Scegliere la scuola migliore per i bambini

Se avete figli, saprete già che non è semplice scegliere la migliore scuola per loro. Ecco allora una serie di consigli per non commettere errori.
Scegliere la scuola migliore per i bambini

Ultimo aggiornamento: 02 luglio, 2021

È incredibile quanto crescano in fretta i bambini. Se avete figli piccoli, sarete d’accordo che dalla loro nascita fino al primo giorno d’asilo, il tempo è apparso più veloce della luce. Per questo è importante pianificare bene ogni aspetto come a quale scuola iscriverli. Se avete dubbi al riguardo, nessun problema: in questo articolo aiutiamo a scegliere la scuola migliore senza commettere errori.

La scelta dell’istituto in cui mandare i propri ragazzi non è né semplice né rapida, dal momento che entreranno in gioco una serie di elementi e variabili molto importanti. Non parliamo solo del livello qualitativo della formazione impartita, ma anche di aspetti legati alla zona, il tessuto sociale, l’approccio pedagogico e logistico, tanto per fare qualche esempio. Insomma, per scegliere la scuola più adatta alle esigenze dei propri figli bisogna valutare molti aspetti.

In ballo c’è il futuro dei bambini, la loro cultura e capacità di crescere e sviluppare abilità e conoscenze che li aiuteranno a interagire con il mondo esterno e con gli altri. Una scelta sbagliata potrebbe innescare problematiche di tipo comportamentale, rischiando di gettare al vento le qualità intrinseche dei piccoli.

Scegliere la migliore scuola: pubblica o privata?

Piccoli studenti a scuola.

Questa scelta è molto importante e non è solo limitata alle possibilità economiche. Se, da un lato, è importante calcolare e soppesare la spesa che l’istruzione privata inevitabilmente comporta, dall’altro occorrerà prendere in considerazione i vantaggi, ambientali e formativi, che questo sacrificio produrrà nella crescita didattica e personale dei piccoli di casa.

Ci sono almeno 4 fattori da tenere in considerazione quando si pensa di iscrivere il proprio bambino in una scuola privata. Vediamoli assieme.

1. Possibilità di ammissione

Molte scuole private hanno un numero limitato di posti, pertanto l’iscrizione può essere più difficile. Se nutrite il desiderio che i vostri figli frequentino una scuola privata, sarà meglio iniziare tutte le varie pratiche con largo anticipo per risparmiare tempo ed evitare spiacevoli sorprese all’ultimo momento.

Le scuole pubbliche sono tenute ad ammettere tutti i bambini, anche se in alcuni paesi e città esistono particolari restrizioni relative all’appartenenza a un determinato codice postale con la preferenza che spetta a chi risiede in zone limitrofe alla scuola o istituto.

Se nel vostro quartiere ci sono diverse scuole, dovrete scoprire se sono in grado di soddisfare le vostre aspettative pedagogiche, didattiche, sportive e logistiche, dal momento che la priorità di ogni genitore è quella di garantire sempre il meglio ai propri figli.

2. Curriculum scolastico

Bimba con occhiali in libreria.

Le materie, i libri di testo e la durata dei corsi tendono a essere uniformi nelle scuole pubbliche e seguono precise normative stabilite dal Ministero dell’Istruzione. Una prassi che non è sempre rispettata nel caso delle scuole private.

Sebbene queste ultime dovrebbero seguire le linee guida generali, hanno più libertà in quanto a eventuali modifiche e ampliamenti a livello curriculare.

Questo significa che i bambini potranno studiare più materie e formarsi in altri ambiti, come l’arte, la musica, le lingue straniere o lo sport, sempre all’interno della medesima scuola.

Oltre a ciò, se si dimostreranno particolarmente dotati, potrebbero addirittura completare determinati corsi in anticipo rispetto ai propri coetanei.

3. Formazione degli insegnanti

Generalmente gli insegnanti della scuola pubblica sono in possesso di titoli di studio universitari con specializzazioni in ambito pedagogico e sono esperti in formazione educativa. Accedono alla cattedra dopo aver superato difficili concorsi di accesso.

Alcune scuole private richiedono gli stessi requisiti, mentre alcune si affidano anche ad altri professionisti o esperti del settore. Ciò non significa che siano migliori o peggiori, in ogni caso è meglio informarsi e, possibilmente, incontrare di persona i futuri insegnanti dei propri bambini.

4. Ambiente sociale

Le scuole pubbliche sono generalmente più diversificate, poiché ammettono studenti senza tanti filtri e ciò favorirà un tipo di socializzazione più ampia, dal momento che i bambini stringeranno nuove amicizie con coetanei di tutti i livelli sociali ed economici, spesso di razza e religione diverse.

Le scuole private sono più selettive e meno inclusive e utilizzano il filtro economico oltre che, in alcuni casi, prevedere restrizioni relative al sesso o il tipo di credo religioso. Tenete presente che i vostri bambini trascorreranno molti anno in questo ambiente.

Per poter scegliere la scuola migliore, dovrete capire se volete che crescano in un ambito multiculturale o se preferite che instaurino relazioni sociali più ristrette.

Scegliere la scuola migliore: educazione laica o religiosa?

Religione a scuola.

Se avete deciso di iscrivere i vostri figli in una scuola privata, avrete la possibilità di scegliere la migliore scuola non solo in base alla tipologia di attività e materie offerte, ma anche in relazione ai valori che contraddistinguono i diversi istituti.

Alcune prevedono un’istruzione di tipo laico, altri prevedono una formazione anche sul punto di vista religioso e principalmente cattolico, nel nostro paese.

Se la fede è un elemento fondamentale nella vostra vita e desiderate che i bambini crescano in un ambito di questo tipo, in cui apprendere determinati valori e principi, sicuramente le scuole religiose saranno un’ottima scelta.

Al contrario, le scuole laiche, pubbliche e private, si basano esclusivamente su una formazione strettamente accademica, ma possono anche avere una vasta gamma di attività extrascolastiche, che a volte potrebbero includere gli studi religiosi

Scuole specializzate

Molte volte, gli istituti prevedono particolari corsi di studi che potrebbero essere più adatti di altri alle capacità e attitudini dei più piccoli. Non esiste, pertanto, un unico approccio didattico ma potrete sicuramente scegliere la migliore scuola anche in base al tipo di specializzazione che offre.

Ci sono istituti in cui tutte le lezioni vengono tenute in una lingua straniera, come l’inglese, francese o tedesco. Altri prevedono percorsi didattici improntati su arte o scienze, altri ancora includono dei programmi sportivi avanzati. Insomma, esiste una gran varietà di offerte di insegnamenti tra cui poter scegliere.

Se i bambini mostrano particolari inclinazioni, è certamente una saggia idea quella di indirizzarlo verso un corso di studi che gli permetterà di esprimere al massimo tutto il suo potenziale.

Mamma ha deciso di scegliere la scuola migliore per la propria bambinia.

Tutti questi elementi aiuteranno nella scelta della migliore scuola possibile per i vostri figli. Ricordate sempre di raccogliere il maggior numero di informazioni possibile e di confrontarle, in modo da evitare spiacevoli sorprese che potrebbero influire negativamente sull’esperienza scolastica.

Cosa fare prima di scegliere la scuola migliore?

Ecco qualche consiglio pratico da tenere a mente prima di scegliere la migliore scuola:

  • Controllare la graduatoria delle scuole. In tutti i paesi, ogni anno vengono stilate delle classifiche qualitative dei vari istituti. Alcune vengono elaborate dal Ministero dell’istruzione, altri da riviste di settore e giornali. Cercate nel web queste classificazioni per effettuare una prima scrematura.
  • Cercare su forum e blog. Questo tipo di “spionaggio” vi permetterà di accedere a informazioni molto interessanti. Spesso i genitori dei ragazzi che frequentano una scuola partecipano su pagine Facebook o forum pubblicati online. Oltre a poter verificare come funzionano davvero questi istituti, potrete comunicare direttamente con madri e padri, chiedendo loro di rispondere a qualche dubbio.
  • Vedere le scuole di persona. Ci sono due modi per visitare quella che pensate possa essere la migliore scuola per i vostri bambini. Recarsi di persona, a sorpresa, o prenotare un visita con la presenza del preside o del segretario didattico. Un’altra buona opzione potrebbe essere quella di chiedere di assistere ad una delle lezioni. Insistete che vi vengano mostrati tutti gli spazi e non solo le aule, per esempio i bagni, la palestra, la mensa.
  • Partecipare alle giornate di orientamento. La maggior parte delle scuole organizza eventi in cui, oltre a pubblicizzare le proprie attività, si offrono dei tour all’interno delle strutture. In questi incontri potrete chiarire i vostri dubbi e fare qualche domanda di tipo più pratico.
  • Visitare la scuola in compagnia dei bambini. I genitori sottovalutano spesso il giudizio dei piccoli di casa. Visitare la scuola con i bambini sarà sicuramente un buon metro di giudizio per comprendere se, in questo luogo, si sente a suo agio. Le sue sensazioni saranno fondamentali per aiutarvi a scegliere la scuola migliore.

Uno sforzo necessario

Vi consigliamo di iniziare a muovervi con largo anticipo, diversi mesi prima dall’inizio dei termini per le iscrizioni. Rimandando la decisione, il rischio è che dovrete accontentarvi di soluzioni poco vantaggiose e che pregiudicherebbero, in fin dei conti, l’istruzione dei vostri bambini.

Scegliere la scuola migliore per i propri figli non è un compito facile né rapido. Ma è uno sforzo che ogni bravo genitore deve essere in grado di fare con partecipazione e buon senso.

Potrebbe interessarti ...
Voti scolastici: guida per genitori
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Voti scolastici: guida per genitori

I voti scolastici sono spesso sinonimo di stress per molti genitori e figli. Ma non indicano necessariamento il successo o il fallimento.