Cervello sano grazie a speciali alimenti per tutti i giorni

26 Maggio 2014
A partire dai 30 anni si perdono 1000 neuroni al giorno. Per mantenere una buona salute cerebrale è importante seguire un'alimentazione sana ed esercizio, tanto fisico come mentale.

Il cervello ha bisogno di essere alimentato con alcuni nutrienti necessari per poter funzionare in maniera corretta e completa. Ci sono degli specifici alimenti che aiutano a mantenere il cervello sano migliorare la memoria, la concentrazione, l’apprendimento e perfino lo stato d’animo.

In questo modo, cioè seguendo uno stile di vita sano ed una dieta equilibrata, si manterrà il cervello sano, giovane e attivo più a lungo. Inoltre eviterete malattie degenerative come l’Alzheimer.

L’importanza della dieta sana un cervello sano

Il cervello controlla alcune funzioni del corpo attraverso il sistema nervoso. Per questo motivo, è fondamentale dare a quest’organo l’importanza che merita e prendersene cura.

Col passare del tempo, in particolare a partire dai 30 anni, si perdono circa 1000 neuroni al giorno. In questo modo, assieme al cervello, si “consumano” a poco a poco anche le sue funzioni, come la memoria.

Bisogna sottolineare che le dimensioni del cervello non influiscono direttamente sulle sue funzioni. Per esempio, il cervello di Albert Einstein pesava circa 1350 grammi: in meno rispetto alla media delle persone. Tuttavia, ha saputo utilizzarlo meglio.

Anche se un cervello non pesa più di 1,4 kg, che corrisponde solamente al 2% del peso corporeo, assorbe circa il 20% dell’energia del corpo.

Gli elementi base del cervello sono il glucosio e l’ossigeno. Per quanto riguarda il glucosio, è necessario che il sangue ne contenga una quantità adeguata, tra i 70 e i 120 mg ogni 100 ml. Oltre a questo, il cervello ha bisogno anche di grassi, che costituiscono il 30% di quest’organo.

Perciò, bisogna ingerire grassi insaturi, come l’omega 3 e l’omega 6, che proteggono e formano le cellule del cervello. Per esempio, se consumate olio d’oliva, pesce e frutta secca, lo sforzo emotivo ed intellettuale sarà minore.

Leggete anche: Dieta equilibrata per dimagrire in modo sano

Come mantenere il cervello sano?

La stanchezza o lo stress possono provocare problemi di memoria, cioè è possibile che dimentichiate alcuni fatti o date importanti. Se vi dovesse capitare, assicuratevi che il vostro cervello recuperi la normale funzionalità.

Quindi, incorporate nella vostra dieta alimenti che contengano omega 3, acidi grassi, vitamine B, C, E ed acido folico. Anche la frutta e la verdura apportano i nutrienti necessari per un corretto funzionamento del cervello.

Sport cervello sano

Non trascurate l’ordine in cui ingerite gli alimenti. Per alimentare correttamente il cervello, ingerite prima le proteine e per ultimi i carboidrati. Se seguite questa sequenza, gli amminoacidi possono arrivare al cervello senza problemi.

Se, invece, consumate prima i carboidrati, solamente il triptofano raggiunge il cervello, aumentando il livello di serotonina, la quale provoca sonnolenza.

D’altra parte, per avere un cervello sano non è sufficiente solo una corretta alimentazione, bisogna anche mantenersi attivi e in esercizio.

Quindi, dedicarsi a letture di vario genere, sviluppare nuove abilità, imparare nuove lingue, suonare qualche strumento, esercitarsi con le parole crociate o il sudoku, sono tutte attività che vi permetteranno di raggiungere questo obiettivo.

Inoltre, è vivamente consigliata l’attività fisica, perché sviluppa le connessioni neuronali del cervello. Prima di svolgere esercizio fisico, i pazienti con asma devono consultare il loro medico curante.

Lo sport contribuisce a preservare il lobo frontale, uno dei maggiori responsabili dell’invecchiamento e della perdita della memoria, apporta ossigeno al cervello e diminuisce il rischio di malattie che comportano la perdita della memoria, come quelle cardiovascolari e il diabete.

Alimenti per un cervello sano

Ci sono alcuni alimenti che favoriscono l’apporto dei nutrienti specifici per il cervello. Il loro consumo vi permetterà di migliorare la memoria e di prevenire malattie degenerative.

  • Tè verde. Contiene catechine che contribuiscono a contrastare la stanchezza cerebrale e a migliorare la memoria. Inoltre, aumenta la produzione di dopamina, un neurotrasmettitore fondamentale per il cervello. Aiuta anche a combattere i disturbi cerebrali.
  • Mirtilli. Proteggono il cervello dallo stress ossidativo a mano a mano che il tempo passa. In questo modo, riducono gli effetti di alcune malattie come la demenza senile e l’Alzheimer.
  • Avocado. Ottimo per tenere sotto controllo il flusso sanguigno, aspetto essenziale per un buon funzionamento del cervello. Contiene acidi grassi mononinsaturi, che favoriscono il mantenimento della normale fluidità del sangue.
  • Yogurt. Aiuta a migliorare la funzione nervosa grazie al calcio. Inoltre, apporta tirosina, una sostanza che contribuisce alla produzione di neurotrasmettitori come la noradrenalina (o norepinefrina) e la dopamina.
  • Fragole. Aumentano la comunicazione interna al cervello e diminuiscono gli effetti negativi su questo importante centro di comando con l’avanzare dell’età.
  • Uova. Contrastano l’invecchiamento cerebrale perché contengono zeaxantina e luteina, due indispensabili antiossidanti naturali. Inoltre, sono anche una grandissima fonte di proteine.
  • Broccoli. Migliorano le funzioni cognitive e quelle cerebrali grazie alla notevole quantità di vitamina K che contengono.
  • Spinaci. Migliorano la capacità di apprendimento e le attività motorie dell’organismo. Riducono anche gli effetti negativi della vecchiaia sul cervello.
  • More. Impediscono lo sviluppo di malattie degenerative e aiutano a prevenire l’ossidazione del cervello. Le more, infatti, contengono un nutriente che apporta grandi benefici alla salute mentale.
  • Pesce. Il consumo di acidi grassi e omega 3, che sono presenti in diverse specie di pesce, migliorano notevolmente il rendimento cognitivo.

Cervello sano

Può interessarvi anche: Cereali integrali che non possono mancare nella dieta

Per contrastare la perdita della memoria

Esistono alcuni alimenti specifici contro la perdita della memoria. La HelpGuide, un’organizzazione internazionale no-profit con sede in California, consiglia il consumo dei seguenti alimenti.

Acidi grassi omega 3

Strettamente collegati alle funzioni cognitive e al mantenimento di un cervello sano. Inoltre sono i cosiddetti “grassi sani”, che si distinguono dai grassi trans e dai grassi saturi. Sono di grande aiuto in caso di colesterolo elevato e infiammazioni. Alcuni alimenti che contengono omega 3 sono:

  • Le noci
  • L’olio di noci
  • L’olio di semi di lino
  • I semi di lino

Consumo di acido folico e vitamina B

In particolare le vitamine B12 e B6, le quali proteggono i neuroni eliminando l’eccesso di omocisteina, un amminoacido tossico che attacca le cellule nervose. Alcuni alimenti che contengono vitamina B sono:

  • I fagioli neri e altri legumi
  • La soia
  • Gli agrumi
  • Il melone
  • Gli spinaci
  • Gli ortaggi a foglia verde
  • Gli asparagi
  • I broccoli
  • Le fragole

Betacarotene e antiossidanti come la vitamina E e la vitamina C

Gli antiossidanti combattono i radicali liberi che danneggiano le cellule. Inoltre, migliorano il trasporto dell’ossigeno al cervello e a tutto il corpo. Alcuni alimenti che li contengono sono:

  • Il fegato
  • La patata dolce (o patata americana)
  • pomodori
  • Gli agrumi
  • Le noci e i semi
  • Gli spinaci
  • Il tè verde
  • I broccoli
  • I frutti rossi

In conclusione, è fondamentale seguire una dieta equilibrata per mantenere il nostro cervello sano. Gli alimenti con i nutrienti necessari e la regolare attività fisica. Inoltre sono la chiave per preservare le funzioni del cervello man mano che l’età avanza e per evitare malattie e danni cerebrali.

 

  • Gómez-Pinilla, F. (2008). Brain foods: The effects of nutrients on brain function. Nature Reviews Neuroscience. https://doi.org/10.1038/nrn2421
  • Mattson, M. P., Moehl, K., Ghena, N., Schmaedick, M., & Cheng, A. (2018). Intermittent metabolic switching, neuroplasticity and brain health. Nature Reviews Neuroscience. https://doi.org/10.1038/nrn.2017.156
  • Brain food. (1993). Environmental Health Perspectives. https://doi.org/10.1038/scientificamerican1191-124
  • Oriach, C. S., Robertson, R. C., Stanton, C., Cryan, J. F., & Dinan, T. G. (2016). Food for thought: The role of nutrition in the microbiota-gut-brain axis. Clinical Nutrition Experimental. https://doi.org/10.1016/j.yclnex.2016.01.003