Consigli per combattere il fegato grasso

5 aprile 2014
Per dolcificare i vostri piatti scegliete la stevia. Evitate il consumo quotidiano di frutta e fate a meno anche del saccarosio e del fruttosio, che contengono alte quantità di zuccheri.

Il fegato grasso è una malattia piuttosto comune nella società moderna e viene considerata già da anni la malattia epatica più comune. Conviverci è complicato e doloroso poiché causa stanchezza, gonfiore e pesantezza addominale.

Per questo è importante imparare a trattarla per raggiungere una migliore qualità della vita in cui una corretta alimentazione e un po’ di esercizio fisico sono senza alcun dubbio fondamentali per ottenere dei miglioramenti e per far sì che il fegato ritorni al suo stato precedente.

Cause del fegato grasso

Non esistono dei fattori ben precisi che determinano con esattezza il fenomeno del fegato grasso. Gli esperti lo attribuiscono a un ventaglio piuttosto ampio di cause, tra cui le seguenti:

  • Problemi metabolici
  • Stress ossidativo
  • Obesità
  • Problemi nutrizionali
  • Diabete
  • Consumo eccessivo di zuccheri o grassi
  • Presenza di tossine nel corpo
  • Associazione con altre malattie, come l’epatite o l’infiammazione intestinale

 Alimentazione per combattere il fegato grasso

  • La dieta da seguire per combattere il fegato grasso dovrebbe essere essenziale poiché è fondamentale tenere sotto controllo le calorie per evitare gonfiore, digestioni difficili e la fatica cronica legata a questa malattia. Quindi la domanda da farsi è: che cosa devo mangiare?
  • Fibre: sono indispensabili. Danno una sensazione di sazietà e regolano l’appetito, assorbendo inoltre meno grassi e zuccheri.
  • Pane, riso e pasta integrali.
  • Fiocchi d’avena o di mais naturale durante la colazione, senza aggiungere zuccheri.
  • Legumi e verdure a foglia verde: inseriteli tre volte alla settimana nella vostra dieta.
  • Zucchero: evitatelo e come dolcificante utilizzate piuttosto la stevia, che è forse l’unica alternativa dato che né il saccarosio né il fruttosio sono adatti per il fegato grasso. Di conseguenza, è meglio evitare un abbondante consumo giornaliero di frutta per via degli alti livelli di zuccheri che contiene.
  • Latte di mucca: evitatelo e prediligete lo yogurt scremato e il kefir.
  • Aumentate l’assunzione di vitamina A, C, E e di selenio, che aiutano a contrastare la degenerazione cellulare. Vi consigliamo quindi di mangiare alimenti come il pesce azzurro, il tuorlo delle uova, i pomodori, i broccoli, i peperoni, le noci, gli spinaci e l’avocado. Per quanto riguarda il selenio, potente antiossidante e disintossicante del fegato, potete trovarlo nei pistacchi, negli anacardi, nei semi di zucca, negli champignon e nella crusca di frumento.
  • Alcol: dovrete eliminarlo completamente dalla vostra dieta.
  • Limone: è senza dubbio un alimento indispensabile per il fegato grasso. È molto efficace e potete quindi aggiungerlo nell’acqua e nelle insalate, oltre ad essere consigliato in particolare con le carote.

Piante per combattere il fegato grasso

cardo-mariano

  • Cardo Mariano: estremamente efficace per pulire e rafforzare il fegato, lo rigenera e agisce da antiossidante, favorendo la formazione di nuove cellule e lo smaltimento del grasso. Potete trovarlo in capsule nelle erboristerie.
  • Succo di Noni: ha un’alta concentrazione di fibre, riduce il colesterolo e favorisce la rigenerazione del fegato. Potete prenderne due capsule a digiuno e potete trovarlo nelle erboristerie.
  • Alga Spirulina: disintossica e riabilita il fegato, possiede un alto contenuto di magnesio e vitamina B6, ed è ideale per combattere il fegato grasso e apportare una grande quantità di vitamine.

Altri consigli

  • Si consiglia di non abusare dei farmaci, in particolar modo degli antinfiammatori e degli analgesici.
  • Si consiglia di prendere l’abitudine di fare una passeggiata di un’ora al giorno. Fare attività fisica è fondamentale per perdere peso e per riequilibrare il nostro organismo. Cercate di farlo in modo progressivo, iniziando con mezz’ora al giorno, per poi poco a poco rendere l’esercizio parte integrante della vostra vita.

Ultime ricerche: proprietà del caffé

Una curiosità e dato interessante da prendere in considerazione è rappresentato dai recenti studi pubblicati nella rivista americana Hepatology, dove un gruppo di ricercatori dell’università di Duke afferma che quest’anno hanno scoperto le proprietà del caffè e del tè per prevenire il fegato grasso. La caffeina, infatti, oltre a prevenire malattie come il diabete e i sintomi del Parkinson, sembra avere degli effetti benefici anche per questa malattia, cosicché non risulta eccessivo bere un caffè a pranzo e uno la sera. La nostra salute non ne risentirà.

Guarda anche