Stimolare i capezzoli della donna: come si fa?

Prima di stimolare i capezzoli del partner è bene stabilire una buona comunicazione per capire cosa gli piace di più e gli provoca piacere.
Stimolare i capezzoli della donna: come si fa?

Ultimo aggiornamento: 08 giugno, 2021

Il seno, e in particolare i capezzoli, sono una delle principali zone erogene della donna. Per questa ragione, imparare a stimolare i capezzoli è qualcosa di importante. Sebbene per molti anni non siano stati troppo considerati durante il rapporto sessuale, oggi si sa che la loro stimolazione può essere un’esperienza piacevole, se non addirittura unica.

Di fatto, in questa parte del corpo sono localizzate numerose terminazioni nervose che, mediante la tecnica corretta, possono scatenare un alto grado di eccitazione. Spesso però, per ignoranza o per tabù, non viene sfruttato il potenziale che hanno i capezzoli di guidarci verso l’orgasmo.

Tuttavia, ogni donna è diversa, pertanto è necessario tenere conto delle preferenze personali di ciascuna.

Cosa bisogna sapere prima di iniziare a stimolare i capezzoli

Donna in reggiseno

Come confermano gli esperti, i capezzoli hanno una grande quantità di terminazioni nervose al loro interno. La sensibilità agli stimoli può variare in funzione dell’età della donna, della taglia e della forma dei seni, o dell’attività ormonale.

Nonostante questo, stimolare i capezzoli durante il rapporto sessuale è in genere fonte di sensazioni piacevoli per qualunque donna. Prima di tutto, però, è importante comprendere che qualsiasi tocco o massaggio si riceva, indipendentemente dalla tecnica, dev’essere piuttosto delicato.

Nonostante dipenda dalle preferenze individuali, non si consiglia di trattarli in modo brusco. Il risultato potrebbe essere contrario e invece di generare piacere, l’esperienza potrebbe essere dolorosa e traumatica.

Stimolare i seni produce un alto grado di eccitazione e, di fatto, favorisce la lubrificazione della vagina. Per questa ragione, al toccarli, baciarli o erotizzarli nel modo corretto, non è raro che la donna raggiunga un orgasmo molto intenso.

Consigli per stimolare i capezzoli

I seguenti consigli non sono rivolti solo agli uomini, ma possono aiutare anche le donne a conoscere meglio il proprio corpo e scoprire nuove sensazioni, accarezzare e stimolare i capezzoli.

Cominciare delicatamente

I tocchi delicati, con le dita o la lingua, sono i preferiti delle donne. Questi piccoli sfregamenti o movimenti scatenano sensazioni intense che, poco a poco, aumentano il livello di eccitazione.

Movimenti circolari e lenti

I movimenti lenti e circolari sono ideali per stimolare i capezzoli e creare un piacere intenso nella donna. Cominciate toccando la punta del capezzolo, con un lento giro a spirale e poi estendete il tocco al resto della zona e nei suoi dintorni come se disegnaste dei cerchi.

Usare la lingua e l’azione delle labbra

Coppia sul letto che ride

Per molte, la stimolazione orale è la più piacevole. Tuttavia, è importante saperla eseguire, dato che una cattiva pratica può essere dolorosa e fastidiosa.

  • Potete cominciare con un po’ di respiro caldo. Accostate la bocca al capezzolo senza toccarlo ed espirateci aria calda sopra.
  • Con la punta della lingua realizzate dei movimenti circolari sul capezzolo.
  • Stimolateli verso l’alto e verso il basso, ma non per troppo tempo.
  • Potete baciarli e leccarli, sempre con delicatezza.
  • Quando la bocca avrà acquistato maggiore contatto col capezzolo, potete succhiare e persino mordere, sempre con dolcezza però.
  • Su quest’ultimo punto è importante avere una buona comunicazione con la vostra compagna. Alcune donne non gradiscono l’azione del mordere e, lontano dal provare piacere, ne ricavano solo fastidio.

Massaggi

I massaggi sono un grande strumento per stimolare al massimo i seni. Possono essere realizzati in modo dolce, oppure un po’ più deciso, con o senza oli e lubrificanti.

  • Mettete il pollice sulla punta del capezzolo e realizzate una serie di movimenti circolari sull’areola.
  • Con l’aiuto di una crema o un prodotto lubrificante, otterrete un effetto ancora più piacevole.
  • Se desiderate massaggiare con la lingua, lasciate le mani ferme sul seno: vi aiuteranno a dare maggiore stabilità al capezzolo.

Stimolare i capezzoli con i tessuti

Piuma
Si possono stimolare i capezzoli con tessuti di seta o con piume.

Talvolta, le tecniche classiche risultano un po’ noiose e ripetitive. Se è così, potete approfittare di alcuni tessuti che possono essere molto stimolanti.

  • Provate con un drappo di tela setosa o ruvida. Passandolo sui capezzoli, genera un’interessante attivazione dei nervi.
  • Usate un accessorio per massaggiare i capezzoli (potete acquistarlo al sexy shop).
  • Utilizzate altri sex toys che possano provocare piacere.

Come potete notare, stimolare i capezzoli non è difficile. È sufficiente un po’ di pratica, ricordando sempre che si tratta di una zona che richiede un tocco delicato. Soprattutto, sarà fondamentale una buona comunicazione che vi permetterà di capire subito se qualcosa non sta producendo l’effetto desiderato.