Trattenere l’urina: cosa comporta?

· 3 marzo 2014
Trattenere l'urina può causare delle complicazioni gravi per la nostra salute. Oltre a calcoli e cistite, possono manifestarsi anche dolore e febbre causati dalla mancata eliminazione delle scorie dall'organismo.

Tutti noi sentiamo la necessità di andare in bagno e dobbiamo farlo con una certa frequenza, evitando di trattenere l’urina in quanto il nostro organismo deve eliminare tutto quello di cui non ha bisogno.

Molte persone hanno l’abitudine di trattenere l’urina, cosa che può avere delle gravi conseguenze. Questi episodi di ritenzione sono la causa di gravi infezioni alle vie urinarie, cioè infezioni batteriche che colpiscono il tratto urinario.

Leggete anche: Prevenire le infezioni urinarie

Le infezioni si verificano a causa dei germi contenuti nell’urina che rimangono per molto tempo nella vescica. Con il passare del tempo queste infezioni possono estendersi fino a raggiungere i reni e diventare la causa di malattie ancora più serie, come quelle di cui parleremo in questo articolo.

Calcoli renali

Calcoli renali

Le persone che sono maggiormente predisposte a sviluppare i calcoli renali e che per diverse ragioni cercano di trattenere l’urina, devono fare molta attenzione perché possono andare incontro a conseguenze ben più gravi dei calcoli renali.

I calcoli sono dei piccoli sassolini che si formano nei reni a causa del sodio e del calcio e, se l’urina non viene eliminata regolarmente, arriverà il momento in cui questi sassolini dovranno uscire attraverso il tratto urinario, provocando un dolore insopportabile.

Cistite

È un problema che colpisce principalmente le donne e si tratta di un’infiammazione delle pareti della vescica conosciuta comunemente come cistite. I sintomi principali della cistite sono:

  • Dolore pelvico
  • Bruciore e dolore durante la minzione

La quantità di urina che si espelle è minima, perciò le visite al bagno saranno molto più frequenti.

Leggete anche: Combattere la cistite con infusi naturali

Espansione della vescica

La capacità media della vescica è di circa 450 ml di liquido. Raggiunto questo livello, avvertiamo lo stimolo di urinare. Se però si bevono otto bicchieri di acqua al giorno, che corrispondono a quasi 2 litri, la vescica, essendo un organo elastico, potrebbe immagazzinare in eccesso un quarto dei bicchieri d’acqua.

Quindi, non serve a nulla essere costanti e bere i liquidi necessari a mantenere il nostro corpo ben idratato, se poi cerchiamo di trattenere l’urina nel momento in cui avvertiamo lo stimolo.

Uno dei motivi principali per cui si consiglia di bere liquidi a sufficienza è quello di mantenere puliti i reni e questo si verifica solamente eliminando attraverso l’urina l’acqua che beviamo e, insieme con l’acqua, le scorie residue che non servono più al nostro corpo e che, invece, potrebbero causargli un’infinità di problemi.

Effetti negativi di trattenere l’urina

Trattenere l'urina

Come vi abbiamo già anticipato, trattenere l’urina può avere degli effetti negativi, ad esempio:

  • Dolore intenso e costante durante la minzione
  • Febbre provocata dai batteri contenuti nell’urina non espulsa dall’organismo
  • Brividi
  • Mal di stomaco
  • Crampi
  • Ansia
  • Difficoltà a concentrare la propria attenzione su altro che non sia l’atto stesso di urinare

Vi sarete resi conto che sono molti i problemi di salute che potreste evitare semplicemente rispondendo ai richiami del vostro corpo e facendo attenzione alle sue necessità.

Grazie a queste raccomandazioni potrete mantenere la vostra vescica libera da residui dannosi e i vostri reni in perfette condizioni.

Ricordate che i reni sono uno degli organi più importanti del nostro corpo e sarebbe da irresponsabili scatenare un grave problema di salute per la pigrizia di non voler lasciare un momento la postazione di lavoro e cercare il bagno più vicino.

Guarda anche