Grassi idrogenati o trans: cosa sono?

28 Agosto 2019
Il Comitato di Esperti della OMS ha stilato un rapporto in cui si sottolinea la necessità di ridurre drasticamente o di eliminare gli acidi grassi trans nei prodotti alimentari industriali.

Gli alimenti presentano molti tipi di grassi, alcuni salutari e altri dannosi. I grassi idrogenati sono grassi vegetali che all’interno del nostro organismo possono comportarsi come altri grassi di origine animale.

Si tratta di quelli che comunemente vengono chiamati grassi trans, e che cambiano la loro composizione, il loro aspetto e la loro consistenza. Scoprite meglio i grassi idrogenati in questo articolo. Non perdetevelo!

Cosa sono i grassi idrogenati?

I grassi idrogenati (o grassi trans) sono quei grassi prodotti mediante processo chimico. Presentano indicatori sfavorevoli, motivo per cui non sono assolutamente consigliati, nemmeno in basse percentuali.

Potremmo dire che vanno evitati il più possibile. Ottenuti dall’idrogenazione degli oli vegetali (processo mediante cui passano da insaturi a saturi di forma trans), sono molto più dannosi dei saturi presenti in natura.

Potrebbe interessarvi leggere: Alimenti con alti livelli di colesterolo cattivo (LDL)

Come si ottengono i grassi trans o idrogenati?

Panetto di burro
I grassi idrogenati sono il risultato di un processo chimico che apporta vantaggi ai produttori, soprattutto perché il loro costo è inferiore rispetto a quello di altri tipi di grassi.

I grassi trans o idrogenati si generano attraverso un processo chimico che ha molti vantaggi per chi li produce, innanzitutto in termini di costi, visto che sono più economici di altri tipi di grassi. Eppure, i grassi idrogenati rappresentano un pericolo per la nostra salute.

Le industrie alimentari aggiungono idrogeno a determinati ingredienti che contengono grassi per natura, allo stato liquido (come gli oli). Lo fanno quando questi ingredienti si trovano a temperature molto alte, tali da passare allo stato solido.

In tal modo ottengono alimenti che si mantengono in perfetto stato nel tempo, dall’aspetto molto appetitoso e che sono facili da cucinare perché difficilmente si rovinano durante la cottura.

Quali effetti hanno sulla salute?

I grassi idrogenati si trovano perlopiù negli alimenti processati. Dovete pensare che assumere solo 5 grammi di grassi trans al giorno viene già considerato pericoloso per la salute.

Sono i grassi più dannosi per la salute, per cui si consiglia di evitarli o di ridurne al massimo l’assunzione. Aumentano il rischio di contrarre malattie come quelle a seguire:

  • Cardiovascolari o arteriosclerosi: possono comportare un aumento dei livelli di colesterolo cattivo e di trigliceridi, mentre riducono i livelli di colesterolo buono.
  • Cancro: possono indurre l’organismo a secernere ormoni e membrane cellulari difettose.
  • Cerebrali: inibiscono l’azione degli acidi grassi essenziali, ritardando la crescita e la maturazione del cervello.
  • Malattie metaboliche e diabete.

In un rapporto stilato dal Comitato di Esperti della OMS viene messa in luce l’urgenza di ridurre drasticamente, o di eliminare del tutto, gli acidi grassi trans dalla produzione industriale degli alimenti.

I consumatori non sono pienamente coscienti degli effetti che un elevato consumo di questi grassi ha sulla salute, soprattutto su quella cardiovascolare.

Alimenti o prodotti che li contengono

Prodotti da pasticceria
I grassi idrogenati sono presenti in un’ampia varietà di prodotti di consumo quotidiano.

I grassi idrogenati sono economici e hanno una consistenza ideale per la preparazione di una vasta gamma di prodotti.

Hanno un sapore molto gradevole e gustoso e sono a lunga conservazione rispetto ad altri tipi di grassi. Ma sapete quali prodotti contengono questi grassi così nocivi per la salute?

  • Prodotti industriali da pasticceria
  • Biscotti
  • Cibi precotti
  • Snack
  • Margarina
  • Caramelle
  • Cibi fast-food in generale
  • Fritti

Non perdetevi: Grassi sani che non possono mancare nella dieta

Come evitare i grassi idrogenati

Per evitare i grassi, la prima cosa da fare è non consumare i prodotti processati, per cui si consiglia di scegliere prodotti freschi, che non contengono questi grassi né altri prodotti aggiunti.

E se fate la spesa principalmente al supermercato, leggete le etichette prima di comprare un prodotto processato. È importante assicurarsi che i prodotti nel carrello non contengano ingredienti non sani.

In questa lista non ci sono solo i grassi idrogenati, ma anche lo zucchero e altri amidi. E se c’è scritto che un determinato prodotto contiene grassi vegetali, bisogna vedere di che tipo. Evitate gli acidi grassi idrogenati o parzialmente idrogenati.

Essendo abituati a comprare molti prodotti processati o cibi precotti, può sembrare difficile. Tuttavia, è importante cambiare abitudini per ottenere uno stile di vita salutare.

  • Cabezas-Zábala, C. C., Hernández-Torres, B. C., & Vargas-Zárate, M. (2016). Aceites y grasas: efectos en la salud y regulación mundial. Revista de la Facultad de Medicina64(4), 761-768.
  • Ballesteros-Vásquez, M. N., Valenzuela-Calvillo, L. S., Artalejo-Ochoa, E., & Robles-Sardin, A. E. (2012). Ácidos grasos trans: un análisis del efecto de su consumo en la salud humana, regulación del contenido en alimentos y alternativas para disminuirlos. Nutrición Hospitalaria27(1), 54-64.
  • Riobó, P., & Bretón, I. (2014). Ingesta de grasas trans: situación en España. Nutrición Hospitalaria29(4), 704-711.
  • Marchand V. Las grasas trans: lo que los médicos deben saber. Salud infantil pediátrica . 2010; 15 (6): 373–378. doi: 10.1093 / pch / 15.6.373
  • Iqbal MP. Ácidos grasos trans – Un factor de riesgo para la enfermedad cardiovascular. Pak J Med Sci . 2014; 30 (1): 194–197. doi: 10.12669 / pjms.301.4525