Curling, uno sport invernale facile e divertente

Il curling è uno sport invernale facile e divertente, adatto quasi a tutti. Scoprite le origini di questo gioco antico e come si pratica.
Curling, uno sport invernale facile e divertente

Ultimo aggiornamento: 03 ottobre, 2021

Con l’arrivo dell’autunno si comincia a pensare agli sport invernali, tra cui il curling. Insieme allo sci, al pattinaggio sul ghiaccio e allo snowboard, il curling fa parte dei cosiddetti sport invernali. In alcune località, è possibile praticarlo anche su piste artificiali appositamente realizzate.

Questo sport di squadra richiede poca forza e un po’ di abilità, precisione e strategia ed è un’occasione unica per stare in compagnia. Non a caso viene definito “gli scacchi degli sport invernali”.

Cogliamo l’occasione per ricordare che svolgere qualsiasi tipo di attività fisica in inverno offre grandi benefici, poiché in questa stagione si tende a mangiare cibi più calorici. Inoltre, l’inverno è il momento dell’anno in cui è facile essere sedentari.

Un po’ di storia

Non si conoscono le origini esatte del nome curling. Si pensa che sia legato ai verbi inglesi to curr (“curare”) o curl (“curvare” o “fare dei riccioli”). In passato veniva chiamato roaring game. La maggior parte delle fonti concorda sul fatto che sia stato inventato in Scozia.

Sebbene non vi sia una data esatta per la nascita di questo sport, si ritiene che sia avvenuta intorno al XVI secolo. A tal proposito sono state trovate tracce e indicazioni relative alla sua pratica. Ad esempio, una pietra di granito usata per il curling con incisa la data 1511.

Il primo documento in cui viene menzionato il curling è del 1540, alcune annotazioni in latino di John McQuhin. Scene di un gioco simile si vedono anche nei dipinti del pittore fiammingo Pieter Brueghel il Vecchio.

In origine le piste per il curling erano gli stagni e i laghi ghiacciati. Nel 1716 fu costruita la prima pista, presso il Kilsyth Curling Club in Scozia. La dimensione e il peso dei dischi di pietra (stones) variavano da 2 a 10 chilogrammi.

Nel 1807 il curling arrivò in America, grazie agli emigranti scozzesi che fondarono il Royal Montreal Curling Club in Canada. Nel XX secolo è diventato uno sport olimpico.

Pietra per giocare a curling.
Anche le pietre utilizzate per questo sport hanno una loro storia, poiché ne sono stati ritrovati di antichissime.

Come si gioca a curling?

Il curling è uno sport di squadra che si pratica su una pista di pattinaggio rettangolare abbastanza stretta. È lunga circa 45 metri (145 piedi) e larga 4 metri e mezzo (15 piedi).

Sulla pista si affrontano due squadre di 4 giocatori. Vengono lanciate 8 stones per ogni round, 2 per giocatore. Questi possono usare delle scope per modificare la traiettoria del lancio.

Il principio è simile a quello del bowling, poiché l’obiettivo è spingere la stone in modo che arrivi il più vicino possibile al bersaglio (chiamato tee), che si trova all’altra estremità della pista.

I componenti di ciascuna squadra tirano in ordine, alternandosi a quelli dell’altra squadra. Per raggiungere il loro obiettivo si possono effettuare diversi tipi di lanci:

  1. Spingere la stone il più vicino possibile alla “casa” (daw).
  2. Colpire le stones della squadra avversaria per farle uscire dalla posizione di annotazione (takeout).
  3. Posizionare le stones in modo tale da proteggere le proprie impedendo alla squadra avversaria di colpirle.

Nel punteggio, vengono conteggiate le stones più vicine al centro. Ma se quella che segue dopo il centro è dell’altra squadra, verrà segnato un solo punto.

Si gioca in un determinato numero di round o ends. Una partita può essere composta da 8 a 10 round. Ovviamente vince quella con il maggior numero di punti. Se alla fine degli ends previsti i punteggi sono pari, sarà necessario giocare un altro round per stabilire il vincitore.

Attualmente esiste un limite di tempo per il lancio: ogni squadra ha a disposizione un massimo di 60 minuti.

Come sono composte le squadre nel curling?

Nel curling ogni squadra è composta da 4 giocatori, ognuno con un ruolo specifico.

Lead

È il giocatore che lancia nel primo giro, cioè la prima e la seconda stone. Per questo motivo, si può dire che il suo lancio è più facile, poiché non ci sono altre stone. Tuttavia, da questo lancio dipende il resto del gioco.

Quando il lead ha terminato i suoi lanci, deve aiutare i suoi compagni di squadra, spazzando con la scopa per facilitare la scivolata.

Second

Come suggerisce il nome, è il giocatore che lancia nel secondo turno, quindi la terza e la quarta pietra. Poi aiuta a spazzare il campo ai compagni che lo seguono.

Third o vice skip

Oltre a lanciare la quinta e la sesta pietra e spazzare il primo giocatore, segna le giocate e partecipa alla strategia.

È il vice-capitano della squadra. Infatti, quando arriva il momento di lanciare per lo skip, è il third che svolge le funzioni di capitano, guidando gli altri.

Skip

È il capitano della squadra, il giocatore più importante e di solito il più esperto. Ha il compito di definire la strategia insieme ai suoi compagni, indicando il gioco e le spazzate.

Gli spetta di lanciare le ultime due stones, che sono i lanci più difficili, perché la pista sarà piena di pietre e dovrà stare molto attento.

Quali sono gli strumenti del curling

  • Stone da curling o sassi: pesano venti chili circa. Ci sono 2 set formati da 8 sassi ciascuno, di un colore diverso. Sono realizzati in granito e nella parte superiore presentano una maniglia ad angolo.
  • Scopa da curling: serve per spazzare la superficie su cui scivolano le stone, favorendone il movimento, la velocità e la direzione.
  • Scivolo o slider: Lo scivolo è la suola progettata per non scivolare e cadere sul ghiaccio.

Nel regolamento ufficiale non ci sono indicazioni su ciò che ogni giocatore deve indossare. Solo durante i campionati è richiesta una certa uniformità.

Stones per giocare a curling.
Stones da curling o sassi.

Ci sono controindicazioni alla sua pratica?

Il curling, prima di tutto, è un gioco di strategia. Ci sono studi che dimostrano quanto il processo decisionale sia importante per questo tipo di gioco.

Non ci sono limiti di età. È un gioco per tutti, che offre numerosi benefici non solo a livello fisico, ma anche psicologico. Tuttavia, come in tutte le attività sportive, è necessario prendere delle precauzioni per evitare infortuni. In questo caso, possono verificarsi cadute perché la superficie ghiacciata è scivolosa. Inoltre, bisogna stare molto attenti con i sassi.

In poche situazioni il curling è controindicato. Ad esempio quando si soffre di lombalgia acuta, poiché chinarsi per far scorrere le pietre è piuttosto impegnativo e richiede uno sforzo non indifferente.

Infine gli asmatici e gli allergici dovrebbero essere cauti quando fanno sport in inverno, poiché potrebbe costituire un rischio maggiore per loro.

Potrebbe interessarti ...
Come trovare il tempo per fare sport?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Come trovare il tempo per fare sport?

Non solo per l'aspetto fisico, ma anche per il nostro benessere e per la nostra salute. Ma come trovare il tempo per fare sport?



  • Alcaraz-Ibáñez M, Pérez-Romero A, Aguilar-Parra J, Trigueros R. Deportes de invierno adaptados: salud, diversión y competición sin barreras. En Gallego J, Alcaraz-Ibáñez M, Aguilar-Parra H, Cangas A. IV Congreso internacional de Deporte Inclusivo. Almería: Universidad de Almería, 2015.
  • Bradley JL. The sports science of curling: a practical review. J Sports Sci Med. 2009; 8(4): 495-500.
  • Drobnic F. Asma y actividad deportiva. Apuntes: Educación física y deportes. 1994; 38(4): 100-103.
  • Real Federación Española de Deportes de Hielo [En línea]. España: En el Top 10 mundial de la modalidad mixta de curling; 2020. [Fecha de   acceso: 24 de febrero de 2021]. URL disponible en: https://www.rfedh.es/espana-en-el-top-10-mundial-de-la-modalidad-mixta-de-curling/
  • Reeser J, Berg R. Self reported injury patterns among competitive curlers in the United States: a preliminary investigation into the epidemiology of curling injuries. British Journal of Sports Medicine. 2004; 38(5): http://dx.doi.org/10.1136/bjsm.2003.010298
  • Wieting S, Lamoureux D. Curling in Canada. Sport in Society. 2001; 4(2): 140-156.