Ansiolitici naturali per rilassare il sistema nervoso

23 Marzo 2019
Fare attività fisica, praticare la meditazione o qualsiasi altra forma di distrazione dagli obblighi di tutti i giorni è il modo migliore per combattere l'ansia

Erbe e radici medicinali vengono impiegate come trattamento per diversi disturbi fisici e psicologici fin dall’antichità. Attualmente, gli ansiolitici naturali sono una buona opzione in caso di ansia moderata e occasionale. A ogni modo, conviene sempre consultare il proprio medico curante.

Magari anche a voi è capitato di ricorrere agli ansiolitici naturali per evitare di assumere i farmaci tradizionali. In questo senso, un infuso di valeriana o camomilla è l’ideale se avete avuto una brutta giornata e avete bisogno di rilassarvi.

Tuttavia, non si può sottovalutare un aspetto importante: in molti casi gli psicofarmaci sono necessari, soprattutto in presenza di un determinato disturbo cronico che rischia di compromettere la qualità di vita. D’altra parte, in situazioni di stress, ansia, agitazione o nervosismo, gli ansiolitici naturali possono rivelarsi una buona soluzione.

Dopo aver scelto il rimedio più adatto nelle dosi consigliate, trarrete sicuramente beneficio da questi preziosi rimedi che la natura ha messo a disposizione di tutti.

Psicofarmaci e ansiolitici naturali

Farmaci per calmare l'ansia

L’industria farmaceutica punta a sviluppare psicofarmaci sempre più efficaci e con effetti collaterali minimi o ridotti. Dagli anni ’50 a oggi, i progressi sono stati notevoli. Un tempo c’erano i barbiturici, ansiolitici pericolosi che creano dipendenza. Oggi, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) rappresentano senza dubbio un miglioramento significativo per quanto riguarda il trattamento della depressione e dell’ansia.

Tra i farmaci più prescritti ricordiamo:

  • Clonazepam, utilizzato per il trattamento dell’ansia generalizzata e della fobia sociale.
  • Lorazepam, utilizzato per i disturbi d’ansia e panico.
  • Alprazolam, utilizzato per i disturbi di panico e ansia generalizzata.

Questi farmaci, però, non sono privi di effetti collaterali. Un’assunzione prolungata può generare dipendenza.

Vi consigliamo di leggere anche: Abitudini da evitare quando si soffre di ansia

Quando ricorrere agli ansiolitici naturali?

Bisogna avere ben chiaro un aspetto, ovvero che l’automedicazione è sconsigliata. È sempre il medico a dover stabilire il trattamento più indicato da seguire. Se dopo una valutazione e una diagnosi accurate decide che uno psicofarmaco è la soluzione migliore per conciliare il sonno o migliorare lo stato d’animo, insieme a un’eventuale terapia psicologica, allora è importante seguire le sue indicazioni.

Per quanto riguarda gli ansiolitici naturali, ricordiamo che sono particolarmente indicati nei seguenti casi:

  • Ansia moderata e occasionale
  • Nervosismo: esame universitario, colloquio di lavoro, ecc.
  • Insonnia moderata

Se vi state chiedendo se gli ansiolitici naturali sono efficaci, lo sono. Diversi studi, come quello condotto dai ricercatori dell’Adelphi University (New York, Stati Uniti), confermano quanto segue: esistono erbe naturali e nutrienti in grado di stimolare la sintesi dei neurotrasmettitori e migliorare, addirittura regolare, la chimica cerebrale in maniera naturale, senza causare effetti collaterali.

Vediamo insieme quali sono le piante e le erbe medicinali più indicate in caso di ansia moderata e occasionale.

Ansiolitici naturali per calmare l’ansia

Tra le piante medicinali usate come alternative ai farmaci ansiolitici per alleviare i problemi di ansia vi sono:

1. La melissa

Melissa

La Melissa officinalis, comunemente nota come melissa, è in grado di ridurre in maniera significativa, rapida ed efficace i problemi di ansia, stress e nervosismo. Come rivelano gli studiosi dell’Università di Avignone, in Francia, la melissa è efficace per trattare gli stati di ansia moderata e di insonnia.

2. Il tiglio

Il tiglio è una pianta molto conosciuta per le sue proprietà calmanti. È un’ottima alternativa naturale per calmare il nervosismo e il malessere legato all’ansia.

3. La lavanda

La lavanda è una pianta appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, nota per i suoi molteplici impieghi. Tra questi ricordiamo che la lavanda è indicata per:

  • Disinfettare le ferite
  • Repellere gli insetti
  • Calmare l’emicrania

Inoltre, la lavanda aiuta a placare il nervosismo, riduce lo stress e l’ansia.

4. La passiflora

Passiflora

La passiflora, la pianta del frutto della passione, è originaria degli Stati Uniti e viene utilizzata come sedativo naturale in grado di alleviare:

  • Tensione nervosa
  • Iperattività
  • Disturbi del sonno

I ricercatori dell’Adelphi University hanno riscontrato che la passiflora aumenta la sintesi dell’acido gamma-amminobutirrico (GABA) così come la sua ricaptazione, per cui favorisce il rilassamento e il benessere dell’organismo.

Leggete anche: 11 bevande e alimenti per persone nervose

5. La camomilla

Camomilla

La camomilla è una pianta che offre molteplici benefici per la salute e il corpo, ad esempio:

  • Calma il mal di stomaco
  • Elimina la flatulenza
  • Disinfetta le ferite
  • Riduce le infiammazioni

Questa meravigliosa pianta dalle proprietà ansiolitiche è capace di ridurre il nervosismo e l’ansia, garantendo il rilassamento del corpo.

6. L’iperico o erba di San Giovanni

Come spiega il Dottor Elham Alramadhan dell’Adelphi University di New York, l’iperico viene da sempre utilizzato come antidepressivo. Ne è stata riscontrata l’efficacia anche nel trattamento dell’ansia e dello stress, in quanto aumenta la produzione di serotonina.

È indicato anche per il trattamento della sindrome premestruale. Ad ogni modo, conviene consultare il medico prima di ricorrere a questo rimedio.

Come assumere gli ansiolitici naturali?

Il modo migliore per assumere gli ansiolitici naturali è sotto forma di infuso. In questo modo è possibile assorbirne le proprietà e trarne beneficio.

Ingredienti

  • 200 ml di acqua
  • 15 g della pianta selezionata
  • 25 g di miele

Preparazione

  • Riscaldate l’acqua in una casseruola fino a ebollizione.
  • Quando bolle, togliete il pentolino dal fuoco e aggiungete l’erba medicinale.
  • Coprite e lasciate in infusione per 15 minuti.
  • Filtrate l’infuso.
  • Aggiungete il miele e lasciate riposare altri 5 minuti.

Modalità di consumo

Per alleviare i problemi di ansia moderata e occasionale, vi consigliamo di bere 2-3 tazze (600 ml) di infuso al giorno.

Non dimenticate di consultare il medico prima di ricorrere a questi rimedi naturali.

  • Silver, J. A., Hughes, J. D., Bornstein, R. A., & Beversdorf, D. Q. (2004). Effect of anxiolytics on cognitive flexibility in problem solving. Cognitive and Behavioral Neurology. https://doi.org/10.1097/01.wnn.0000119240.65522.d9
  • Fedotova, J., Kubatka, P., Büsselberg, D., Shleikin, A. G., Caprnda, M., Dragasek, J., … Kruzliak, P. (2017). Therapeutical strategies for anxiety and anxiety-like disorders using plant-derived natural compounds and plant extracts. Biomedicine and Pharmacotherapy. https://doi.org/10.1016/j.biopha.2017.08.107
  • Gelfuso, É. A., Santos Rosa, D., Fachin, A. L., Mortari, M. R., Olimpio, A., Cunha, S., & Oliveira Beleboni, R. (2013). Anxiety: A Systematic Review of Neurobiology, Traditional Pharmaceuticals and Novel Alternatives from Medicinal Plants. CNS & Neurological Disorders -Drug Targets. https://doi.org/10.2174/18715273113129990102