casa, quindi, dev’essere ricco di minerali per aiutare la saliva a compiere le sue funzioni.
4. Deve sbiancare: Per avere un sorriso brillante, senza l’utilizzo di prodotti chimici.
5. Deve proteggere dalle carie: Deve pulire a fondo ed eliminare i resti di cibo che rimangono incastrati nei molari e nei denti.
6. Deve essere naturale: Questo significa che va fatto in casa. Usate la ricetta che vi abbiamo dato e godetevi gli ottimi risultati che otterrete!

Guarda anche