Come identificare le micosi dei piedi

2 Dicembre 2019
Il problema principale delle infezioni micotiche è che tendono a riapparire; è importante, quindi, prestare la massima attenzione all'igiene e, soprattutto, cercare di mantenere sempre i piedi asciutti.

I piedi sono un terreno idoneo per lo sviluppo delle infezioni micotiche, soprattutto quando sono spesso a contatto con ambienti umidi o contaminati. Le micosi dei piedi, che possono essere molto fastidiose, in alcuni casi sono il risultato di abitudini di salute e bellezza poco sane.

La loro comparsa e gravità varia da persona a persona, infatti molte persone ne soffrono sporadicamente, mentre altre ne hanno a che fare con una certa regolarità. Non si tratta certamente di un grave problema di salute, tuttavia in alcuni casi le difficoltà che si incontrano nel trattamento possono avvisare di un indebolimento del sistema immunitario.

Per di più, le micosi dei piedi in alcuni casi sono accompagnate da reazioni infiammatorie della pelle, bruciore, piaghe e altri sintomi fastidiosi. Ecco perché è importante saperle individuare e trattarle con la terapia più indicata.

Cosa sono le micosi dei piedi?

Le micosi dei piedi sono infezioni causate da funghi della pelle. In genere, cominciano a svilupparsi tra le dita, per poi estendersi verso la pianta del piede e le unghie. Causano alterazioni della pelle e sintomi come:

  • Secchezza eccessiva.
  • Screpolature o piaghe.
  • Calli giallastri.
  • Prurito.
  • Bruciore.
  • Odore sgradevole.

Leggete anche: Esfoliante con olio di cocco e sale per rimuovere i calli dei piedi

Quanti tipi di micosi dei piedi esistono?

Le principali infezioni micotiche che colpiscono i piedi sono due:

1. Piede d’atleta o tinea pedis

È forse l’infezione più comune e poiché si propaga con facilità, può diventare difficile da trattare se viene trascurata per lungo tempo. Ne sono colpiti soprattutto gli sportivi perché il calore che si concentra all’interno delle scarpe e il sudore creano un ambiente ottimale allo sviluppo dei funghi.

Piede d'atleta

Ciononostante chiunque può esserne soggetto, soprattutto quando vengono ignorate le norme igieniche necessarie per evitare la proliferazione dei microrganismi sui piedi e nelle calzature. Si presenta con i seguenti sintomi:

  • Arrossamento della pelle dei piedi, soprattutto tra il quarto e il quinto dito.
  • Sensazione di bruciore o prurito a livello delle dita e sulla pianta del piede.
  • Presenza di piccole spaccature nella pelle tra le dita e sulla pianta del piede.
  • Desquamazione della pelle o presenza di vesciche.
  • I piedi emanano un odore molto forte, anche subito dopo averli lavati.

2. Tinea unguium

La tinea unguium, anche conosciuta come onicomicosi, è un’altra infezione micotica piuttosto comune. Può anche colpire le unghie delle mani, tuttavia è molto più frequente nei piedi, esposti al calore e all’umidità delle scarpe.

In genere sono comuni alla pari delle anteriori, poiché i funghi riescono ad attaccare con più facilità la loro superficie. È importante fare attenzione a:

  • Alterazioni delle unghie, colore giallognolo o grigio.
  • Fenditure o macchie bianche sulla superficie delle unghie.
  • Eccessivo spessore o durezza dell’unghia, soprattutto sull’alluce.
  • Deformazione dell’unghia.
  • Fragilità eccessiva.
  • Cattivo odore.

Come combattere le micosi dei piedi?

Il trattamento della micosi dei piedi varia in funzione della gravità con cui si presenta. In linea generale, è consigliabile rivolgersi a un podologo e mantenere il più possibile la pelle asciutta e aerata.

Oltre a questo, è possibile ricorrere a rimedi di origine naturale che, oltre a frenare la crescita dei funghi, calmano l’irritazione e il prurito.

1. Aceto di mele

È un ingrediente acido che, regolando il pH della pelle, diminuisce la presenza di funghi e batteri. Applicato regolarmente allevia il prurito e aiuta a eliminare le cellule morte.

  • Mescolatelo all’acqua tiepida e lasciate i piedi a bagno per una ventina di minuti.

Volete saperne di più? Leggete: 6 benefici che si ottengono immergendo i piedi in aceto

2. Olio essenziale di melaleuca

Noto per la sua azione antimicotica e antibatterica, l’olio essenziale di melaleuca è un ingrediente efficace contro le infezioni dei piedi.

Tea tree oil per curare le micosi dei piedi

  • Aggiungete poche gocce di olio essenziale in acqua tiepida. Fate quindi un pediluvio della durata di 15 o 20 minuti.
  • Se l’infezione micotica riguarda le unghie, applicatelo sulla superficie dell’unghia con l’aiuto di un batuffolo di cotone.

3. Bicarbonato di sodio

L’azione esfoliante e antisettica del bicarbonato di sodio accelera la guarigione della pelle colpita dalla micosi.

  • Ottenete una pasta con bicarbonato di sodio e acqua. Passatela sui piedi tramite un delicato massaggio.
  • Lasciate agire 10 minuti, infine risciacquate.

4. Aglio

L’aglio contiene composti solforosi che gli conferiscono proprietà antimicotiche e antibatteriche.

  • Triturate finemente uno spicchio d’aglio crudo. Strofinatelo sulla pelle e sulle unghie colpite dai funghi.
  • Attendete 20 minuti prima di risciacquare.

5. Limone

Il succo di limone fresco è un altro rimedio efficace contro le infezioni micotiche dei piedi e delle unghie. I suoi acidi naturali regolano il pH della pelle e alterano l’ambiente necessario alla proliferazione dei funghi.

  • Strofinate il succo di limone sulle zone interessate e lasciatelo agire per 20 minuti.

Se avete rilevato la presenza di un’infezione micotica, vi consigliamo di intervenire il prima possibile per prevenire possibili complicazioni! Usate uno di questi rimedi ma ricordatevi di igienizzare le scarpe e le calze per evitare una ricaduta.

  • Braham, C., Ezzine-Sebai, N., Arrese, J. E., Piérard-Franchimont, C., & Piérard, G. E. (2001). The connection between sports and spores. The foot, its mycoses and onychomycoses. Revue Medicale de Liege.
  • Azizjalali, M. H., & Behrangi, E. (2009). Study of the prevalence of tinea pedis in swimmers of the west pools of Tehran in 2007 [Farsi]. Journal of Iran University of Medical Sciences.
  • Bottomley, A., & Veril, M. (1940). Sclerotium or footrot disease of Groundnuts. Fmg S Afr. 1940;