Cucine a gas: andrebbero regolamentate? Ecco i principali rischi per la salute

Il fornello a gas potrebbe emettere sostanze tossiche all'interno della casa: è il caso di vietarlo? Seguiamo il dibattito.
Cucine a gas: andrebbero regolamentate? Ecco i principali rischi per la salute
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 23 aprile, 2023

Negli Stati Uniti è iniziato un dibattito pubblico sulla necessità di regolamentare le cucine a gas per uso domestico. Secondo alcune parti coinvolte nella questione, non sono un apparecchio sicuro per gli ambienti familiari e dovrebbe essere introdotta una legislazione più restrittiva.

Tuttavia, al di là della discussione che ha preso piede sui social network, la Consumer Product Safety Commission (CPSC) ha chiarito che non esiste alcuna restrizione attuale. Le analisi delle condizioni che potrebbero aumentare i rischi sono in corso, ma non sono ancora concluse e al momento non sembra esserci un progetto di legge concreto.

Tuttavia, nell’ultimo anno gli scienziati hanno pubblicato alcune conclusioni che hanno aumentato il livello di allarme. Ad esempio, la Harvard School of Public Health ha riferito che le sostanze chimiche volatili presenti nel gas naturale possono essere collegate a malattie croniche. I risultati possono essere esaminati nel documento pubblicato nel 2022.

Allo stesso modo, Gruenwald et al. hanno scoperto che i fornelli a gas in ambienti chiusi possono essere responsabili di parte della popolazione asmatica infantile degli Stati Uniti. Secondo le loro proiezioni, l’eliminazione di questi apparecchi dalle case eviterebbe fino al 20% dei casi di nuova diagnosi.

Il CPSC sta studiando le emissioni dei fornelli ed esplorando nuovi modi per affrontare eventuali rischi per la salute.

~ Alexander Hoehn-Saric, presidente del CPSC.

Quale sarebbe il rischio di una cucina a gas non a norma?

I fornelli a gas producono una fiamma in grado di innescare cambiamenti chimici. Questi cambiamenti portano a un aumento della produzione di alcune sostanze non innocue. Tra questi c’è il biossido di azoto o NO2.

In realtà, l’NO2 forma una famiglia di gas il cui impatto sulla salute è sotto osservazione da decenni. Oltre che nei fornelli a gas, si trovano nell’aria in caso di combustione di veicoli a motore e in presenza di incendi boschivi.

L’NO2 dà origine a una sospensione di minuscole particelle note come PM2,5 (particolato fine). L’inalazione da parte dell’uomo ha un impatto sull’apparato respiratorio, alterando la funzionalità dei polmoni.

NO2 e PM2,5 infiammano cronicamente le vie respiratorie.

Per questo motivo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) fissa dei limiti di esposizione considerati non dannosi per la popolazione. Tutti questi valori massimi sono stati definiti nel documento Linee guida dell’OMS sulla qualità dell’aria. Tuttavia, gli esperti hanno già ripetuto nei media ufficiali che l’applicazione della legge nelle grandi città è molto scarsa.

Inquinamento in città.
L’inquinamento atmosferico è un problema delle grandi metropoli e ha portato all’uso costante di mascherine in alcune di esse.

Fuoriuscita di metano

Il metano è un’altra fonte di preoccupazione in questo contesto. La regolamentazione delle cucine a gas comporterebbe anche l’esame delle potenziali perdite di questa sostanza, che tende a fuoriuscire anche quando l’apparecchio è spento.

Dalla ricerca ambientale nelle grandi città, sappiamo che il metano influenza la prevalenza dei problemi respiratori nella popolazione. La sua elevata concentrazione aumenta l’incidenza dell’asma e della tosse cronica.

Queste emissioni hanno il massimo effetto negativo sulle famiglie a basso reddito, dove l’installazione dei fornelli avviene in ambienti angusti e poco ventilati. L’accumulo a lungo termine aggraverebbe la presenza di sostanze tossiche nell’aria e nelle vie respiratorie.

Asma infantile e inquinamento atmosferico

Di tutti i nuovi casi di asma infantile rilevati, il 13% è attribuibile all’inquinamento atmosferico. È stato stabilito dalla Società cilena di pneumologia pediatrica.

Include tutte le fonti di emissione di gas nell’atmosfera. Ma trasferendo il modello alle abitazioni, si può dedurre che la concentrazione delle stesse sostanze sotto il tetto di una casa sarebbe sufficiente a riprodurre il problema su scala minore.

Questo è ciò che Gruenwald e i suoi collaboratori hanno analizzato nella pubblicazione citata all’inizio. Il problema futuro, secondo gli autori, è che quasi la metà delle famiglie statunitensi cucina con il gas, quindi si può prevedere che l’associazione persista e addirittura aumenti l’incidenza dell’asma.

Il problema non è di poco conto. Gli studi sottolineano che la presenza di NO2, ozono e PM2,5 nell’aria determina l’insorgenza di sintomi asmatici già nella prima infanzia e nell’adolescenza.

Farmaci per l'asma.
L’asma infantile è la principale preoccupazione nel contesto dell’uso delle cucine a gas.

Potrebbe interessarvi anche: Asma e rinite: esiste una relazione?

Cucine a gas: cosa dobbiamo fare?

Al momento non è prevista una legge specifica per regolamentare le cucine a gas. Esistono raccomandazioni generali al riguardo e alcuni programmi poco costosi negli Stati Uniti per ricevere uno sconto se si sostituiscono con un apparecchio elettrico.

Se si cucina con un fornello a gas, verificare che l’area sia adeguatamente ventilata. In caso di dubbio, è meglio aprire una finestra per favorire un cambio con l’aria esterna.

Se si affitta una casa con una cucina a gas, è necessario verificare che il padrone di casa abbia rispettato le leggi locali per regolamentare lo spazio. Quasi tutti i Paesi stabiliscono il numero di bocchette, le dimensioni e la posizione ideale.

È anche possibile combinare i metodi di cottura in modo da non utilizzare esclusivamente il gas naturale. Se si dispone di un forno elettrico, di un microonde o di un bollitore elettrico, si può dividere la cottura per favorire l’uso di altre energie.

La presenza di una persona asmatica in famiglia è un motivo importante per seguire attentamente questi consigli. L’obiettivo è ridurre i fattori di rischio che potrebbero portare a un attacco d’asma acuto.

Lo stesso vale per le donne in gravidanza e i bambini piccoli. Queste fasce di popolazione sono molto più sensibili agli effetti dell’inquinamento atmosferico da gas nocivi.

Potrebbe interessarti ...

Purificatori d’aria: alleati contro il polline
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Purificatori d’aria: alleati contro il polline

I purificatori d'aria possono essere un'ottima opzione quando si tratta di godere di un ambiente più limpido e sano. Vediamo perchè.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Carvalho, H. (2021). New WHO global air quality guidelines: more pressure on nations to reduce air pollution levels. The Lancet Planetary Health5(11), e760-e761.
  • De La Cruz Coelho, K. I. Emisión de metano en la incidencia de enfermedades respiratorias en la población circundante al vertedero municipal de residuos sólidos De Pucallpa, Ucayali-2017.
  • Gruenwald, T., Seals, B. A., Knibbs, L. D., & Hosgood, H. D. (2023). Population Attributable Fraction of Gas Stoves and Childhood Asthma in the United States. International Journal of Environmental Research and Public Health20(1), 75.
  • Matus Correa, P., Díaz Aranda, M., & GonzálezRiquelme, F. (2021). Contaminación atmosférica por dióxidos de nitrógeno en Región Metropolitana y su impacto sobre la salud. Revista médica de Chile149(10), 1391-1398.
  • Michanowicz, D. R., Dayalu, A., Nordgaard, C. L., Buonocore, J. J., Fairchild, M. W., Ackley, R., … & Spengler, J. D. (2022). Home is where the pipeline ends: characterization of volatile organic compounds present in natural gas at the point of the residential end user. Environmental science & technology56(14), 10258-10268.
  • Moreno, O. B. (2021). Contaminación del aire y asma. Revista de asma5(3).
  • Ubilla, C., & Yohannessen, K. (2021). Contaminación atmosférica y asma en niños. Neumología Pediátrica16(4), 164-166.
  • Velasco, R. P., & Jarosińska, D. (2022). Update of the WHO global air quality guidelines: Systematic reviews–An introduction. Environment International170, 107556.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.