Cosa fare per dormire bene?

10 luglio 2018
Oltre a fare esercizio o evitare bevande alcoliche e stimolanti, scegliere una posizione corretta in cui dormire sarà l'opzione più efficace.

L’obiettivo è ridurre al minimo i rischi per la salute e aumentare il benessere del corpo. La domanda è: cosa fare per riuscirci? Questi suggerimenti per dormire bene andranno a beneficiare tutto l’organismo.

Dormire poco stimola una cattiva alimentazione e allo stesso tempo altera le emozioni e la capacità di concentrazione. Inoltre, aumenta il rischio di sviluppare diverse malattie, come l’obesità.

L’abuso di caffè, la pratica di esercizi in orari inappropriati, l’esecuzione di routine diverse ogni giorno e scegliere ore diverse per andare a letto, sono tutti fattori nemici di un vero riposo.

Oggi vi forniremo una serie di consigli per sapere cosa fare per dormire bene. In essi sta il segreto per ottenere il riposo necessario.

Disturbi del sonno

La prima cosa è individuare i problemi e cercare dei rimedi naturali. L’insonnia è il più comune e influisce sulla qualità della vita. Scoprirne le cause e applicare una corretta igiene del sonno aiuta a superarla.

Un altro disturbo frequente, ma molto più pericoloso, è l’apnea del sonno. Può innescare l’ipertensione e malattie del cervello e del cuore, in particolare l’infarto del miocardio.

  • Il malato smette di respirare per almeno dieci secondi più volte durante la notte, riducendo la quantità di ossigeno nel sangue. In questi casi, il trattamento medico è essenziale.

Non si tratta solo di dormire, ma di riposare bene. Nella prima fase inizia un processo di rilassamento, ma il cervello è ancora attivo. Mezz’ora dopo, inizia il sonno profondo ed è più difficile svegliarsi.

Vi consigliamo la lettura di: Dormire meglio bevendo acqua con limone prima di andare a letto

Alcuni consigli per un sonno di qualità

Donna che dorme bene

Questi suggerimenti per ottenere un sonno di qualità vi permetteranno di avere un riposo rigenerante, che minimizza gli ormoni dello stress e con essi il rischio di malattie coronariche e vascolari.

1. Adeguarsi alle esigenze dell’organismo

Anche se si dice che l’ideale per un adulto è dormire tra le 7 e le 8 ore, ogni organismo è diverso.

  • L’importante è che la persona possa definire le ore di cui ha bisogno per un riposo completo e stabilirle come una regola. Dipenderà dal ritmo di vita di ognuno.

Evitare gli stimolanti per dormire bene

Il consumo di caffè, cioccolato, tè, bevande gassate e altri stimolanti non va d’accordo con un buon riposo.

  • Per evitare che ci influenzino, dobbiamo evitarli già a partire dal pomeriggio.

Optare per una cena leggera

Donna davanti al frigorifero aperto

Una cena leggera, senza componenti grassi o diuretici, almeno tre ore prima di andare a dormire, non interferirà con il sonno. Non è consigliabile andare a letto affamati.

  • Dovremo evitare cibi come pancetta, formaggio, noci o vino rosso, che contengono tiramina. Queste liberano la noradrenalina, uno stimolante per il cervello che può tenere la persona sveglia per tutta la notte.

Leggete anche: Combattere l’insonnia con banana e cannella prima di andare a dormire

Benefici dell’esercizio fisico per dormire bene

Eseguire regolarmente esercizio fisico al mattino dopo colazione, o nel pomeriggio prima di cena, fa consumare energie che si potranno recuperare di notte.

L’attività fisica aumenta la temperatura del corpo, quindi non è consigliabile praticarla a ridosso del momento in cui si va a dormire.

Alcool e tabacco

Mano dice no a boccale di birra

La convinzione che un bicchiere di alcol faciliti il sonno è una mezza verità. Nella fase iniziale l’attività cerebrale diminuisce, ma poi modificherà il sonno.

Anche la dipendenza da nicotina può interrompere il sonno. Trascorrere diverse ore senza fumare genera un senso di privazione.

Pertanto è consigliabile smettere definitivamente di fumare. Mantenere gli orari del sonno, anche durante i fine settimana, regolarizzerà questa attività.

  • Il triptofano del latte, un aminoacido che regola i livelli di serotonina nel cervello, fa sì che bere un bicchiere di latte prima di andare a letto sia di grande aiuto.
  • Anche le uova e i cereali integrali forniscono triptofano.

Un piccolo sonnellino

L’ideale è andare a letto nel momento in cui si ha sonno. Fare un sonnellino di non più di 30 minuti è un’alternativa salutare.

Questo aiuterà a rilassare il corpo e non interferirà con il sonno notturno.

 Nessun rumore, luci o calore

Donna con problemi di sonno

È bene spegnere la televisione e la radio. Se non è possibile raggiungere il silenzio totale, i tappi per le orecchie sono una buona opzione.

  • La stanza dovrebbe essere buia e con una temperatura di circa 20ºC.
  • Alcune gocce di valeriana o un’infusione di lime o camomilla prima di andare a letto ci rilassano e facilitano il riposo. Alcuni profumi, oli o creme contengono fragranze che inducono il sonno.

La posizione migliore

Stare distesi sulla schiena riduce al minimo i danni al collo, così come la pressione ai polmoni, il mal di testa e l’insonnia.

Secondo specialisti, dormire sul fianco sinistro favorisce l’attività del cuore, la circolazione, la digestione e il drenaggio linfatico.

Facendolo dalla parte opposta, d’altra parte, si aumenta il reflusso esofageo.

Guarda anche