Cos'è l'ocra e come si usa in cucina?

Ti mostriamo i principali effetti sul corpo e gli usi della polvere di ocra. Questa spezia culinaria poco conosciuta in Europa viene dagli Stati Uniti.
Cos'è l'ocra e come si usa in cucina?

Ultimo aggiornamento: 21 novembre, 2022

L’ocra è una pianta usata come condimento in una parte del sud degli Stati Uniti per preparare un piatto noto come gumbo. Viene utilizzata anche come ingrediente per altri abbinamenti di spezie diverse, riuscendo a migliorare le caratteristiche organolettiche di varie preparazioni culinarie.

Si estrae dall’albero del sassofrasso (nome scientifico Sassafras albidum). Le sue foglie sono di colore verde chiaro e hanno una forma molto caratteristica.

Come si usa l’ocra in cucina?

Per prima cosa bisogna raccogliere le foglie fresche dell’albero. Queste vengono poi pulite e appese ad asciugare. In seguito vengono triturate a mano e trasformate in polvere, mediante un frullatore o un mortaio. Come elemento finale si ottiene una spezia verde, che può essere conservata in un contenitore ermetico per un uso successivo.

Includere l’ocra nelle ricette è semplice. Solitamente viene utilizzata al termine dei processi di cottura.

Tuttavia, a volte viene aggiunta come addensante. Bisogna fare attenzione a quest’ultimo effetto, poiché potrebbe variare troppo la consistenza di alcuni brodi e zuppe. Quindi dovrebbe essere usato con parsimonia.

D’altra parte, è fondamentale per evitare che diventi rancido. In caso contrario, perderà potenza e sapore. Per questo è necessario garantire che il metodo di conservazione sia buono ed evitare il contatto con la luce solare.

L’ocra deve essere conservata in un luogo fresco e asciutto.

Il gumbo è il classico piatto in cui l’ocra trova la sua massima espressione culinaria. Questa preparazione è tradizionale della Louisiana, negli Stati Uniti. Dato che si tratta di una zona costiera del Golfo del Messico, include i frutti di mare.

Frutti di mare, salsicce, a volte riso e vari condimenti vengono combinati nel gumbo. Tra questi ultimi fa la sua comparsa l’ocra, insieme al pepe nero e alla paprika dolce.

Gumbo piatto con polvere di filetto.
Piatto di gumbo tradizionale, dal sud-est degli Stati Uniti.

Potrebbe interessarti anche: Sostituire il sale con 8 spezie

Benefici dell’ocra

Come spezia culinaria, l’ocra ha diversi effetti positivi sulla salute. Innanzitutto bisogna evidenziare il suo potenziale antinfiammatorio. Pare che aiuti a combattere parte del dolore presente in patologie come l’artrite.

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Mass Spectrometry, le foglie dell’albero di sassofrasso contengono alcaloidi. Questi potrebbero aiutare a modulare alcuni meccanismi infiammatori che si verificano nel corpo.

Stiamo parlando di una spezia con un’elevata capacità antiossidante, che ha dimostrato di essere in grado di prevenire l’invecchiamento precoce. L’effetto si ottiene bloccando l’accumulo di radicali liberi.

Il consumo di questa spezia potrebbe anche proteggere dai calcoli renali. Tuttavia, non ci sono prove concrete a sostegno di questa teoria.

Eventuali effetti collaterali

Per quanto riguarda gli effetti collaterali, l’ocra può interagire negativamente con determinati farmaci. Per questo motivo, bisogna sempre consultare uno specialista prima di includere questa spezia nella dieta.

Né dovrebbe essere usata come ingrediente durante la gravidanza o l’allattamento, poiché i dati disponibili sulla sua sicurezza in queste fasi sono insufficienti. In alcune persone potrebbe causare nausea e vomito. Anche allucinazioni se ingerita in quantità eccessive.

Sebbene sembri che ci sia un limite a partire dal quale la polvere di ocra diventa tossica, non si sa quale sia il valore massimo. Pertanto, è meglio usarla con cautela.

Il safrolo non è consentito nei prodotti alimentari negli Stati Uniti. La Food and Drug Administration (FDA) lo considera cancerogeno.

Le foglie di sassofrasso contengono questo composto, quindi le presentazioni commerciali approvate dalla legge devono contenere un passaggio per eliminare la sostanza nel loro processo di produzione.

Polvere di ocra.
Le spezie sono molto apprezzate in cucina, ma alcune di esse devono essere usate con cautela.

E la malattia dell’alloro?

Infine, vale la pena ricordare che negli Stati Uniti sono stati segnalati casi isolati di malattia dell’alloro nelle specie di sassofrasso. Questa condizione della pianta preoccupa gli agricoltori ed è causata dal fungo Raffaelea lauricola.

Fortunatamente, non è stato dimostrato che il fungo in questione possa causare patologie nell’uomo. Finora, l’unica cosa certificata è la sua capacità di far ammalare alcune piante e portarle alla morte.

L’ocra, una spezia tradizionale poco conosciuta

L’uso di spezie culinarie è considerato molto positivo per la salute. La maggior parte di esse contiene sostanze fitochimiche con un’elevata capacità antiossidante.

La polvere di ocra è caratteristica del continente americano e non si è ancora diffusa in tutto il mondo. Ha alcune proprietà benefiche per l’organismo, purché venga consumata in dosi moderate. Tuttavia, presenta anche alcuni rischi, soprattutto quando vengono superati i limiti di tossicità.

Comunque sia, la maggior parte dei condimenti sotto forma di spezie ha effetti antiossidanti e antinfiammatori. Il controllo dei meccanismi di entrambi i processi aiuterà a ridurre l’incidere delle patologie croniche.

Potrebbe interessarti ...
Rimedi a base di spezie confermati dalla scienza
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Rimedi a base di spezie confermati dalla scienza

La maggior parte dei rimedi a base di spezie proviene dalla tradizione popolare. Ecco 4 spezie le cui virtù sono supportate dalla ricerca.



  • Conceição RS, Perez CJ, Branco A, Botura MB, Ifa DR. Identification of Sassafras albidum alkaloids by high-performance thin-layer chromatography tandem mass spectrometry and mapping by desorption electrospray ionization mass spectrometry imaging. J Mass Spectrom. 2021;56(1):e4674. doi:10.1002/jms.4674
  • Loyd, A. L., et al. “First report of laurel wilt caused by Raffaelea lauricola on Sassafras albidum in Tennessee and Kentucky.” Plant Disease 104.2 (2020): 567-567.
  • Sadowska-Bartosz I, Bartosz G. Effect of antioxidants supplementation on aging and longevity. Biomed Res Int. 2014;2014:404680. doi:10.1155/2014/404680