Come prevenire e trattare i dolori alle spalle

Quelle che tutti conosciamo come spalle non sono altro che un insieme di articolazioni, tendini e muscoli che permettono al braccio di muoversi  in diverse direzioni.

Questi movimenti, senza dubbio, sono molto importanti. Quando i tessuti o le strutture ossee si comprimono, si inizia ad avvertire un certo fastidio. Scoprite in questo articolo come prevenire e trattare i dolori alle spalle.  

Cosa sapere sui dolori alle spalle

Questi movimenti così importanti che le spalle ci permettono di compiere possono vedersi compromessi, ad esempio, quando solleviamo qualcosa di molto pesante, quando compiamo dei movimenti bruschi o ripetitivi, ecc. Il dolore può presentarsi per qualche ragione in particolare e scomparire dopo un pò oppure persistere e farsi sentire ogni notte.


È bene sapere che le spalle sono composte da tre ossa: l’omero, la scapola e la clavicola. Nella cavità glenoidea, che ha forma rotondeggiante, si uniscono le ossa, i tendini ed i muscoli. I tessuti di questa parte sono denominati “Cuffia dei rotatori” e la loro funzione è coprire la “testa”dell’osso dell’omero e anche quella di unire la scapola con la spalla. I problemi, fastidi e dolori alle spalle possono dividersi in:

Borsite

Si tratta di un’infiammazione delle borse piene di liquido lubrificante che aiutano a muovere le spalle. Sono come dei cuscinetti posti tra le ossa e i tessuti molli. Servono a ridurre l’attrito quando muoviamo le braccia.

L’uso eccessivo delle spalle infiamma queste “borse” ubicate tra la Cuffia dei rotatori e una parte della scapola.  La borsite è caratterizzata dall’incapacità di realizzare attività quotidiane come pettinarsi i capelli o vestirsi.

spalle

Tendinite

È associata alla borsite perché è anch’essa un’infiammazione, ma in questo caso, del tendine, una specie di corda che unisce i muscoli e le ossa. Con il passare degli anni, può dividersi in due parti. La tendinite può colpire vari tendini e nel caso delle spalle, colpire i quattro che si trovano nella cuffia dei rotatori e il bicipite.

L’infiammazione dei tendini può essere acuta (quando si fanno sempre gli stessi movimenti con le spalle verso l’alto, in direzione della testa) o cronica (dovuta ad alcune malattie degenerative, come l’artrite o la tendinopatia) .

Strappi

Si verificano ai tendini e possono essere dovuti a movimenti ripetitivi e bruschi, lesioni repentine o vecchiaia. Gli strappi possono essere parziali o completi. Le lesioni al tendine del bicipite e alla cuffia dei rotatori sono le più frequenti.

abbracci

Compressione

Si verifica quando l’acromion fa pressione sul tessuto molle, ovvero quando alzando le braccia lo si allontana dal corpo. Quando si realizzano i movimenti, la parte superiore della scapola comprime i tendini della cuffia dei rotatori. Può provocare tendinite o borsite, parecchio dolore e limitazione dei movimenti. 

Instabilità

Questo succede quando la “testa” dell’osso del braccio si sposta dalla cavità della spalla in modo forzato, in seguito ad un colpo, una caduta o una lesione. È comunemente conosciuta come lussazione e può essere parziale o completa. Quando l’osso verrà sistemato e tornerà al suo posto, potrà provocare fastidio al realizzare dei movimenti specifici.

Osteoartrite

Il dolore ad una delle due spalle può anche essere dovuta all’artrite. Uno dei tipi più comuni è dovuto all’usura e agli strappi. I sintomi sono infiammazione, rigidità e dolore e sono soliti presentarsi con il passare dell’età.

Si sviluppa poco a poco e limita i movimenti. Può anche essere relazionata a lesioni sportive o lavorative, ma anche agli strappi alla cuffia dei rotatori.

dolore

Frattura

Si verifica quando le ossa si rompono. In questo caso può essere una frattura della clavicola (collo), dell’omero (braccio) o della scapola. Quando il paziente è anziano, le fratture sono dovute soprattutto a cadute, mentre nei più giovani possono essere causate da lesioni gravi, ad esempio incidenti in auto o sport di contatto. Le fratture causano dolore acuto, infiammazioni e gonfiore. Solitamente si ricorre al gesso, ma nei casi più gravi sono necessari interventi chirurgici.

Come eliminare i dolori alle spalle

Gli esercizi sono il miglior modo per trattare, prevenire e migliorare i dolori alle spalle:

Movimenti di sollevamento in avanti

Utilizzate una fascia elastica, che vi aiuterà a rinforzare la flessibilità. Fissate la fascia ad una porta oppure ad un mobile, affinché sia all’altezza della vita. Tirate più che potete, mantenendo il braccio rigido fino a quando non sarà quasi parallelo al pavimento. Non superate con le braccia l’altezza delle orecchie.  

spalla rotta

Sollevamento delle spalle

È un esercizio simile a quello precedente, perché anche questo richiede l’uso di una fascia elastica. Prendete un lembo della fascia con la mano e collocatela all’altezza del ventre. Con la mano libera prendete l’altro estremo. Aprite e chiudete il braccio fino a quando non sarà parallelo al pavimento, mantenete la posizione per qualche secondo e ritornate poi alla posizione iniziale.

Sollevamento all’indietro

Agganciate la fascia elastica ad una gamba del tavolo. Mettetevi di fronte allo stesso tavolo. Prendete con una mano l’altro estremo della fascia e stirate il braccio all’indietro, senza oltrepassare la linea della spalla.

Rotazione del corpo incrociata

Sempre con la fascia attaccata al tavolo, mettetevi da un lato e prendetela con la mano più lontana. Piegate il gomito e appoggiatelo al corpo. L’unica parte da muovere è il polso verso l’esterno. Anche se la spalla si muove, rinforzerete tutto il braccio.

Sollevamento pesi

Non è necessario andare in palestra o sollevare pesi enormi, potete farlo con un pacco di riso, ad esempio, oppure riempiendo una bottiglia da 500 ml di sabbia. Alzate il braccio sopra la testa, stiratelo il più possibile e abbassatelo piegando il gomito.