Digitale: proprietà, usi ed effetti collaterali

La digitale veniva utilizzata anticamente per le sue virtù medicinali. È fondamentale considerare, tuttavia, la presenza di effetti tossici.
Digitale: proprietà, usi ed effetti collaterali

Ultimo aggiornamento: 06 gennaio, 2023

La digitale, nome scientifico Digitalis purpurea L., è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Escrofulariaceas. È originaria dell’Europa, ma è distribuita anche in Africa nord-orientale, Asia e Sud America.

Attira l’attenzione per i suoi vistosi fiori che formano grappoli pendenti, con colori che vanno dal giallo pallido al rosa intenso. È anche conosciuta come erba aralda e le sue foglie sono state a lungo utilizzate per scopi medicinali.

Tuttavia, gli studi sulla sua composizione hanno permesso di identificare elementi tossici che, a dosi elevate, possono portare anche alla morte. Per questo, oggi il suo utilizzo è riservato ai professionisti del settore medico e qualsiasi applicazione domiciliare è sconsigliata. Siete interessati a saperne di più? Continuate a leggere!

Proprietà e composizione della digitale

Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Cardiology, le foglie di digitale (Digitalis purpurea) furono usate per la prima volta nel 18° secolo, in pazienti con insufficienza cardiaca. Il medico e botanico britannico William Withering ha descritto i benefici degli estratti della pianta nel trattamento del ritmo cardiaco irregolare.

Successivamente, questa specie è stata segnalata per le sue proprietà antiaritmiche, antidiabetiche, antitumorali, diuretiche e antiossidanti. Il problema? I suoi composti sono anche potenzialmente tossici per la salute umana, specialmente se usati in dosi inadeguate.

Secondo la rivista Drugs i principali composti attivi sono i seguenti:

  • Circa 30 diversi glicosidi, tra cui il glicoside A purpurea (che produce digitossina) e il glicoside B (precursore della gitossina).
  • Saponine steroidee.
  • Flavoni.
  • Flavonoide di crisoeriolo.
  • Antrachinoni.
  • Acidi organici.

Sebbene molte di queste sostanze siano associate a benefici per la salute, l’uso medicinale della digitale è controverso. Infatti oggi ne è consentito solo l’uso farmacologico e medico.

La concentrazione di principi attivi nelle foglie della digitale varia durante il giorno. Nel pomeriggio ne accumula la maggior quantità, ma poi diminuisce perché la pianta stessa ne distrugge le proprietà.

Come sottolinea questa stessa fonte, tutte le parti della pianta sono tossiche e l’ingestione di piccole quantità può essere fatale sia per l’uomo che per gli animali. Il suo uso domestico è completamente sconsigliato.

Aritmia trattata con digitale.
Sebbene contenga sostanze antiaritmiche, anch’esse possono alterare fatalmente il ritmo cardiaco.

Principali usi della digitale

La composizione della digitale è stata apprezzata in medicina tradizionale come coadiuvante in caso di diversi problemi di salute. Tuttavia, viste le conclusioni delle ricerche, attualmente è sconsigliato l’impiego fai da te.

I glicosidi cardiotonici, oltre agli antiossidanti, hanno un potenziale nel trattamento delle malattie cardiache. In particolare, sono  usati come antiaritmico nell’insufficienza cardiaca congestizia.

Una revisione pubblicata su Cochrane Database of Systematic Reviews mette in evidenza queste proprietà. Per essere più precisi, i glicosidi cardiaci della pianta hanno un effetto inotropo, che modifica la forza delle contrazioni del cuore, permettendo di regolare il ritmo del battito cardiaco.

Tuttavia, se usati in dosi elevate, producono l’effetto opposto. Cioè, portano allo sviluppo di aritmie.

Da qui il rischio dell’uso domestico. La ricerca sugli effetti della pianta è ancora in corso. Un articolo di revisione più recente pubblicato su Cochrane riporta quanto segue:

La digitale riduce l’ospedalizzazione e può aiutare ad alleviare i sintomi dell’insufficienza cardiaca. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per valutarne tutti gli effetti.

Altre possibili applicazioni medicinali della digitale

  • La ricerca suggerisce che i glicosidi e i flavonoidi della digitale hanno proprietà citotossiche che potrebbero essere utilizzate per curare i tumori. Tuttavia, sono necessarie ulteriori prove. Attualmente non è considerata un’opzione di trattamento del cancro.
  • La medicina tradizionale utilizzava la pianta come integratore per controllare i livelli di zucchero nel sangue. Uno studio sugli animali condiviso in Food and Chemical Toxicology ha riportato che la saponina digitonina, un composto della digitale, ha contribuito a migliorare la tolleranza al glucosio. Ha anche migliorato il profilo lipidico.

Rischi ed effetti collaterali

Gli effetti collaterali della digitale sono associati alla sua tossicità. I segni di avvelenamento includono quanto segue:

  • Visione offuscata e restringimento delle pupille.
  • Pulsazioni forti ma lente.
  • Debolezza muscolare.
  • Nausea e vomito.
  • Minzione eccessiva.
  • Tremori.
  • vertigini

Nei casi gravi provoca stordimento, confusione, convulsioni e morte.

Come abbiamo accennato, dosi elevate portano anche a gravi eventi cardiovascolari, come aritmie atriali e blocco atrioventricolare. Dati i rischi, la pianta non dovrebbe essere utilizzata come rimedio casalingo.

Integratori e farmaci che contengono i suoi composti attivi devono essere prescritti dal medico. Non deve essere usata nelle donne in gravidanza, durante l’allattamento, nei bambini o nelle persone con malattie croniche diagnosticate. Allo stesso modo, va considerato che può avere interazioni farmacologiche, soprattutto con antibiotici e antipertensivi.

Controllo in paziente cardiaco che usa la digitale.
I benefici per i pazienti con insufficienza cardiaca esistono, ma la pianta comporta rischi che possono essere valutati solo da un operatore sanitario.

Cosa c’è da ricordare?

I composti attivi della digitale sono utilizzati in campo medico e farmacologico per la produzione di farmaci per pazienti con insufficienza cardiaca congestizia. Sebbene gli siano attribuite altre proprietà, le prove sono considerate insufficienti.

In ogni caso, è una pianta abbastanza tossica per la salute umana. Un uso imprudente o casalingo comporta seri rischi di avvelenamento.

Di fatto, può addirittura causare la morte. Il suo uso è sconsigliato, così come il consumo di integratori o farmaci senza controllo medico.

Potrebbe interessarti ...
Tè di sassofrasso: cosa bisogna sapere prima di provarlo
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Tè di sassofrasso: cosa bisogna sapere prima di provarlo

Fino a non molto tempo fa, il tè di sassofrasso era apprezzato per i suoi usi in campo medico, ma oggi ci sono dei rischi.



  • Poole-Wilson PA. Digitalis: dead or alive? Cardiology. 1988;75 Suppl 1:103-9. doi: 10.1159/000174449. PMID: 3069207.
  • Digitalis. (2021). Drugs.com. Available in https://www.drugs.com/npp/digitalis.html
  • Hauptman PJ, Kelly RA. Digitalis. Circulation. 1999 Mar 9;99(9):1265-70. doi: 10.1161/01.cir.99.9.1265. PMID: 10069797.
  • Hood WB Jr, Dans AL, Guyatt GH, Jaeschke R, McMurray JJ. Digitalis for treatment of congestive heart failure in patients in sinus rhythm. Cochrane Database Syst Rev. 2004;(2):CD002901. doi: 10.1002/14651858.CD002901.pub2. Update in: Cochrane Database Syst Rev. 2014;4:CD002901. PMID: 15106182.
  • Hood, W. B., Dans, A. L., Guyatt, G. H., Jaeschke, R., & McMurray, J. J. V. (2014, April 28). Digitalis for treatment of heart failure in patients in sinus rhythm. Cochrane Database of Systematic Reviews. John Wiley and Sons Ltd. https://doi.org/10.1002/14651858.CD002901.pub3
  • Choi DY, Lee JY, Kim MR, Woo ER, Kim YG, Kang KW. Chrysoeriol potently inhibits the induction of nitric oxide synthase by blocking AP-1 activation. J Biomed Sci. 2005 Dec;12(6):949-59. doi: 10.1007/s11373-005-9028-8. Epub 2005 Oct 14. PMID: 16228289.
  • Ebaid GM, Faine LA, Diniz YS, Rodrigues HG, Galhardi CM, Ribas BO, Fernandes AA, Novelli EL. Effects of digitonin on hyperglycaemia and dyslipidemia induced by high-sucrose intake. Food Chem Toxicol. 2006 Feb;44(2):293-9. doi: 10.1016/j.fct.2005.06.015. Epub 2005 Aug 19. PMID: 16112785.
  • David MNV, Shetty M. Digoxin. [Updated 2022 May 29]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK556025/
  • Rehman R, Dawson AH, Hai O. Digitalis Toxicity. [Updated 2022 May 8]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK459165/

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.