Edulcoranti cheto: le scelte migliori e peggiori

Vi diciamo quali sono le opzioni migliori e peggiori quando si tratta di edulcoranti cheto, in modo da sapere quali evitare.
Edulcoranti cheto: le scelte migliori e peggiori

Ultimo aggiornamento: 01 agosto, 2022

Gli edulcoranti cheto sono un’alternativa per migliorare il sapore di molte preparazioni senza aumentare l’apporto calorico o la presenza di carboidrati nella dieta.

In questo modo sarà possibile mantenere lo stato di chetosi, grazie al quale l’organismo utilizza gli acidi grassi per produrre energia. In questo articolo vi diremo quali sono le opzioni migliori e le peggiori.

Prima di iniziare, va notato che è positivo per la salute in generale ridurre la presenza dei dolci nella dieta. Quando si sperimenta questa sensazione, si attiva la produzione di una serie di neurotrasmettitori legati all’ottenimento del piacere a breve termine.

L’attivazione del piacere può creare una leggera dipendenza e invitare a mangiare sempre più dolci. D’altra parte, molte volte solo il fatto di avere un sapore dolce in bocca può mettere in moto meccanismi che alterano il metabolismo del glucosio.

I migliori edulcoranti cheto

Tra i migliori edulcoranti cheto segnaliamo la stevia, una sostanza naturale relativamente rispettosa del microbiota intestinale che non ha al suo interno calorie né zuccheri.

È vero che gli studi dimostrano che la densità e la diversità dei batteri che abitano il tubo varia, ma in misura minore rispetto ad altri suoi omologhi. D’altra parte, non sembra avere un chiaro impatto sul rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

I dolcificanti artificiali possono essere associati al rischio di cancro.
La stevia è uno dei migliori edulcoranti cheto in circolazione.

Tuttavia, non se ne dovrebbe nemmeno abusare. Le ricerche esistenti al riguardo sono limitate e non si sa in che modo questo elemento agisce a lungo termine sulla fisiologia dell’organismo. La cosa migliore da fare è usarla con cautela. D’altra parte, la stevia spesso viene commercializzata insieme ad altri dolcificanti artificiali, il che ne riduce notevolmente la qualità.

Tra gli edulcoranti cheto di buona qualità troviamo anche l’eritritolo. È composto da farina di mais e appare naturalmente in alcuni cibi come l’uva. È molto povero di calorie e carboidrati e non sembra influenzare i livelli di insulina. Inoltre, viene rapidamente metabolizzato e passa nelle urine senza essere utilizzato dall’organismo, quindi il suo impatto è minimo.

Edulcoranti cheto: i peggiori

E adesso parleremo dei peggiori edulcoranti cheto da includere nella dieta. Questi hanno un impatto significativo sul metabolismo del glucosio o addirittura possono causare disfunzioni a medio termine.

Allo stesso modo, possono causare una grande perdita di diversità e densità a livello di microbiota, che condizionerà nel tempo i processi digestivi.

Cos'è l'eritritolo?
Vi consigliamo di evitare di consumare i peggiori edulcoranti cheto.

Uno dei maggiori rappresentanti di questo gruppo è l’acesulfame K. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista National Toxicology Program Genetically Modified Model Report, questo non riesce a indurre la formazione di cancro nei ratti, ma i suoi effetti a medio termine sul corpo umano sono piuttosto incerti. Per questo motivo, si consiglia cautela prima di includere regolarmente questo articolo nel regime.

Qualcosa di simile accade con l’aspartame. La FDA lo considera sicuro se usato con moderazione, ma le prove attuali sollevano alcune domande al riguardo. Può influenzare i processi epatici e renali, causando un sovraccarico di entrambi gli organi e un deterioramento delle loro funzioni nel corso degli anni. In effetti, molte industrie stanno iniziando a limitare sistematicamente il loro impiego.

Le bevande analcoliche nella dieta cheto

Sebbene molte bevande analcoliche affermino di non contenere zucchero in quanto tale, è necessario prendere alcune precauzioni quando vengono incluse nel contesto della dieta cheto. In primo luogo, se influenzano la composizione del microbiota, possono alterare aspetti legati al metabolismo dei nutrienti. Ciò potrebbe portare a cambiamenti deleteri nello stato della composizione corporea a medio termine.

Allo stesso modo, non dovrebbe mancare il riferimento al potenziale di molti edulcoranti artificiali per aumentare la produzione di insulina da parte del pancreas. Ciò causerebbe la genesi della resistenza all’ormone nel tempo, cosa considerata molto negativa. Da qui, non sorprende che finisca per cadere in una situazione di diabete di tipo 2.

È bene sapere che per evitare l’alterazione del metabolismo del glucosio e della produzione di insulina, è meglio garantire uno stile di vita attivo. È chiaro che anche la dieta cheto in quanto tale aiuterà, ma il fattore dell’esercizio fisico non dovrebbe mai essere lasciato da parte. Questo farà lavorare il corpo in modo efficiente.

Attenzione agli edulcoranti cheto nella dieta

Come abbiamo visto, esistono diversi tipi di edulcoranti cheto che possono essere inseriti nella dieta per migliorare le caratteristiche organolettiche di determinate preparazioni. Tuttavia, non tutti sono buoni.

In ogni caso, non è positivo abusarne e l’assunzione di cibi freschi dovrebbe sempre essere prioritaria rispetto ai cibi di origine industriale. Comunque sia, sarà sempre utile guardare le etichette per rilevare gli edulcoranti che abbiamo classificato come dannosi, in modo da evitarli.

Per finire, bisogna tenere a mente che quando l’obiettivo è migliorare o mantenersi in buona salute, mangiare bene non basta. Bisogna adottare una serie di abitudini nel loro insieme. Tra tutti spicca la necessità di praticare regolarmente attività fisica. Soprattutto, sarà fondamentale dare la priorità al lavoro sulla forza muscolare, poiché ciò migliorerà la sensibilità all’insulina.

Potrebbe interessarti ...
Dieta lazy cheto: cos’è e quali sono i suoi rischi
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Dieta lazy cheto: cos’è e quali sono i suoi rischi

La dieta "lazy keto" è una versione estrema della dieta chetogenica che è molto restrittiva per quanto riguarda i carboidrati.



  • National Toxicology Program (2005). NTP toxicology studies of acesulfame potassium (CAS No. 55589-62-3) in genetically modified (FVB Tg.AC Hemizygous) mice and carcinogenicity studies of acesulfame potassium in genetically modified [B6.129-Trp53(tm1Brd) (N5) Haploinsufficient] mice (feed studies)mice. National Toxicology Program genetically modified model report, (2), 1–113.
  • Ruiz-Ojeda, F. J., Plaza-Díaz, J., Sáez-Lara, M. J., & Gil, A. (2019). Effects of Sweeteners on the Gut Microbiota: A Review of Experimental Studies and Clinical Trials. Advances in nutrition (Bethesda, Md.)10(suppl_1), S31–S48. https://doi.org/10.1093/advances/nmy037
  • Choudhary, A. K., & Pretorius, E. (2017). Revisiting the safety of aspartame. Nutrition reviews75(9), 718–730. https://doi.org/10.1093/nutrit/nux035