Cosa è una trombosi e come prevenirla

5 settembre 2014

La trombosi è una malattia che colpisce molte persone in tutto il mondo. Uno stile di vita sedentario, il fumo e una dieta inadeguata sono le principali cause di questo grave problema di salute. Scoprite cosa è una trombosi e come prevenirla!

La trombosi consiste nella formazione di un coagulo di sangue dentro un vaso sanguigno, il quale causa un’ostruzione parziale o totale che impedisce al sangue di scorrere in modo normale attraverso il sistema circolatorio. Un anormale tendenza alla formazione di coaguli nel sangue (causata da fattori genetici, ambientali o sconosciuti), lesioni delle cellule endoteliali della parete vascolare (aggravate da infezione o da trauma) e stasi del flusso sanguigno contribuiscono alla comparsa di questa patologia.

Se un trombo si stacca del tutto o in parte dalla parete del vaso sanguigno, il coagulo causa l’embolizzazione (occlusione di un vaso sanguigno o arterioso) di organi vitali come il cervello, il cuore, i polmoni o le arterie delle gambe. I coaguli di sangue che scorrono liberamente all’interno del sistema cardiovascolare ostruiscono il flusso sanguigno. Come conseguenza di tale condizione possono verificarsi patologie molto gravi che possono anche portare alla morte, come un accidente cerebrovascolare, un infarto del miocardio, un’embolia polmonare o cancrena.

La tromboembolia venosa è una grave malattia che comprende una profonda trombosi venosa e un’embolia polmonare. I fattori di rischio che contribuiscono alla tromboembolia venosa sono vari e includono:

  • Immobilizzazione
  • Ipercoagulabilità
  • Danno alla parete delle vene
  • Età avanzata
  • La chirurgia (in particolare la chirurgia ortopedica del ginocchio e la sostituzione totale)
  • Cancro 
  • Fattori ereditari
  • Gravidanza
  • Aumento dei livelli di estrogeni (in seguito all’assunzione di pillole anticoncezionali o terapie ormonali sostitutive per via orale)
  • Obesità
  • Fumare
  • Morbo di Crohn

La trombosi arteriosa delle arterie coronariche provoca un infarto del miocardio (attacco di cuore), mentre l’ostruzione del sistema venoso cerebrale causa un accidente cerebrovascolare. È importante sottolineare che le trombosi venose e arteriose condividono molti fattori di rischio alla base di un infarto del miocardio, tra cui tabagismo, ipertensione e diabete

La trombosi venosa profonda (TVP) è la forma più comune di trombosi venosa. I segni ed i sintomi della TVP includono: stanchezza, pesantezza, dolore lancinante, prurito o sensazione di calore nelle gambe, cambiamenti nella pelle delle gambe, come alterazione del colore, ispessimento o ulcerazione, gonfiore di gambe, caviglie o piedi.

La sindrome post-trombotica si sviluppa in almeno la metà dei pazienti con trombosi venosa profonda. I sintomi che caratterizzano tale sindrome sono gonfiore cronico delle gambe, dolore ai polpacci, pesantezza/ fatica, alterazione del colore della pelle e/o ulcere venose nell’estremità interessata. La qualità di vita dei pazienti affetti da questa patologia si vede notevolmente compromessa.

L’embolia polmonare (EP) rappresenta una complicanza della trombosi venosa profonda. I sintomi e i segni della EP includono:

  • Improvvisa mancanza del respiro
  • Dolore al petto 
  • Tosse con sangue
  • Frequenza cardiaca veloce o irregolare
  • Vertigini

Prevenzione della trombosi venosa profonda: stile di vita sano e controlli regolari

Per ridurre il rischio e prevenire la comparsa di trombosi venosa profonda, seguite i seguenti consigli:

  • Mantenete uno stile di vita attivo e praticate esercizio fisico regolare, ogni giorno se possibile. Camminare, nuotare e andare in bicicletta sono ottime attività a tale proposito.
  • Tenete sotto controllo il vostro peso non solo grazie all’attività fisica, ma anche seguendo una dieta sana.
  • Se fumate, abbandonate questo vizio. La terapia sostitutiva con nicotina (cerotti e gomme da masticare) e i gruppi di sostegno possono rendere il tutto più semplice.
  • Controllate con regolarità la vostra pressione arteriosa e, se necessario, assumete farmaci o ricorrete a rimedi naturali per ridurla.
  • Riferite al vostro medico qualsiasi antecedente familiare o personale di problemi di coagulazione del sangue.
  • Discutete con il vostro medico possibili alternative alla pillola contraccettiva o terapia ormonale sostitutiva.
  • Se dovete viaggiare in aereo per più di 4 ore, camminate o stirate la gambe mentre siete seduti e mantenetevi ben idratati, evitando il consumo di alcolici.
  • Durante la gravidanza, chiedete al vostro medico cosa fare per prevenire la comparsa di trombosi venosa profonda.

La prevenzione di coaguli di sangue

Potete prevenire la formazione di coaguli di sangue:

  • Indossando abiti larghi.
  • Alzando ogni tanto le gambe sopra il cuore.
  • Indossando calze speciali (chiamate calze a compressione), se il vostro medico ve le dovesse prescrivere.
  • Svolgendo gli esercizi indicati dal vostro medico.
  • Cambiando spesso la posizione in cui siete seduti, soprattutto durante un lungo viaggio.
  • Evitando di stare fermi o seduti per più di un’ora consecutiva.
  • Mangiando meno sale.
  • Cercando di non sbattere le gambe e di non accavallarle.
  • Non utilizzando cuscini sotto le ginocchia.
  • Alzando la parte inferiore del letto di qualche centimetro.
  • Assumendo tutti i farmaci prescritti dal medico.
  • Mantenendovi sempre attivi.
Guarda anche