Curiosità sul plancton commestibile

Il plancton contiene una proteina ricca di aminoacidi essenziali che si scontra con il concetto tradizionale di proteina vegetale.
Curiosità sul plancton commestibile
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 28 settembre, 2022

Una delle rivoluzioni della cucina odierna, insieme all’introduzione degli insetti, è il consumo di plancton. Questo rappresenta un insieme di microrganismi presenti nell’acqua, a circa 200 metri di profondità.

Normalmente, serve come cibo per alcuni tipi di pesci come le balene. Tuttavia, ha iniziato ad essere introdotto in cucina perché contiene sostanze nutritive che possono giovare alla salute umana.

Plancton, fonte di vitamine

Il plancton è caratterizzato dal contenere vitamine del gruppo C ed E. I primi sono strettamente correlati alla funzione immunitaria, secondo uno studio pubblicato nel 2016. Inoltre, partecipano al metabolismo del ferro, migliorandone l’assorbimento. Come se non bastasse, hanno capacità antiossidanti e stimolano la sintesi del collagene.

effetti collaterali della vitamina c

La vitamina E agisce come un potente antiossidante. Il suo consumo può aiutare a prevenire e curare i processi neurodegenerativi come l’Alzheimer, come affermato in un articolo pubblicato sull’International Journal of Molecular Sciences. Inoltre, può fungere da cardioprotettore contro le patologie del sistema cardiovascolare grazie alla sua capacità di ridurre il tasso di ossidazione della lipoproteina LDL.

Eccellenti caratteristiche organolettiche

Il plancton ha invece caratteristiche organolettiche che lo rendono un utilissimo alleato in cucina. È in grado di conferire un forte sapore di mare, che lo rende un prodotto pregiato quando si tratta di esaltare i profumi di molte preparazioni.

plancton nella dieta
Secondo gli scienziati, il fitoplancton nella dieta umana è migliore rispetto allo zooplancton.

Questo è uno dei motivi del suo prezzo elevato, che può aggirarsi intorno ai 2.000 euro al chilogrammo. Per fortuna bastano pochi grammi per arricchire il sapore di quasi tutte le preparazioni.

Fonte di proteine e acidi grassi

Il plancton presenta una proteina ricca di aminoacidi essenziali, che si scontra con il concetto tradizionale di proteina vegetale. Tuttavia, la maggior parte della composizione del prodotto è acqua, quindi il contenuto proteico non è paragonabile a quello di un prodotto animale.

D’altra parte , è ricco di acidi grassi omega 3. Grazie a questo nutriente, insieme all’apporto di vitamina E, il plancton diventa un alimento salutare per il cuore.

Il suo consumo può modulare leggermente il profilo lipidico e prevenirne l’ossidazione. Questo effetto è protettivo contro lo sviluppo di patologie cardiovascolari.

Tuttavia, le quantità di plancton utilizzate nelle preparazioni culinarie non sono sufficientemente elevate per beneficiare di una grande quantità di questi nutrienti. Quindi il potere che questo ortaggio di mare offre sulla salute è piuttosto limitato.

I superfood non esistono

Nonostante ci sia chi classifica il plancton come un superfood, le correnti scientifiche più attuali negano l’esistenza di questa categoria.

Nessun prodotto è in grado di prevenire o curare le malattie da solo. La sua azione dipende dal resto degli alimenti che compongono la dieta. In questo modo, per poter sperimentare gli effetti positivi di qualsiasi prodotto, è necessario inserirlo in un’alimentazione varia ed equilibrata.

Plancton, un alimento raro

Nonostante le sue caratteristiche organolettiche e i suoi antiossidanti e vitamine, il plancton è oggi un prodotto raro nella gastronomia.

Viene utilizzato nell’alta cucina per aggiungere sapore e persino colore a determinate preparazioni culinarie. Tuttavia, il suo prezzo elevato lo rende un alimento inaccessibile per la stragrande maggioranza della popolazione.

Nonostante tutto è un prodotto ricco di sostanze nutritive e con una buona capacità antiossidante. Il suo contenuto di vitamina E e acidi grassi omega 3 lo rendono un alleato del sistema cardiovascolare. Tuttavia, questi nutrienti si trovano in natura in molti prodotti, senza la necessità di ricorrere al plancton per garantirne l’assunzione.

Ricorda che i superfood non esistono e che, per godere di una buona salute, è necessario adottare sane abitudini di vita. Tra questi spicca la dieta varia ed equilibrata dal punto di vista energetico.

Dare la priorità agli alimenti freschi rispetto agli alimenti trasformati aiuterà a ridurre il rischio di sviluppare malattie complesse. Tutto questo deve essere combinato con la pratica regolare dell’esercizio fisico.

Potrebbe interessarti ...
Alghe in cucina e valori nutrizionali
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Alghe in cucina e valori nutrizionali

Avrete sicuramente sentito parlare dell'uso delle alghe in cucina e forse vi sarete chiesti come si mangiano? dove si comprano? bisogna bollirle?



  • Kim H., Jan M., Kim Y., Choi J., et al., Red ginseng and vitamin C increase immune cell activity and decrease lung inflammation induced by influenza A virus/H1N1 infection. J Pharm Pharmacol, 2016. 68 (3): 406-20.
  • Lloret A., Esteve D., Monllor P., Cervera Ferri A., Lloret A., The effectiveness of Vitamin E treatment in alzheimer’s disease. Int J Mol Sci, 2019.
  • Castells, P. (2019). El plancton comestible. Investigación y ciencia, (513), 57-57.