Kratom: è sicuro per calmare i sintomi delle dipendenze?

Kratom è diventato popolare come integratore che aiuta a superare le dipendenze. Tuttavia, i suoi effetti sono controversi. Come mai?
Kratom: è sicuro per calmare i sintomi delle dipendenze?

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

Il kratom, con il nome scientifico Mitragyna speciosa, è un albero perenne che appartiene alla stessa famiglia del caffè. Cresce in alcune parti dell’Africa e del sud-est asiatico, ma è commercializzato come integratore in molte altre parti del mondo.

In particolare, è apprezzato come integratore per calmare i sintomi dell’astinenza da farmaci, ridurre il dolore e sopprimere l’appetito. Tuttavia, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ne ha disapprovato l’uso e ha emesso diversi avvertimenti sul suo consumo. Cosa bisogna sapere a riguardo?

Cos’è il kratom e quali sono i suoi effetti?

Il Kratom (Mitragyna speciosa) è una pianta della famiglia delle Rubiaceae, la stessa a cui appartiene il caffè. Viene coltivato in paesi come Thailandia, Malesia, Indonesia e Papua Nuova Guinea ed è distribuito in tutto il mondo sotto forma di capsule, estratti e polveri.

I suoi usi nella medicina tradizionale risalgono al 19° secolo, ma sono aumentati negli ultimi decenni grazie ai suoi presunti effetti terapeutici contro i sintomi dell’astinenza da farmaci. In particolare, è diventato popolare come integratore per allontanare le persone da droghe potenzialmente pericolose, come l’eroina e gli oppiacei.

Si stima che contenga più di 40 composti e 25 alcaloidi, tra i quali spiccano la mitraginina e la 7-idrossimitraginina. Questi ultimi sono associati ai loro effetti euforici e stimolanti. Si ritiene addirittura che abbiano un potenziale analgesico e antinfiammatorio.

Come spiegato in una pubblicazione del National Institute on Drug Abuse (NIDA) , gli effetti del kratom assomigliano a quelli degli oppioidi. Per essere più esatti, i suoi principali composti attivi interagiscono con i recettori degli oppioidi nel cervello e generano un effetto sedativo e piacevole. Riducono anche il dolore.

Tuttavia, il suo utilizzo oggi è oggetto di controversia.

Mentre i suoi difensori si oppongono al suo divieto, entità come la FDA avvertono che ci sono prove sufficienti per considerarla una sostanza che crea dipendenza, quindi pericolosa. Sebbene il suo uso sia già stato vietato in molti paesi, è ancora relativamente facile acquistarlo sotto forma di integratore in erboristeria e online. Ma quali sono i rischi del consumo di questa pianta e dei suoi derivati?

pianta di kratom
La pianta del Kratom appartiene alla stessa famiglia di quella del caffè, per cui agisce sui recettori degli oppioidi.

Leggi anche: Quali sono le droghe più pericolose al mondo?

Rischi del consumo di kratom

Per molti anni, l’assunzione di integratori di kratom è stata suggerita come “opzione sicura” per sostituire gli oppioidi e altri farmaci antidolorifici. Da qui la sua popolarità tra i pazienti con tossicodipendenza.

Tuttavia, come sottolinea un articolo pubblicato su Substance Abuse and Rehabilitation, la ricerca sui suoi effetti ha rilevato problemi di sicurezza che superano addirittura i benefici ad essa attribuiti.

Tra il 2011 e il 2017, i centri antiveleni negli Stati Uniti hanno ricevuto circa 18.000 segnalazioni di ingestione di questa pianta. Da lì, diversi rapporti sono stati associati a decessi e altri effetti negativi, come aumento della pressione sanguigna, convulsioni e sintomi di astinenza.

Gli effetti collaterali aumentano con dosi maggiori della pianta. Secondo la Mayo Clinic, alcune reazioni sono le seguenti:

  • Danno epatico.
  • Perdita di peso.
  • Dolori muscolari.
  • Bocca asciutta.
  • Cambiamenti nelle abitudini di minzione.
  • Nausea, vomito e brividi.
  • Disturbi del sistema nervoso, manifestati da vertigini, sonnolenza, allucinazioni, depressione e convulsioni.
  • Morte.

Oltre a quanto sopra, c’è anche preoccupazione per gli effetti negativi causati dall’interazione con determinati farmaci. Un recente studio pubblicato sul Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics ha stabilito che la sua assunzione simultanea con farmaci può persino causare la morte.

In particolare, sono state identificate pericolose interazioni farmacologiche quando il kratom viene consumato con farmaci che stimolano il sistema nervoso centrale, come benzodiazepine, barbiturici, alcol, oppioidi, antidepressivi e ansiolitici, tra gli altri.

Altre preoccupazioni

  • L’uso di Kratom è associato ad anomalie nella funzione cerebrale, specialmente se assunto insieme ad alcuni farmaci. Secondo le informazioni condivise in Frontiers in Psychology, può portare a compromissione della funzione di memoria, coma e morte.
  • L’uso di questa pianta in stato di gravidanza è legato ad effetti negativi sullo sviluppo del bambino. Un’indagine sulla rivista Nature indica che, di conseguenza, il bambino può nascere con sintomi di astinenza.
  • I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) riferiscono che gli integratori a base di kratom possono essere contaminati da Salmonella. Nel 2018, 199 persone sono state segnalate malate di salmonellosi e uso di kratom in 41 stati.
  • In un case report condiviso nel Journal of Investigative Medicine High Impact Case Reports , il kratom era collegato all’aumento della prolattina e all’ipogonadismo secondario. Questo, di conseguenza, ha portato a disturbi come amenorrea, infertilità e mancanza di libido nelle donne. Era anche associato a problemi di impotenza e basso desiderio sessuale negli uomini.
Paziente con sindrome da astinenza da kratom.
La sindrome da astinenza di Kratom può portare a sintomi gravi che colpiscono il sistema nervoso centrale.

Leggi anche: Dipendenza da cannabis e tabacco: come uscirne

Cosa ricordare del kratom?

Sebbene nella medicina tradizionale il kratom fosse usato contro le dipendenze, il dolore e l’affaticamento, attualmente ci sono diversi avvertimenti sui rischi associati al suo consumo. Studi scientifici suggeriscono che i suoi effetti collaterali superano i possibili benefici.

Pertanto, vi è preoccupazione per il suo utilizzo e distribuzione come supplemento. Sebbene la sua commercializzazione sia stata vietata in molti paesi, è ancora possibile acquisirla con relativa facilità. Inoltre, c’è chi continua a sostenere che il suo consumo sia sicuro e che rappresenti un’opzione per superare le dipendenze.

La verità è che questo argomento è ancora controverso. Per ora, è meglio evitarne l’assunzione e optare per altre strategie terapeutiche quando si tratta di combattere la sindrome da astinenza e i disturbi. Alternative più sicure per il trattamento possono essere valutate in un consulto medico.

Potrebbe interessarti ...
Dipendenza da alcol: 6 segnali inconfondibili
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Dipendenza da alcol: 6 segnali inconfondibili

Quandol'alcol smette di essere un elemento di svago e diventa protagonista della nostra vita, è arrivato il momento di affrontare la dipendenza da ...



  • Eastlack SC, Cornett EM, Kaye AD. Kratom-Pharmacology, Clinical Implications, and Outlook: A Comprehensive Review. Pain Ther. 2020;9(1):55-69. doi:10.1007/s40122-020-00151-x
  • Todd, D.A., Kellogg, J.J., Wallace, E.D. et al. Chemical composition and biological effects of kratom (Mitragyna speciosa): In vitro studies with implications for efficacy and drug interactions. Sci Rep 10, 19158 (2020). https://doi.org/10.1038/s41598-020-76119-w
  • Kratom. (April 2019). National Institute on Drug Abuse (NIDA).
    Available in https://nida.nih.gov/sites/default/files/drugfacts-kratom-spanish.pdf
  • Veltri C, Grundmann O. Current perspectives on the impact of Kratom use. Subst Abuse Rehabil. 2019;10:23-31. Published 2019 Jul 1. doi:10.2147/SAR.S164261
  • Swogger MT, Hart E, Erowid F, Erowid E, Trabold N, Yee K, Parkhurst KA, Priddy BM, Walsh Z. Experiences of Kratom Users: A Qualitative Analysis. J Psychoactive Drugs. 2015 Nov-Dec;47(5):360-7. doi: 10.1080/02791072.2015.1096434. Epub 2015 Nov 23. PMID: 26595229.
  • Tanna RS, Tian DD, Cech NB, Oberlies NH, Rettie AE, Thummel KE, Paine MF. Refined Prediction of Pharmacokinetic Kratom-Drug Interactions: Time-Dependent Inhibition Considerations. J Pharmacol Exp Ther. 2021 Jan;376(1):64-73. doi: 10.1124/jpet.120.000270. Epub 2020 Oct 22. PMID: 33093187; PMCID: PMC7745086.
  • Grundmann, O. Veltri, C, A. Salari, M. (March 2019). Sheet for Healthcare Professionals. Available in https://nd.az.gov/sites/default/files/news/Kratom.pdf
  • Fluyau D, Revadigar N. Biochemical Benefits, Diagnosis, and Clinical Risks Evaluation of Kratom. Front Psychiatry. 2017;8:62. Published 2017 Apr 24. doi:10.3389/fpsyt.2017.00062
  • Wright, M.E., Ginsberg, C., Parkison, A.M. et al. Outcomes of mothers and newborns to prenatal exposure to kratom: a systematic review. J Perinatol 41, 1236–1243 (2021). https://doi.org/10.1038/s41372-021-00952-8
  • Multistate Outbreak of Salmonella Infections Linked to Kratom (Final Update). (February 20, 2018). Centers for Disease Control and Prevention. Available in https://www.cdc.gov/salmonella/kratom-02-18/index.html
  • LaBryer L, Sharma R, Chaudhari KS, Talsania M, Scofield RH. Kratom, an Emerging Drug of Abuse, Raises Prolactin and Causes Secondary Hypogonadism: Case Report. J Investig Med High Impact Case Rep. 2018;6:2324709618765022. Published 2018 Mar 16. doi:10.1177/2324709618765022
  • Tayabali, Khadija et al. “Kratom: a dangerous player in the opioid crisis.” Journal of community hospital internal medicine perspectives vol. 8,3 107-110. 12 Jun. 2018, doi:10.1080/20009666.2018.1468693