Dieta per i calcoli biliari: alimenti e consigli

· 24 Gennaio 2019
In caso di calcoli biliari, è importante rivolgersi a uno specialista che indichi un trattamento adatto alle proprie esigenze. Sappiate, inoltre, che alcuni alimenti possono aiutare a calmare i sintomi

I calcoli biliari sono dei sassolini che si formano nella colecisti. A causa della sintomatologia, questa malattia non sempre viene diagnosticata tempestivamente. Sappiate, però, che è importante riconoscerla e capire come trattarla, così come seguire una precisa dieta per i calcoli biliari.

La colecisti è un organo che fa parte dell’apparato digerente e che si trova nella parte destra del corpo, vicino alla cavità addominale. Pur essendo un organo di piccole dimensioni, ha una funzione molto importante: si occupa di immagazzinare la bile, un liquido necessario per la corretta digestione.

In questo articolo scopriamo insieme i motivi per cui si formano i calcoli biliari e quale dieta seguire per prevenirli ed eliminarli.

Calcoli nella colecisti

Calcoli nella cistifellea

Si tratta di cristalli che si accumulano e si depositano nella colecisti. Quando le dimensioni di questi sassolini aumentano, la persona inizia ad avvertire fastidio.

Le dimensioni dei calcoli variano da un granellino di sabbia a una pallina da golf.

Sintomi dei calcoli biliari

I sintomi di questa condizione sono talmente comuni da complicarne la diagnosi. Prestate attenzione a questi segnali che possono essere confusi con quelli dell’indigestione:

  • Dolore durante l’inspirazione profonda
  • Coliche addominali
  • Dolore nella parte destra del torace che può espandersi alla spalla o alla schiena
  • Nausea e vomito
  • Febbre (in genere quando c’è già un’infezione)
  • Flatulenza
  • Feci di colore pallido
  • Itterizia (il colorito giallognolo è dovuto alla ritenzione di bile che è anch’essa di colore giallo).

Vi consigliamo di leggere anche: Depurare il fegato e la cistifellea e prevenire i calcoli biliari: come?

Cause

Esistono diversi motivi per cui si formano i calcoli biliari, ad esempio:

  • Quando sostanze come il colesterolo, il bilirubinato di calcio o il carbonato di calcio si cristallizzano o si induriscono.
  • L’obesità, in quanto in condizioni di eccessivo sovrappeso viene prodotta una quantità maggiore di colesterolo nella bile.
  • Uno stile di vita sedentario e una dieta ricca di calorie e carboidrati, che sono i fattori di rischio per sviluppare l’obesità.
  • Diete veloci, di quelle che fanno perdere 10 chili in una settimana. Il cambiamento repentino favorisce lo sviluppo di calcoli biliari o fa sì che quelli già formatisi crescano e diventino sintomatici.

Alcuni dati

Calcoli biliari

Secondo diversi studi, nei paesi occidentali i calcoli biliari interessano circa il 10-20% della popolazione.

Sembra anche che nella maggior parte dei casi non ci siano sintomi evidenti, mentre in altri sì, insieme a complicazioni. Dovete sapere che in genere sono soprattutto le donne e le persone anziane a soffrire di calcoli biliari.

Dieta per i calcoli biliari

Seguire una dieta sana ed equilibrata è fondamentale per prevenire i calcoli biliari, dunque conviene apportare qualche modifica alle abitudini alimentari. Cercate di consumare:

  • Verdure di tutti i tipi, meglio se cotta così è più facile digerirla.
  • Frutta, tranne il cocco e l’avocado.
  • Cereali integrali di tutti i tipi perché ricchi di fibra. Tenete in considerazione la pasta, il riso o il pane integrale.
  • Carni con pochi grassi cotte alla piastra. Nel caso del pollo, eliminate la pelle.
  • Latticini o derivati purché con latte scremato.
  • Acqua e succhi di frutta.

Gli alimenti vanno preferibilmente cotti al vapore o alla piastra, in quanto l’obiettivo principale è quello di eliminare i grassi. Sono proprio gli alimenti ad alto contenuto di grassi che vanno eliminati dalla dieta, come ad esempio:

  • Carni grasse: salsicce, costine, petto d’oca o anatra.
  • Pesce grasso: sardine, salmone, tonno.
  • Oleaginose: mandorle, noci, arachidi, castagne.
  • Latte intero e derivati, come yogurt, ricotta e formaggi grassi.
  • Interiora: reni, cuore, fegato, trippa.
  • Grassi animali.
  • Bevande alcoliche.
  • Dolci: biscotti, cioccolata, dolci di pasta sfoglia.
  • Salse pronte.

Volete saperne di più? Leggete anche: Frutta e verdura che vi svelano, dall’aspetto, se sono naturali o trattati

Eliminare gli alcolici

Raccomandazioni per una corretta dieta per i calcoli biliari

Una dieta equilibrata è la chiave per prevenire qualsiasi malattia. Questo vale anche per i calcoli biliari. Ecco alcuni consigli:

  • Consumate grassi monoinsaturi (ad esempio l’olio extravergine di oliva) in porzioni moderate.
  • Consumate lecitina che aiuta a tenere bassi i livelli di colesterolo. È presente nel cioccolato fondente al 100%, nelle uova, nella soia e nel latte.
  • Bevete un infuso di curcuma nel pomeriggio. La curcumina è un antiossidante che fa bene alla digestione e al metabolismo del fegato, riduce le infiammazioni ed evita la formazione di calcoli biliari.
  • Fate attività fisica. In questo modo, eviterete di adottare uno stile di vita sedentario con tutti i problemi che ne derivano.

Consultate uno specialista se avete dubbi o appena notate la comparsa di uno dei sintomi menzionati nell’articolo. È sempre meglio accertarsi che vada tutto bene.