Dieta per gli sportivi: quali alimenti evitare quando ci si allena

Per chi pratica sport a livello agonistico prestare attenzione alla dieta significa migliorare le prestazioni e ridurre il rischio di lesioni. Quali alimenti dovrà evitare?
Dieta per gli sportivi: quali alimenti evitare quando ci si allena

Ultimo aggiornamento: 11 novembre, 2021

Alimentazione e allenamento sono due delle chiavi per il successo nello sport. Per questo motivo, chi lo pratica a livello agonistico è molto attento a tutto ciò che mangia. Sapete quali alimenti non rientrano nella dieta per gli sportivi?

Secondo gli esperti, le prestazioni atletiche e il recupero dall’esercizio migliorano quando l’alimentazione è ottimale. La dieta degli sportivi si basa quindi su una scelta corretta di cibi e bevande, e sulla possibilità di aggiungere integratori.

Oltre a tenere conto dei carboidrati, dei grassi e delle proteine, è fondamentale prestare attenzione al fabbisogno di micronutrienti. Le quantità giornaliere raccomandate di vitamine e sali minerali devono essere soddisfatte ed eventualmente aumentate per evitare il rischio di un deficit.

La regola generale, quando si pratica sport, è eliminare dalla dieta gli alimenti a basso contenuto di nutrienti e quelli che causano infiammazione e sovraccarico. Una scelta attenta può fare la differenza ed evitare un calo delle prestazioni.

Dieta per gli sportivi: quali sono gli alimenti da eliminare

Alcol

Gli effetti delle bevande alcoliche sulla salute sono negativi per chiunque. Bere troppo ha conseguenze a breve e lungo termine, legate alla salute cardiovascolare, al rischio di cancro, all‘indebolimento del sistema immunitario e allo sviluppo di problemi psichici.

Nel caso particolare degli atleti, l’alcol influisce sulle prestazioni. Come sottolinea la rivista scientifica Sports Medicine, le prestazioni sportive diminuiscono, aumenta il rischio di infortuni e l’idratazione diventa difficile. È persino una sostanza proibita in alcuni sport olimpici.

Bevande alcoliche.
Il consumo di alcol abbassa le prestazioni sportive e peggiora lo stato di idratazione.

Bevande energetiche e bibite light

Per la maggior parte, le bibite zuccherate, i succhi di frutta o le bevande light non sono raccomandate. Molti studi mettono in guardia dai loro effetti negativi sulla salute.

Nel caso delle bevande energetiche a base di ingredienti come caffeina o taurina, è noto che i benefici di un consumo moderato migliorano i risultati. Tuttavia, un consumo eccessivo ha impatto sulla pressione arteriosa e possono comparire ipertensione, tachicardia o nervosismo.

Le bevande sportive sono ideate per migliorare le prestazioni, prevenire o trattare la disidratazione e i crampi muscolari. Sono adatte per esercizi prolungati o in determinate condizioni meteorologiche.

Non bisogna confonderle con le bevande energetiche. Fare un uso corretto di queste bevande e scegliere sempre le opzioni più salutari richiede un’analisi approfondita dei prodotti presenti sul mercato.

Barrette energetiche

Sono una fonte veloce, accessibile e conveniente di energia e sostanze nutritive in alcune occasioni. Ma spesso si tratta di prodotti ultraprocessati. In questo caso è meglio optare per altri alimenti, come frutta o noci.

Cereali zuccherati

Una ciotola di cereali con molto zucchero non è la colazione ideale per chi pratica sport. È una fonte di energia molto veloce, che provoca un aumento istantaneo dell’insulina e favorisce lo stoccaggio dei grassi. Lo stesso si può dire per la maggior parte dei muesli commerciali o dei fiocchi d’avena edulcorati o pronti da mangiare.

Sono da preferire, invece, fiocchi di cereali (avena, quinoa, segale) o fiocchi di mais non zuccherati. Potete anche preparare una colazione con pane tostato, frullato, uova o muesli fatti in casa.

Cioccolatini, biscotti e altri dolci

La dieta per gli sportivi non prevede caramelle, cioccolatini, biscotti, ecc. Contengono tutti una grande quantità di zuccheri aggiunti e non forniscono quasi nessun nutriente.

Il fatto di bruciare calorie, essere in buona forma fisica e avere un buon metabolismo non è una scusa per introdurre questo tipo di alimento nella dieta. Sebbene non alterino il peso, potrebbero influire sulle prestazioni e sulla salute generale.

Piatti pronti e fast food

Entrambe le opzioni contengono grandi quantità di grassi saturi e idrogenati, oltre a farine raffinate, molto sodio e ingredienti di scarsa qualità. Il consumo di questo tipo di grassi deve restare basso e nullo in caso di grassi trans.

Alcuni degli effetti dannosi osservati sono l’aumento dei trigliceridi nel sangue e l’infiammazione o la calcificazione delle cellule arteriose. Tutto ciò porta ad un aumento del rischio di malattia coronarica.

Pane, pasta e riso bianco

In generale i cereali non raffinati non sono una scelta consigliata, poiché il processo di raffinazione rimuove la fibra e gran parte delle vitamine e dei minerali che contengono. Inoltre, l’energia fornita dai cereali integrali è più sostenuta e non provoca picchi di insulina.

In ogni caso, in momenti specifici, gli atleti devono monitorare la quantità di fibre nel piatto. Se è eccessiva, prima di un evento importante può portare a cattiva digestione o a problemi intestinali.

Cereali raffinati.
I cereali raffinati perdono vitamine, minerali e fibre nel processo di produzione.

Cibo e sport: come coniugarli bene

La dieta per gli sportivi deve essere sana e adattarsi alle caratteristiche di ciascuno. Oltre a fare attenzione ad alcuni alimenti, ci sono altri fattori che devono essere presi in considerazione:

  • Mangiare lentamente. Si tende a non dedicare abbastanza tempo alla masticazione perché siamo distratti da altre attività o dall’allenamento. Mangiare in fretta è causa di disturbi intestinali e cattiva digestione.
  • Bere abbastanza acqua: occorre mantenersi idratati prima, durante e dopo l’allenamento o la competizione. L’idratazione è un’altra chiave per una buona prestazione e il successivo recupero.
  • Introdurre fonti proteiche ad ogni pasto: sono necessarie per riparare e rafforzare il tessuto muscolare. Sono ideali le uova, gli albumi, i derivati della soia, pesce, frutta secca o carni magre.
  • No alle diete ipocaloriche. Una dieta restrittiva può avere effetti negativi sul funzionamento del corpo.
  • Non provare nuovi cibi o integratori prima della competizione. Avvertire malessere intestinale o altre reazioni avverse, può rovinare tutto il lavoro svolto.

Dieta per gli sportivi: salute e performance

Chiunque, sportivo e non, deve vigilare sulla propria alimentazione, poiché questo è uno dei pilastri di un buono stato di salute fisica e mentale. La dieta deve essere sana, equilibrata e adattata alle caratteristiche individuali.

Nel caso degli sportivi è di particolare importanza, poiché i fabbisogni energetici e nutrizionali sono generalmente aumentati. È in gioco la salute, i risultati sportivi, la possibilità di recupero e il rischio di lesioni.

Alcuni alimenti saranno dunque da evitare o limitare, tuttavia date le differenze tra le discipline, il miglior consiglio è quello di cercare una consulenza professionale.

Potrebbe interessarti ...
Alimentazione per gli sportivi vegani
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Alimentazione per gli sportivi vegani

L'alimentazione per gli sportivi vegani deve tenere conto del loro fabbisogno nutrizionale. In particolar modo, alle quantità di proteine assunte.



  • American Dietetic Association et al. American College of Sports Medicine position stand. Nutrition and athletic performance. Medicine and Science in Sports and Exercise. Marzo 2009. 41 (3): 709-31.
  • Burke L. M. Energy needs of athletes. Canadian Journal of Applied Physiology. Enero 2001. 26 (S1): S202-S219.
  • Caspero A. Protein and the athlete. How much do you need? Eatright. Academy of Nutrition and Dietetics. Julio 2020.
  • Centers for Disease Control and Prevention. Alcohol use and tour health. Mayo 2021.
  • Gutiérrez-Hellín J, Varillas-Delgado D. Energy drinks and sports performance, cardiovascular risk, and genetic associations; future prospects. Nutrients. Febrero 2021. 13 (13): 715.
  • Kummerow F. A. The negative effects of hydrogenated trans fats and what to do about them. Atherosclerosis. Agosto 2009. 205 (2): 458-65.
  • O’Brien C.P, Lyons F. Alcohol and the athlete. Sports Medicine. Mayo 2000. 29 (5): 295-300.