Come usare l'olio di neem per la cura delle piante da giardino

L'olio di neem è in grado di influenzare il ciclo vitale degli insetti. Scoprite come usarlo per uccidere i parassiti che minacciano il giardino.
Come usare l'olio di neem per la cura delle piante da giardino

Ultimo aggiornamento: 03 maggio, 2022

Insetti, acari e funghi possono causare seri danni nei giardini di cui ci prendiamo cura con tanto amore e dedizione. Anche i cosiddetti pollici verdi devono fare i conti con i parassiti. Fortunatamente, l’olio di neem aiuta a prendersi cura delle piante.

L’estratto di Neem è un olio vegetale che si ottiene dai semi e dai frutti del nimbus indiano, un albero originario di questo paese e della Birmania e che può crescere tra i 15 e i 20 metri. I suoi nomi sono vari: margosa indiana, albero di nīm o neem, lillà indiano e Azadirachta indica, che corrisponde al suo nome scientifico.

L’olio di neem ha molte utilità, dagli usi medicinali a ingrediente nell’industria cosmetica. Ma in che modo l’olio di neem aiuta a prendersi cura delle piante? È un insetticida naturale.

In che modo l’olio di neem aiuta nella cura delle piante?

Secondo l’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti (EPA), questo olio contiene azadiractina, un principio attivo che influisce sul ciclo di vita degli insetti.

In tal senso, non sorprende che venga utilizzato per controllare parassiti come mosche bianche, afidi, coleotteri giapponesi, larve di falena e cocciniglie. Allo stesso modo, è considerato un acaricida, poiché è in grado di sterminare gli acari.

D’altra parte, l’estratto chiarificato idrofobo dell’olio di neem agisce anche come fungicida. In questo modo elimina i funghi e le malattie che essi provocano (la ticchiolatura, per esempio).

Quando usare l’olio di neem?

Sebbene alcuni insetticidi non possano essere utilizzati durante la stagione della semina, questo non è il caso dell’olio di neem. L’alba e il tramonto sono i momenti della giornata più adatti per spruzzare questo pesticida.

Ciò è vero perché gli insetti benefici per le piante non sono attivi in questi momenti. Inoltre, se lo spruzzate a metà giornata, il calore, insieme all’estratto di neem può bruciare le foglie.

Giardinaggio al tramonto per spruzzare olio di neem.
Approfittate del tramonto o dell’alba per spruzzare questo insetticida naturale.

Come preparare l’olio di neem per la cura delle piante

Oltre a tenere lontani insetti, acari e funghi dalle piante, l’olio di neem è molto facile da usare. Vi diciamo di cosa avete bisogno e come prepararlo.

Ingredienti

  • 4 litri di acqua tiepida.
  • Nebulizzatore da giardino o flacone spray.
  • 1 0 2 cucchiaini di detersivo per piatti delicato.
  • 1 o 2 cucchiai di olio di neem. Può essere puro o crudo, ma spremuto a freddo.

Preparazione

  1. Aggiungete 1-2 cucchiaini di detersivo in quattro litri di acqua tiepida e mescolate. Il sapone è usato come emulsionante, poiché l’olio non si mescola bene con l’acqua.
  2. Quindi aggiungete l’olio di neem lentamente e mescolate con cura.
  3. Spruzzate questa soluzione sulle piante, sia sulla parte superiore che su quella inferiore delle foglie che dovrebbero risultare bagnate e gocciolanti. Se preferite, potete indossare i guanti.
  4. Ripetete il processo ogni 7 o 14 giorni se si tratta di una misura preventiva. Nel caso in cui le piante siano infestate, spruzzate la soluzione ogni 7 giorni.

Qualche consiglio in più

Ora sapete come usare l’olio di neem per prendervi cura delle vostre amate piante. Tuttavia, ci sono altri elementi da considerare per proteggere il giardino:

  • Non esagerate! L’irrorazione eccessiva, soprattutto a mezzogiorno o su piante esposte al sole per gran parte della giornata, potrebbe causare ustioni alle foglie.
  • Evitate di spruzzare l’estratto sulle piantine, cioè nelle prime fasi di sviluppo. Potrebbero bruciarsi.
  • Preparate la miscela di olio, sapone e acqua lo stesso giorno in cui la utilizzerete. In caso contrario, diventerà grumosa.
  • Potete usare un sapone liquido alla menta o aggiungere alcune gocce di olio di menta piperita alla miscela, poiché questa fragranza aiuta ugualmente a respingere gli insetti.
  • Considerate l’uso del sapone di potassio. Si tratta di un altro emulsionante che può tornare utile, grazie al fatto che è un noto insetticida naturale.
  • Aggiungete un po’ di bicarbonato di sodio alla miscela. È un ingrediente che non guasta mai, considerando la sua efficacia nell’uccidere i funghi.
  • Potete anche usare l’estratto per spruzzare gli alberi. Specie come il corniolo da fiore, ad esempio, sono molto inclini all’oidio.
  • Nel caso di piante molto colpite, è consentito inumidire una spugna o un panno con il composto e pulire le foglie danneggiate. Questo può salvarle.
Bicarbonato di sodio per il giardinaggio.
La combinazione con il bicarbonato di sodio è un’alternativa che aumenta la gamma di parassiti che è possibile combattere.

Olio di Neem: un insetticida affidabile per la cura delle vostre piante

Gli insetticidi naturali sono apprezzati per molte ragioni, ma probabilmente la più importante è che uccidono i parassiti senza danneggiare le nostre amate piante. Quindi, è inevitabile che siano preferiti dai giardinieri.

Tra questi insetticidi organici c’è l’olio di neem: usato correttamente, diventerà un vostro grande alleato.

Potrebbe interessarti ...
Olio di tanaceto blu: usi cosmetici e medicinali
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Olio di tanaceto blu: usi cosmetici e medicinali

L'olio di tanaceto blu ha guadagnato grande popolarità in cosmesi, sebbene la scienza non supporti ancora tutte le sue proprietà.