Come ricominciare a praticare attività fisica dopo molto tempo

Dopo essere rimasti fermi per un po' di tempo, vi sembrerà di non avere mai fatto esercizio in vita vostra. Tuttavia, lo avete fatto per molto tempo.
Come ricominciare a praticare attività fisica dopo molto tempo

Ultimo aggiornamento: 28 gennaio, 2021

Forse avete sofferto una lesione, siete rimaste incinte oppure avete cambiato lavoro. Da qualche settimana o da qualche mese praticare attività fisica vi risulta difficile.

Perché? Perché, ad esempio, pensate che non riuscirete più a fare quello che facevate prima, come piegare o stirare una gamba, e che vi stancherete subito.

Tutto questo è vero, ma a volte è necessario recuperare le vecchie abitudini. Se vi trovate in una situazione simile a quella di cui vi stiamo parlando, dovete leggere questo articolo.

Vi spiegheremo come ricominciare a praticare attività fisica dopo molto tempo.

Il primo passo è il più difficile

Si dice che la cosa più importante sia durare almeno una settimana e quella più difficile raggiungere il mese in palestra, facendo sport o allenandosi per qualsiasi attività.

Quando si ha un incidente, si lavora più di prima, si hanno figli, ci si sposa, si inizia a studiare o inizia l’inverno, è ancora più difficile praticare attività fisica ogni giorno.

Per questo, spesso si abbandona l’iniziativa, sperando che succeda un miracolo e che tutte le condizioni siano a nostro favore e ci permettano di ricominciare a praticare attività fisica.

Come abbiamo già detto, la cosa più difficile è decidersi a ricominciare. Dopo essere rimasti fermi per un po’ di tempo, vi sembrerà di non avere mai fatto esercizio in vita vostra. Tuttavia, lo avete fatto per molto tempo.

Una volta che vi sarete riabituati al movimento, questo si trasformerà in un processo automatico.

La prima settimana di “adattamento” sarà molto importante. Se riuscite a raggiungere il mese di attività, abbandonare sarà più difficile.

Ragazza esegue esercizi gambe

Come ben sapete, fare sport aiuta a tenersi in salute. Non serve solo a perdere peso, ma migliora anche il battito cardiaco e la respirazione, purifica il sangue, elimina le tossine e libera le tensioni.

Inoltre, riduce lo stress, migliora l’umore, rende più flessibili e più forti, fa dormire meglio durante la notte, ecc.

Consigli per ricominciare a praticare attività fisica dopo molto tempo

Prestate attenzione ai seguenti consigli per ricominciare a praticare attività fisica dopo un lungo periodo di pausa:

Quali motivi vi spingevano a fare sport?

Tutti noi abbiamo una ragione specifica per cui fare sport. Nessuno può saperlo meglio di voi ed è importante che ricordiate cosa vi spingeva a praticare attività fisica prima di ricominciare.

Iniziate poco a poco

Non potete pretendere di riuscire a riprendere il ritmo di quando avete lasciato. Se prima correvate 2 km, adesso è già tanto se riuscite a non avere il fiatone dopo qualche minuto.

Abbiate pazienza e non esigiate troppo da voi stessi. Iniziate dal minimo e aumentate poco a poco la difficoltà, il peso o il tempo degli esercizi.

Se, ad esempio, il vostro livello era avanzato, non dovete sentirvi frustrati se vi toccherà ricominciare dal livello principiante, almeno per qualche giorno. In seguito, passerete all’intermedio e dopo un mese recupererete il normale ritmo di allenamento.

Siate realisti

È importante capire che non potete essere in forma né possedere uno stato fisico ottimale dopo alcuni mesi di inattività.

Anche se fin da subito potrete godere dei vantaggi dell’attività, è anche vero che non si possono fare miracoli.

Se il vostro peso corporeo è aumentato o se vi rendete conto che vi manca il fiato o la resistenza, non scoraggiatevi: siete stati fermi a lungo, quindi evitate di arrabbiarvi e di decidere di lasciar perdere.

Donna che corre sul bagnasciuga

Trovate il tempo

Non usate mai la scusa che non avete tempo. Se sapete organizzarvi bene, potete fare sport due o tre volte alla settimana, un’ora al giorno.

Pensate a quando facevate sport: che giorni e che orari seguivate? È possibile fare lo stesso adesso?

Variate

Questo vi aiuterà nel momento in cui dovrete trovare delle motivazioni. Un esercizio divertente e che vi fa sentire bene ha il doppio dei benefici.

Provate con diverse attività ogni giorno o settimana. Ad esempio, camminate il lunedì, fate sollevamento pesi il martedì, andate in bicicletta il mercoledì, ballate il giovedì e andate a correre il venerdì.

È un programma più che completo che vi piacerà.

Riposatevi

Lasciate passare un giorno dopo una giornata di attività fisica intensa.

Se, ad esempio, state male, non andate per forza in palestra.

Gli sforzi di questo tipo non fanno bene né a voi né alle persone che vi circondano. Potete mancare ogni tanto, se avete una buona ragione per farlo.

Esercizi con manubri

Cercate compagnia

Non è lo stesso fare sport soli o in compagnia. Potete farlo con un’amica, con il vostro partner, con vostro fratello o con un collega di lavoro.

È una buona idea per sentirvi motivati e, soprattutto, per divertirvi. Fate però attenzione: ci si vede per fare esercizio, non per chiacchierare o per mangiare. Potrete dedicarvi a queste attività appena finito l’allenamento.

Ponetevi obbiettivi realistici

Non pretendete di raggiungere ottimi risultati fin dal primo giorno in palestra. Gli obbiettivi che vi ponete devono essere semplici.

In questo modo, vi sentirete meglio con voi stessi e potrete continuare. Non abbattetevi, fare sport dev’essere qualcosa di bello, non una sofferenza.

Premiatevi

Ogni volta che raggiungete un obbiettivo, premiatevi o fatevi un regalo, piccolo (sopratutto se si tratta di cibo). Ad esempio, andate al cinema o compratevi un vestito nuovo.

Questo vi invoglierà ancora di più a fare sport e a raggiungere gli obbiettivi che vi siete posti. A volte premiarsi aiuta ad aumentare la motivazione.

Potrebbe interessarti ...
5 benefici psicologici del nuoto
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
5 benefici psicologici del nuoto

Conoscevate i benefici psicologici del nuoto? Si tratta di uno sport che non aiuta a migliorare solo dal punto di vista fisico, ma anche psicologic...



  • Duncan, L. R., Hall, C. R., Wilson, P. M., & O, J. (2010). Exercise motivation: a cross-sectional analysis examining its relationships with frequency, intensity, and duration of exercise. International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity, 7(1), 7. https://doi.org/10.1186/1479-5868-7-7
  • Mammen, G. and Faulkner, G. (2013). Physical activity and the prevention of depression: a systematic review of prospective studies. American Journal of Preventive Medicine, 45(5), 649-57. https://doi.org/10.1016/j.amepre.2013.08.001
  • McArthur, D., Dumas, A., Woodend, K., Beach, S., & Stacey, D. (2014). Factors influencing adherence to regular exercise in middle-aged women: a qualitative study to inform clinical practice. BMC Women’s Health, 14(49). https://doi.org/10.1186/1472-6874-14-49
  • Richards, J., Jiang, X., Kelly, P., Chau, J., Bauman, A., & Ding, D. (2015). Don’t worry, be happy: cross-sectional associations between physical activity and happiness in 15 European countries. BMC Public Health, 15(53). https://doi.org/10.1186/s12889-015-1391-4
  • Rodgers, W. M., Hall, C. R., Duncan, L. R., Pearson, E., & Milne, M. I. (2010). Becoming a regular exerciser: Examining change in behavioural regulations among exercise initiates. Psychology of Sport and Exercise, 11(5), 378–386. https://doi.org/10.1016/j.psychsport.2010.04.007
  • Uchida, S., Shioda, K., Morita, Y., Kubota, C., Ganeko, M., & Takeda, N. (2012). Exercise Effects on Sleep Physiology. Frontiers in Neurology, 3, 48. https://doi.org/10.3389/fneur.2012.00048