Dieta vegana per dimagrire: consigli e menù

La dieta vegana non prevede alimenti di origine animale e può essere un'ottima alternativa per perdere peso.

La dieta vegana ha ottenuto una discreta fama negli ultimi anni grazie ai suoi promotori. Si tratta di un’alimentazione variata che, a differenza di quella vegetariana, implica la totale esclusione di qualsiasi prodotto di origine animale, tra cui miele e uova.

La maggior parte della gente dichiara di adottare questa dieta per motivi etici e ambientali; tuttavia, c’è chi è interessato a essa perché si tratta di un’ottima opzione per dimagrire.

Anche se può essere un po’ difficile rinunciare ai piatti tradizionali, le combinazioni alimentari proposte sono ipocaloriche e ricche di proprietà che aiutano a mantenere la linea.

In cosa consiste? Perché aiuta a dimagrire? Come seguirla in modo sano? Per rispondere a questi interrogativi, a seguire condividiamo nel dettaglio gli aspetti più rilevanti di questo regime alimentare.

Scopriteli!

In cosa consiste la dieta vegana?

Alimenti dieta vegana

Un programma alimentare vegano non contiene prodotti di origine animale, inclusi latticini, miele, gelatina e uova. È una dieta dai grandi benefici per la salute e il peso, poiché è povera di grassi, calorie e alimenti che, in generale, sono considerati “dannosi”.

La dieta vegana è costituita principalmente da:

  • Legumi o cereali
  • Frutta secca e semi
  • Frutta e verdura
  • Alghe marine
  • Cereali integrali

Tutti questi alimenti vengono uniti per preparare piatti bilanciati che soddisfino i fabbisogni nutrizionali dell’organismo.

Al contempo, il vegano presta particolare attenzione all’acquisto dei prodotti, poiché nessuno dei suoi pasti deve contenere ingredienti di origine animale.

Scoprite anche: Maionese vegana: ricetta per prepararla

Perché la dieta vegana aiuta a dimagrire?

Per perdere peso, risulta necessario ridurre il consumo calorico senza esagerare. La dieta vegana, purché ben impostata, è una delle opzioni migliori per raggiungere tale obiettivo.

Il suo successo si deve alla combinazione di ingredienti sani e ipocalorici che, pur fornendo importanti nutrienti, saziano, migliorano la digestione e favoriscono i processi volti al dimagrimento.

La dieta vegana causa carenze nutritive?

Donna stanca con mano sulla fronte

Uno degli aspetti più controversi delle diete vegane riguarda le possibili carenze nutrizionali. In seguito all’esclusione degli alimenti di origine animale, molti ne parlano come di un regime alimentare pericoloso.

La verità, però, è che dipende tutto da come vengono pensati i piatti. Una dieta vegana può apportare i nutrienti adatti a ogni fase vitale, purché venga programmata con attenzione e si tenga conto dei bisogni del proprio organismo.

L’unica eccezione è la vitamina B12 che è di origine animale, ma che è possibile ottenere grazie agli integratori, così da mantenerla a livelli ottimali.

Per quanto riguarda le proteine, la cui fonte principale sono gli animali, vengono sostituite con prodotti di origine vegetale che apportano proteine ad alto valore biologico, ovvero di facile assorbimento.

Menù della dieta vegana per dimagrire

Lunedì

  • Colazione: macedonia.
  • Spuntino: un pugno di frutta secca.
  • Pranzo: falafel e hummus con verdure.
  • Merenda: bicchiere di latte vegetale (cocco, mandorle o soia) e tramezzino con pomodoro e olio.
  • Cena: pizza senza formaggio o altri prodotti di origine animale.

Martedì

  • Colazione: bicchiere di latte vegetale e toast integrale con purè di avocado e pomodoro.
  • Spuntino: mix di frutta fresca.
  • Pranzo: insalata di quinoa con asparagi e fragole.
  • Merenda: bicchiere di latte vegetale e 1 cucchiaio di semi di girasole.
  • Cena: broccoli in padella con zucca e tofu.

Mercoledì

Tofu dieta vegana

  • Colazione: spremuta di un’arancia accompagnata da una pera e un kiwi interi, un pungo di frutta secca e un toast con lattuga e olio di oliva.
  • Spuntino: un bicchiere di latte vegetale e biscotti vegani.
  • Pranzo: crema di patate e porri, polpette di avena con pomodoro e timo.
  • Merenda: una mela e un pungo di nocciole (20 grammi).
  • Cena: insalata di ceci, riso integrale e tofu, pane integrale e yogurt di soia.

Giovedì

  • Colazione: una pera e una pesca, un bicchiere di latte vegetale e un pugno di frutta secca.
  • Spuntino: mela e kiwi e biscotti integrali e vegani.
  • Pranzo: pasta con salsa di pomodoro e tofu, insalata di piselli e verdure.
  • Merenda: due clementine.
  • Cena: verdure e seitan in padella, bicchiere di latte vegetale.

Venerdì

  • Colazione: un bicchiere di latte vegetale con biscotti vegani di avena e cocco.
  • Spuntino: macedonia di frutta fresca.
  • Pranzo: hamburger di fagioli e funghi con patate al forno.
  • Merenda: bicchiere di latte vegetale e pane integrale con purè di avocado e pomodoro.
  • Cena: tofu in salsa di aglio nero e insalata di radicchio con maionese vegana.

Sabato

  • Colazione: tè con latte di avena e pane integrale con marmellata.
  • Spuntino: bicchiere di latte vegetale e biscotti vegani.
  • Pranzo: bruschetta con pomodoro e peperoni rossi ripieni di riso.
  • Merenda: due frutti.
  • Cena: frittata vegana con funghi.

Domenica

  • Giorno di riposo. Preparate un menù libero, senza prodotti di origine animale, chiaro.

Volete provare la dieta vegana per dimagrire? Anche se non è semplice mantenerla, apporta numerosi benefici.

Guarda anche