Diete per dimagrire in modo sano

16 Ottobre 2019
Sebbene esistano diverse diete che consentono di dimagrire in modo sano, è sempre meglio verificare ogni caso singolarmente con l'aiuto di un nutrizionista. Solo così, sarà possibile ottenere una dieta pensata in funzione delle esigenze individuali.

Le diete più famose non sempre sono quelle più sostenibili nel medio e lungo termine, oppure sono del tutto dannose per la salute. Per tale ragione, nell’articolo di oggi vi presentiamo 3 diete per dimagrire in modo sano, la cui sostenibilità è garantita.

Nelle prossime righe entreremo nel dettaglio di queste diete attualmente considerate salutari. Prendete nota!

3 diete per dimagrire in modo sano

Seguire un’alimentazione corretta è essenziale per raggiungere un peso sano ed equilibrato. In tal senso, è indicato seguire regimi alimentari che garantiscano l’apporto di tutti i nutrienti. Inoltre, come segnala uno studio pubblicato sul Journal of Research in Medical Sciences, è altrettanto importante ridurre l’apporto calorico.

I requisiti nutrizionali ed energetici di ogni individuo, tuttavia, variano in base all’età, allo stile di vita e allo stato di salute. Pertanto, anche se nelle prossime righe vi presentiamo 3 diete dimagranti attualmente ritenute tra le più sane, è consigliabile consultare un nutrizionista, il quale vi aiuterà a scegliere la dieta più adatta alle vostre esigenze.

Leggete anche: Dimagrire con la dieta mediterranea: 10 consigli

1. Dieta chetogenica

Sebbene questa dieta sia stata oggetto di controversie in passato, attualmente è considerata una delle migliori opzioni per il dimagrimento. Quanto appena detto è supportato da una ricerca pubblicata sull’International Journal of Environmental Research and Public Health.

Il meccanismo è semplice: ridurre al minimo i carboidrati. È una dieta che non limita le quantità, ma solo un certo gruppo di alimenti. Poter di mangiare senza limiti in termini di volume rende più facile seguirla.

La difficoltà risiede soprattutto nelle prime settimane, durante le quali si può incorrere in una sorta di sindrome da astinenza da zuccheri, che vengono eliminati. Tuttavia, una volta scomparso tale effetto e se la dieta è ben pianificata, seguirla diventa più semplice.

È una dieta assolutamente sicura per la salute sia nel medio che nel lungo termine, purché non vengano superate le quantità giornaliere di proteine consigliate: 0,8 g/kg di peso corporeo. Esistono anche alcune modifiche che ne facilitano la fruibilità, come ad esempio la limitazione dei carboidrati a partire da una certa ora del giorno.

Dieta chetogenica
La dieta chetogenica si propone di ridurre al minimo i carboidrati. Per tale ragione, attualmente è una delle diete più rinomate per la perdita di peso.

2. Il digiuno intermittente tra le diete per dimagrire in modo sano

Consiste nell’alternare lunghi periodi di digiuno (almeno 16 ore) con altri in cui è consentita l’assunzione di cibo. Secondo una recensione pubblicata sull’Annual Review of Nutrition, il digiuno intermittente fa bene alla salute nel medio e nel lungo termine, in quanto promuove il dimagrimento e può anche migliorare la salute metabolica.

Grazie al sistema ormonale, che regola l’ormone dell’appetito (grelina) subito dopo il risveglio, risulta semplice da seguire. Una strategia utile è quella di bere un caffè a stomaco vuoto per indurre il senso di sazietà e rendere più sopportabile il periodo di digiuno.

Per massimizzare i risultati, può essere abbinata alla dieta chetogenica oppure a una restrizione di carboidrati da una certa ora in poi. Esistono diversi protocolli, ma il meno restrittivo e che funziona meglio, è il 16:8, che prevede di saltare la colazione o la cena. Altri prevedono un intero giorno di digiuno ogni 2 o 3 giorni.

3. Dieta del mare

È una versione della dieta mediterranea che preferisce il consumo di pesce rispetto alla carne, secondo quanto riportato da uno studio pubblicato su BMC Public Health. Non prevede il consumo di pane come accompagnamento, né di vino come bevanda “salutare per il cuore”.

È una dieta comune nei paesi nordici e garantisce adeguati livelli di vitamina D grazie al consumo di pesce azzurro e latticini. Le verdure sono un elemento indispensabile e i carboidrati non costituiscono la base della piramide alimentare. Come grassi, vengono utilizzati principalmente oli e frutta secca, sebbene sia anche possibile includere l’avocado.

Per migliorare i risultati, è possibile abbinarla al digiuno intermittente. Inoltre, è una dieta sana per il cuore. È importante variare la tipologia di frutta e verdura, nonché il tipo di pesce (preferendo quello azzurro a quello bianco).

Può interessarvi anche: La dieta mediterranea: i 10 alimenti alla base

Dieta del mare
Il vantaggio di questo tipo di dieta è che si tratta di una variante della dieta mediterranea. Pertanto, è più semplice da seguire.

3 diete per dimagrire in modo sano: qual è la migliore?

Tra queste 3 diete la più difficile da seguire, probabilmente, è la dieta chetogenica. Nel nostro paese, l’uso del pane come accompagnamento e il consumo di carboidrati è piuttosto frequente. Limitarne il consumo, pertanto, può generare un certo rifiuto iniziale. Inoltre, durante i primi giorni si possono sperimentare episodi di affaticamento finoché non ci si abitua alla chetosi.

La dieta del mare può dunque risultare l’alternativa più pratica e facile da seguire. Ha una ragionevole somiglianza con la dieta mediterranea, a eccezione del maggiore consumo di pesce e la minore rilevanza data ai cereali. D’altro canto, riduce notevolmente il consumo di alcol, che è una strategia più che efficace nella perdita di peso.

La sua efficacia aumenta se abbinata a un protocollo di digiuno intermittente. Ma, mentre il digiuno di 24 ore può essere un po’ eccessivo per chi non è abituato, saltare la sola colazione è un metodo utile per perdere i chili di troppo. Ad ogni modo, prima di cimentarvi in uno di questi metodi, provate a chiedere consiglio a un professionista.

  • Paoli A., Ketogenic diet for obesity: friend or foe?. Int J Environ Res Public Health, 2014. 11(2): 2092-107.
  • Obert J., Pearlman M., Obert L., Chapin S., Popular weight loss strategies: a review of four weight loss techniques. Curr Gastroenterol Rep, 2017. 19(12): 61.
  • Calvo-Malvar Mdel M., Leis R., Benítez-Estévez AJ., Sánchez-Castro J., Gude F., A randomised, family-focused dietary intervention to evaluate the Atlantic diet: the GALIAT study protocol. BMC Public Health, 2016. 16(1): 820.
  • Soeliman FA, Azadbakht L. Weight loss maintenance: A review on dietary related strategies. J Res Med Sci. 2014;19(3):268–275.
  • Strychar I. Diet in the management of weight loss. CMAJ. 2006;174(1):56–63. doi:10.1503/cmaj.045037
  • Champagne CM, Broyles ST, Moran LD, et al. Dietary intakes associated with successful weight loss and maintenance during the Weight Loss Maintenance trial. J Am Diet Assoc. 2011;111(12):1826–1835. doi:10.1016/j.jada.2011.09.014