Il disturbo da impegno sociale disinibito nel bambino

18 Novembre 2020
Il disturbo da impegno sociale disinibito si caratterizza da estrema vicinanza affettiva nei confronti di persone sconosciute, che nel caso dei bambini può comportare numerosi rischi. Scoprite quali sono i sintomi più frequenti, le cause e i possibili trattamenti.

Avete mai sentito parlare del disturbo da impegno sociale disinibito? Si tratta di un modello comportamentale per cui il bambino si avvicina e interagisce attivamente con estranei e senza alcun timore. In alcuni casi, è associato al disturbo da deficit di attenzione e iperattività.

Nelle righe che seguono parliamo di questo disturbo del comportamento, in particolare dei suoi sintomi e della diagnosi. Infine, condivideremo i possibili trattamenti di questo problema che colpisce solo i bambini.

Disturbo da impegno sociale disinibito

Come riconoscerlo?

Per cominciare, quelli che seguono sono alcuni sintomi frequenti che possono aiutarci a identificare la presenza di questo disturbo nei bambini:

  • Il bambino non dimostra paura né timidezza quando incontra qualcuno per la prima volta.
  • Il suo atteggiamento nei confronti della persona estranea è attivo: si relaziona amichevolmente e parla con la persona o la abbraccia facilmente.
  • Non ha alcun problema nell’andarsene con qualcuno che non conosce né, prima di farlo, chiede il permesso ai genitori o a chi si prende cura di lui.

Come possiamo immaginare, i bambini che soffrono di questo disturbo sono esposti a notevoli rischi a causa della loro predisposizione ad allontanarsi con gli sconosciuti. A ciò si aggiungono eventuali difficoltà affettive nei confronti dei coetanei o dei familiari.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Imparare a gestire le emozioni sin da piccoli

Quando consultare il medico?

Bambina che va a scuola accompagnata da un adulto.
Quando il bambino manifesta un eccessivo avvicinamento nei confronti di persone sconosciute, potremmo sospettare la presenza di questo disturbo del comportamento.

Porci le seguenti domande ci aiuterà a capire se dobbiamo rivolgerci al medico:

  • Il bambino cerca sostegno, consolazione o compagnia dagli estranei invece di rivolgersi ai suoi genitori o a persone più vicine?
  • Presenta un atteggiamento troppo socievole o affettuoso nei confronti di persone sconosciute?
  • Si allontana dai genitori o da chi si occupa di lui quando si trova in un luogo nuovo?
  • Rivolge domande molto personali a persone estranee?

Perché è collegato all’ADHD?

Secondo gli specialisti in psichiatria, il disturbo da impegno sociale disinibito potrebbe presentare dei punti in comune con il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Ciononostante, è importante conoscere le differenze tra questi due disturbi.

Gli elementi in comune sono la confidenza spropositata che questi bambini manifestano nei confronti delle persone estranee e la difficoltà a stabilire dei limiti nelle loro relazioni sociali. L’ADHD non è però legato a una mancanza di attaccamento nelle prime fasi della vita.

Vi consigliamo di leggere anche: Disturbo da deficit di attenzione: sintomi e trattamenti

Qual è la causa del disturbo da impegno sociale disinibito?

Disturbo da impegno sociale disinibito e bambino traumatizzato.
Questo comportamento è spesso osservabile in bambini che hanno assistito a eventi traumatici o che vivono una situazione familiare poco strutturata.

In alcuni casi, si parla di una mancanza di attenzione nei confronti del bambino in età molto precoci, anche quando è ancora neonato. Proprio la mancanza di affetto potrebbe causare, negli anni seguenti, il disturbo da impegno sociale disinibito. Lo stesso vale per i bambini che fin da molto piccoli hanno vissuto in orfanotrofio o in centri di accoglienza.

Eppure, non in tutti i casi il bambino non ha ricevuto le necessarie attenzioni durante le prime fasi della sua vita, anche se questo elemento aumenta il rischio di soffrirne. Infine, questo disturbo è associato anche ad ambienti familiari poco stabili o che sono stati sottoposti a numerosi cambiamenti, così come a eventi traumatici.

Esiste un trattamento per il disturbo da impegno sociale disinibito ?

Il disturbo da impegno sociale disinibito può essere trattato a livello psicologico, dopo che lo specialista ha valutato il bambino e la sua famiglia. In questo modo è possibile prescrivere un trattamento individualizzato.

Il trattamento dipenderà anche dall’eventualità in cui il bambino si senta a proprio agio nel suo ambiente quotidiano; potrà ricorrere anche a strumenti come il gioco e il disegno.

Lo scopo è offrire sostegno alla famiglia, agevolare la sua comprensione del disturbo e rafforzare il legame esistente tra i genitori e il figlio.

Quando si notano dei miglioramenti inseguito all’inizio del trattamento?

Disturbo da impegno sociale disinibito e bambino sottoposto a psicoterapia.
La terapia costituisce il principale trattamento nei bambini e negli adolescenti, e risulta più efficace se la diagnosi viene formulata precocemente.

Non è possibile assicurare con certezza di quanto tempo avrà bisogno il bambino per godere di uno sviluppo sano e positivo a livello emotivo e sociale o a sentirsi accudito e protetto nel suo ambiente circostante. Questo aspetto può variare a seconda della personalità e dell’età.

È altrettanto vero, però, che è possibile osservare dei miglioramenti in breve tempo. Ciononostante, si tratta di un lavoro a lungo termine, che richiede un monitoraggio che consenta di intervenire nel caso in cui si manifestino delle recidive. A volte in un secondo momento sorgono emozioni che erano state represse.

Una diagnosi precoce è importante per stabilire e iniziare un trattamento adeguato. Pur trattandosi di un grave disturbo, la completa guarigione è possibile.

  • Zeanah, C. H., & Gleason, M. M. (2015). Annual research review: Attachment disorders in early childhood – Clinical presentation, causes, correlates, and treatment. Journal of Child Psychology and Psychiatry and Allied Disciplines. https://doi.org/10.1111/jcpp.12347
  • Humphreys, K. L., Nelson, C. A., Fox, N. A., & Zeanah, C. H. (2017). Signs of reactive attachment disorder and disinhibited social engagement disorder at age 12 years: Effects of institutional care history and high-quality foster care. Development and Psychopathology. https://doi.org/10.1017/s0954579417000256
  • Zeanah, C. H., Chesher, T., Boris, N. W., Walter, H. J., Bukstein, O. G., Bellonci, C., … Stock, S. (2016). Practice Parameter for the Assessment and Treatment of Children and Adolescents With Reactive Attachment Disorder and Disinhibited Social Engagement Disorder. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. https://doi.org/10.1016/j.jaac.2016.08.004