Consolida maggiore: usi e controindicazioni

19 Agosto 2020
La consolida maggiore è una pianta usata come coadiuvante in caso di ferite superficiali e disturbi alle articolazioni. Quando dovrebbe essere evitata? Quali sono le sue controindicazioni? In questo articolo lo descriviamo.

La consolida maggiore (Symphytum officinale) è una pianta perenne usata nel corso della storia per vari scopi medicinali. Appartiene alla famiglia delle Boraginaceae, nasce e cresce sotto forma di cespuglio in Paesi come l’Europa, l’Asia e il Nord America.

Le radici e le foglie di questa pianta sono spesso utilizzate nella medicina tradizionale. In stati come il Giappone, è nota come knitbone e viene usata in caso di distorsioni muscolari, contusioni e ferite superficiali. Cosa dicono le prove scientifiche? Ne parliamo a seguire.

Usi comuni della consolida maggiore

La consolida è una pianta che dovrebbero essere usata con cautela. Diversi studi ne supportano le proprietà medicinali, ma esistono anche alcune avvertenze riguardo al suo contenuto di sostanze tossiche, come gli alcaloidi pirrolizidinici che possono essere dannosi per la salute.

Alcuni paesi, di fatto, hanno vietato la vendita di preparati a base di consolida maggiore da assumere per via orale, il cui uso non è stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA). È meglio evitare del tutto il suo consumo per via orale e usare questa pianta solo in forma topica e in casi specifici.

Mal di schiena

Il solo uso della consolida maggiore non si è dimostrato efficace contro il mal di schiena. Tuttavia, uno studio pubblicato su Phitotherapy Research sostiene che le pomate contenenti radice di consolida sono utili per calmare il dolore nella parte superiore e inferiore della schiena. Risultano tuttavia necessari ulteriori studi per convalidare questi effetti.

Uomo con il mal di schiena.
L’uso della consolida maggiore per il mal di schiena può essere utile sotto forma di pomate topiche.

Leggete anche: Dolori lombari: alleviarli con 5 esercizi di allungamento

Distorsioni

Alcune evidenze scientifiche indicano che i trattamenti topici a base di estratto di consolida maggiore aiutano a muoversi meglio e riducono il dolore in caso di distorsione.

La loro applicazione per due settimane offre effetti simili a quelli osservabili con l’utilizzo di gel a base di diclofenac.

Osteoartrite

Una ricerca pubblicata sul Journal of Chiropractic Medicine indica che l’applicazione di formulazioni topiche con principio attivo a base di consolida maggiore sono utili contro la sintomatologia dell’osteoartrite del ginocchio. In particolare, questi preparati contengono i seguenti componenti:

  • Estratto di consolida maggiore.
  • Acido tannico.
  • Gel di aloe vera.
  • Olio di eucalipto
  • Olio di incenso.

Le persone che hanno applicato queste soluzioni per tre volte al giorno in un periodo di 6-12 settimane hanno mostrato minore rigidità e dolore in percentuale maggiore rispetto a chi aveva usato una semplice pomata placebo.

Controindicazioni della consolida maggiore

A causa delle sostanze tossiche contenute, i preparati a base di consolida maggiore per via orale non sono raccomandati. Queste sostanze chimiche, tra cui gli alcaloidi pirrolizidinici, possono causare danni al fegato, patologie polmonari e cancro.

Se ne consiglia pertanto l’uso topica, eppure è stato osservato che alcuni agenti tossici possono attraversare la pelle. Il suo uso su ferite aperte è dunque sconsigliato. Inoltre, non deve essere applicata in grandi quantità o per più di sei settimane. Attualmente l’uso di consolida maggiore è controindicato nei seguenti casi:

  • Donne in gravidanza o che allattano.
  • Ustioni e ferite gravi.
  • Malattie del fegato.
  • Trattamenti con paracetamolo, amiodarone, fluconazolo, itraconazolo, tra gli altri.

Potrebbe interessarvi: Abitudini da evitare in gravidanza e perché

Qual è il dosaggio sicuro di consolida maggiore?

Seconde le ricerche sopracitate, diverse dosi standard possono essere considerate sicure. È sempre importante, però, seguire le raccomandazioni del produttore, del farmacista o del medico.

  • In caso di mal di schiena, si possono applicare 4 g di pomata con il 35% di estratto di radice di consolida maggiore 3 volte al giorno, 5 giorni alla settimana.
  • Per le distorsioni sono sufficienti 2 g di unguento con il 35% di estratto di consolida, 4 volte al giorno per 8 giorni.
  • Come coadiuvante contro i sintomi dell’osteoartrite, la dose consigliata è di 2 g di pomata con il 35% di estratto di radice di consolida, 3 volte al giorno per 3 settimane. Può essere utilizzata anche una dose di 3,5 g di pomata con estratto di consolida, acido tannico, gel di aloe vera, olio di eucalipto e olio di incenso. Quest’ultima opzione va applicata 3 volte al giorno per un massimo di 12 settimane.

In caso di sovradosaggio è consigliabile rivolgersi subito al medico. È essenziale consultarlo anche nel caso in cui si intendano utilizzare i preparati a base di consolida maggiore in presenza di una patologia.

  • Salehi B, Sharopov F, Boyunegmez Tumer T, et al. Symphytum Species: A Comprehensive Review on Chemical Composition, Food Applications and Phytopharmacology. Molecules. 2019;24(12):2272. Published 2019 Jun 18. doi:10.3390/molecules24122272
  • Pabst, H., Schaefer, A., Staiger, C., Junker-Samek, M., & Predel, H.-G. (2012). Combination of Comfrey Root Extract Plus Methyl Nicotinate in Patients with Conditions of Acute Upper or Low Back Pain: A Multicentre Randomised Controlled Trial. Phytotherapy Research, 27(6), 811–817. https://doi.org/10.1002/ptr.4790
  • Frost, R., MacPherson, H., & O’Meara, S. (2013). A critical scoping review of external uses of comfrey (Symphytum spp.). Complementary Therapies in Medicine, 21(6), 724–745. https://doi.org/10.1016/j.ctim.2013.09.009
  • Smith DB, Jacobson BH. Effect of a blend of comfrey root extract (Symphytum officinale L.) and tannic acid creams in the treatment of osteoarthritis of the knee: randomized, placebo-controlled, double-blind, multiclinical trials. J Chiropr Med. 2011;10(3):147‐156. doi:10.1016/j.jcm.2011.01.003
  • Moreira R, Pereira DM, Valentão P, Andrade PB. Pyrrolizidine Alkaloids: Chemistry, Pharmacology, Toxicology and Food Safety. Int J Mol Sci. 2018;19(6):1668. Published 2018 Jun 5. doi:10.3390/ijms19061668