Differenze tra latte scremato e intero

23 Aprile 2019
È importante analizzare gli alimenti che fanno parte della dieta quotidiana e sapere se il latte scremato è la migliore alternativa da assumere regolarmente

Se volete sapere tutto sulle differenze tra latte scremato e latte intero, non perdetevi questo articolo che vi aiuterà a chiarire tutti i vostri dubbi.

Una delle prime misure che vengono adottate all’inizio di una dieta dimagrante è quella di sostituire il latte intero con quello scremato, al fine di abbassare gradualmente l’assunzione di grassi.

Altre persone lo cambiano per una questione di gusti, poiché scoprono che il latte intero è pesante da digerire. Qualunque sia la ragione, è importante analizzare gli alimenti che fanno parte della dieta quotidiana e sapere se il latte scremato è la migliore alternativa da assumere regolarmente. Vediamo insieme le principali differenze tra latte scremato e intero.

Differenze tra latte scremato e intero

La differenza principale tra latte scremato e intero è che il latte scremato contiene una percentuale inferiore di grassi e, pertanto, meno calorie.

Tuttavia, per rimuovere il grasso vengono eliminate anche le vitamine liposolubili A, D ed E. Tuttavia, oggi sia il latte scremato che intero vengono arricchiti con queste vitamine.

Quale dei due è più nutriente?

Latticini
Il processo di riduzione del grasso del latte può influire sulla presenza di vitamine e calcio, riducendone il valore nutrizionale.

Come abbiamo già detto, la principale differenza tra latte scremato e intero risiede nella percentuale di grasso, che determinerà sia le calorie che il gusto.

Ma non solo: il latte scremato perde anche le vitamine liposolubili caratteristiche di questa bevanda naturale, in particolare la vitamina A e la vitamina D, o calciferolo. Inoltre, nel latte scremato vengono persi anche una certa quantità di vitamina E o tocoferolo.

Secondo il professor Sergio Casalmiglia, professore presso l’Università di Barcellona, ​​a ciò si aggiunge anche una certa riduzione della capacità di assorbimento del calcio da parte dell’apparato digerente, che i grassi e le vitamine nel latte favoriscono.

Allo stato attuale, il latte scremato che beviamo non possiede queste differenze di vitamine liposolubili e di calcio, poiché le vitamine A, D ed E vengono aggiunte artificialmente. Non sono necessariamente vitamine sintetiche, ma non provengono nemmeno dal grasso estratto.

Dal punto di vista nutrizionale, quindi, entrambi i tipi di latte sono uguali, sebbene uno abbia meno calorie.

Leggete anche: Bere latte di avena: ecco tutti i benefici

Cosa dicono gli studi?

Uno studio del 2017 pubblicato sul The American Journal of Nutrition assicura che l’assunzione di formaggi e yogurt non solo non incide sui tassi di obesità, ma potrebbe anche aiutare a prevenire il diabete. Cosa che, secondo lo studio, non avviene in chi consuma prodotti scremati.

Un altro studio, condotto dal Dott. Dariush Mozaffarian, ha permesso di giungere alla conclusione che bere latte intero potrebbe prevenire il diabete. In questa ricerca, è stato analizzato il sangue di oltre 3000 persone per un periodo di 15 anni. Le persone che hanno consumato latte intero hanno il 46% in meno di probabilità di soffrire di questa malattia.

D’altra parte, il ricercatore dell’Università di Harvard Mohammad Yakoob, nella sua analisi di cartelle cliniche negli Stati Uniti, non ha riscontrato nessuna relazione tra l’assunzione di latte intero e obesità o diabete. Al contrario, suggerisce che i consumatori di latte intero sembrano più protetti.

Leggete anche: Rimedi fatti in casa a base di latte

Altri studi sulle differenze tra latte scremato e intero, questa volta sui bambini

Latte bambina
Nel caso dei bambini, gli studi non riscontrano nessuna relazione tra il consumo di latte magro e il peso corporeo inferiore.

Nel 2016 è stato pubblicato uno studio che analizzava la dieta di 2.700 bambini di età compresa tra i due e i sei anni. I risultati hanno dimostrato che i bambini che bevevano latte intero avevano una massa corporea inferiore.

Il Dott. Dariush Mozaffarian afferma: “Penso che questi risultati indicano che abbiamo bisogno di un cambiamento nella politica che consiglia solo il consumo di latticini a basso contenuto di grassi. Non ci sono prove del fatto che chi consuma latticini a basso contenuto di grassi presenti condizioni migliori rispetto a chi beve latte intero.”

Speriamo di aver contribuito a dare ulteriori informazioni sulle differenze tra latte scremato e intero. Per il  momento, l’argomento è ancora oggetto di discussioni.

  • Ludwig, D. S., & Willett, W. C. (2013, September). Three daily servings of reduced-fat milk: An evidence-based recommendation? JAMA Pediatrics. https://doi.org/10.1001/jamapediatrics.2013.2408
  • Shelley M Vanderhout, Catherine S Birken, Patricia C Parkin, Gerald Lebovic, Yang Chen, Deborah L O’Connor, Jonathon L Maguire, the TARGet Kids! Collaboration; Relation between milk-fat percentage, vitamin D, and BMI z score in early childhood, The American Journal of Clinical Nutrition, Volume 104, Issue 6, 1 December 2016, Pages 1657–1664, https://doi.org/10.3945/ajcn.116.139675.
  • Mohammad Y Yakoob, Peilin Shi, Frank B Hu, Hannia Campos, Kathryn M Rexrode, E John Orav, Walter C Willett, Dariush Mozaffarian; Circulating biomarkers of dairy fat and risk of incident stroke in U.S. men and women in 2 large prospective cohorts, The American Journal of Clinical Nutrition, Volume 100, Issue 6, 1 December 2014, Pages 1437–1447, https://doi.org/10.3945/ajcn.114.083097
  • Tanja Kongerslev Thorning, Hanne Christine Bertram, Jean-Philippe Bonjour, Lisette de Groot, Didier Dupont, Emma Feeney, Richard Ipsen, Jean Michel Lecerf, Alan Mackie, Michelle C McKinley, Marie-Caroline Michalski, Didier Rémond, Ulf Risérus, Sabita S Soedamah-Muthu, Tine Tholstrup, Connie Weaver, Arne Astrup, Ian Givens; Whole dairy matrix or single nutrients in assessment of health effects: current evidence and knowledge gaps, The American Journal of Clinical Nutrition, Volume 105, Issue 5, 1 May 2017, Pages 1033–1045.