Cosa possono fare tre caffè al giorno al nostro fegato

I pazienti ipertesi con pressione arteriosa non controllata dovrebbero evitare di consumare dosi eccessive di caffeina. Nelle persone con pressione sanguigna nella norma il consumo di caffè può offrire benefici per la salute epatica.
Cosa possono fare tre caffè al giorno al nostro fegato

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

Diversi studi hanno già dimostrato che il consumo di caffè può essere molto benefico per la salute, purché avvenga in quantità moderate. Ma cosa possono fare tre caffè al giorno?

Fino a pochi anni fa, in molti evitavano di bere il caffè perché ritenevano che fosse nocivo a causa del suo contenuto di caffeina. Tuttavia, anno dopo anno, nuove ricerche hanno dimostrato che consumare caffè con moderazione può essere vantaggioso.

Tuttavia, in caso di malattia, è essenziale chiedere al medico che saprà consigliare in base alla storia clinica del paziente.

Cosa dice la ricerca?

Diversi studi hanno dimostrato che il caffè ha un effetto positivo sul trattamento e sulla prevenzione di disturbi come il diabete, l’Alzheimer o il Parkinson. Ora, nuovi studi ci danno un motivo in più per bere più caffè e goderne i benefici.

In uno studio condotto dal National Cancer Institute di Bethesda (Maryland, Stati Uniti) e pubblicato sulla rivista Hepatology, è stato riscontrato che il consumo di caffè ha effetti positivi sul fegato.

Per condurre questa ricerca, gli scienziati hanno utilizzato i dati del National Health and Nutrition Survey degli Stati Uniti (NHANES, 1999-2010) e hanno selezionato un totale di 27.793 partecipanti di età pari o superiore a 20 anni.

I volontari hanno compilato un questionario sulle abitudini di consumo di caffè e i ricercatori hanno misurato i loro livelli ematici con diversi marcatori della funzionalità epatica.

Lo scopo di questo sondaggio era valutare la salute del fegato dei partecipanti; si è riscontrato che coloro che consumavano tre o più tazze di caffè al giorno avevano livelli più bassi di enzimi epatici, rispetto a coloro che non consumavano caffè.

In conclusione, i ricercatori hanno riscontrato che i composti presenti in una tazza di caffè, oltre alla caffeina, promuovono la salute del fegato se consumati con moderazione.

Bere caffè riduce il rischio di fibrosi?

In altre ricerche, pubblicate sulla stessa rivista Hepatology, è stato riscontrato che il consumo di caffè riduce significativamente l’aumento dell’accumulo di tessuto connettivo (fibrosi) nel fegato, in quei pazienti che soffrono di steatosi epatica non alcolica.

La ricerca ha scoperto che la caffeina può ridurre la fibrosi nelle persone con fegato grasso, così come nelle persone con malattie croniche del fegato.

Per condurre questa ricerca, gli scienziati hanno intervistato 306 persone sul loro consumo di caffeina e sono stati divisi in quattro gruppi da valutare: pazienti senza segni di fibrosi agli ultrasuoni (il controllo), steatosi, steatoepatite non alcolica (NASH) in fase 0-1 e 2-4.

I pazienti con steatosi che hanno consumato caffè hanno mostrato una differenza significativa rispetto ai pazienti con stadio NASH 0-1.

Il consumo di caffè era più alto nei pazienti con stadio NASH 0-1, con il 58% dell’assunzione di caffeina del caffè normale, rispetto ai pazienti con stadio NASH 2-4, con solo il 36% del consumo di caffeina del caffè normale.

Secondo gli esperti, sono necessarie ulteriori prove e ricerche per esaminare la quantità di utilizzo di questa sostanza nei risultati clinici.

Benefici del caffè: cosa possono fare tre caffè al giorno?

I benefici di questa sostanza sono sempre più evidenti, nonostante per molto tempo si sia creduto che potesse essere dannosa per la salute. In ogni caso, è meglio chiedere consiglio al medico in caso di problemi di salute.

  • Recenti ricerche hanno stabilito che il caffè potrebbe prevenire e proteggere dal diabete.
  • Per il suo alto contenuto di antiossidanti, è correlato alla protezione contro i danni cellulari causati dai radicali liberi.
  • Riduce il rischio di soffrire di cirrosi.
Fegato sano e con cirrosi.
  • Riduce il rischio di soffrire di malattie cardiache grazie al suo alto contenuto di flavonoidi.
  • Il suo consumo è correlato alla riduzione del rischio di calcoli biliari e malattie della colecisti.
  • Nutre la flora batterica, cosa che avvantaggia il nostro sistema digestivo.

Tuttavia, i pazienti ipertesi con pressione non controllata dovrebbero evitare di consumare grandi dosi di caffeina.

Nelle persone con una pressione arteriosa ben controllata, il consumo di caffè è probabilmente sicuro, ma questa ipotesi deve essere confermata da ulteriori ricerche.

Potrebbe interessarti ...
Fegato infiammato: tutti i rimedi naturali
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Fegato infiammato: tutti i rimedi naturali

Il fegato infiammato, o epatomegalia, si produce quando questo organo aumenta di dimensioni al di là del normale, per diverse cause.



  • Jiang X, Zhang D, Jiang W. Coffee and caffeine intake and incidence of type 2 diabetes mellitus: A meta-analysis of prospective studies. European Journal of Nutrition. 2014.
  • Poole R, Kennedy OJ, Roderick P, Fallowfield JA, Hayes PC, Parkes J. Coffee consumption and health: umbrella review of meta-analyses of multiple health outcomes. BMJ. 2017;
  • Alferink LJM, Fittipaldi J, Kiefte-de Jong JC, Taimr P, Hansen BE, Metselaar HJ, et al. Coffee and herbal tea consumption is associated with lower liver stiffness in the general population: The Rotterdam study. J Hepatol. 2017;