Dolore a mani e polsi: a che cosa è dovuto?

· 8 maggio 2014
Ci rendiamo conto di quanto mani e polsi siano fondamentali nello svolgimento di tutte le nostre attività quotidiane solamente quando ci fanno male. Ecco perché è importante non trascurarli.

Il dolore a mani e polsi è molto diffuso, soprattutto nelle donne: intorpidimento durante la notte, gonfiore, irrigidimento, debolezza… A volte si può arrivare persino a perderne la mobilità.

Potrebbe non sembrare, ma la mano è una delle parti più complesse del nostro corpo: è formata da 19 ossa, 17 articolazioni e 19 muscoli. Se una di queste parti viene colpita da qualche problema, di sicuro questo si ripercuoterà su tutti i movimenti che effettuiamo.

Continuate a leggere, in questo articolo vi spiegheremo che cosa provoca il dolore a mani e polsi e a quali rimedi potete ricorrere per attenuarlo.

Dolore a mani e polsi: perché colpisce di più le donne?

Mani di donna

Si tratta di uno dei dolori più comuni nelle donne: dolore a mani e polsi, dolore alle articolazioni, sensazione di formicolio insopportabile durante la notte ecc. Tutti questi problemi sono dovuti ad una malattia degenerativa, e  le donne sono le più vulnerabili.

La nostra cartilagine, le ossa e le articolazioni si usurano prima di quelle degli uomini perché abbiamo una tendenza maggiore a sviluppare una carenza  di calcio. Inoltre, gli sbalzi ormonali della menopausa si associano alla tendenza a sviluppare problemi infiammatori e lesioni.

A tutto ciò bisogna poi sommare il fattore ereditario. Le mani, inoltre, sono sempre in movimento e sono quelle che per prime possono usurarsi, dato che la loro complessità articolare fa sì che ogni minimo problema ne alteri il funzionamento.

Cause del dolore a mani e polsi

Artrite del pollice

Artrosi del pollice

Si presenta quando si produce un’infiammazione a causa dell’artrosi nella zona dell’articolazione del polso e alla base del pollice.

In genere si presenta intorno ai 40 anni e può essere dovuta al tipo di lavoro che svolgiamo, a movimenti ripetuti che forzano molto l’articolazione o persino allo stress. È dolorosa e impedisce una mobilità adeguata.

Sindrome del tunnel carpale

Il tunnel carpale

Solitamente inizia con un dolore indefinito, un fastidio al polso. Poco a poco si estende a tutta la mano e persino al braccio.

Causa formicolio e intorpidimento delle dita durante la notte. Sentiamo debolezza nell’afferrare gli oggetti, perdiamo la motricità fine (tenere in mano o manipolare cose piccole).

La sindrome del tunnel metacarpale è una malattia comune nelle donne. Può essere dovuta al tempo eccessivo trascorso a scrivere con la tastiera di un computer. Oppure è provocata dal ripetersi di azioni che portano a schiacciare continuamente la mano o a muovere molto le dita.

Tuttavia, di solito ha una componente ereditaria ed è più relazionata all’usura delle articolazioni.

Leggete anche: Ridurre il dolore al tunnel carpale con 5 rimedi naturali

Cisti gangliare

Cisti gangliare

Le cisti gangliari sono protuberanze piene di liquido nelle articolazioni del polso o delle dita. Solitamente sono posizionate sui tendini e, anche se non sono troppo dolorose, provocano fastidio e debolezza.

La causa di queste cisti non è del tutto certa. In genere sono associate all’artrosi o a piccole lesioni nascoste all’interno delle articolazioni o dei tendini.

Il trattamento dipende dal paziente. A volte si prescrivono degli antinfiammatori, mentre altre volte spariscono da sole. In alcuni casi potrebbe esserci bisogno di un piccolo intervento per eliminare il liquido, anche se ciò non ne garantisce la ricomparsa.

Dito a martello

È un disturbo molto comune e doloroso. Si produce quando un dito rimane in posizione piegata ed è impossibile raddrizzarlo. Si deve all’ingrossamento del rivestimento che circonda il tendine del dito interessato.

Il dito a martello è un problema comune nelle persone che realizzano lavori manuali e azioni ripetitive in cui la mano ne risente.

Nelle donne, più propense a soffrire di artrosi e infiammazioni di muscoli e tendini, la probabilità di soffrire di questa malattia alle dita delle mani è molto più alta.

Vi consigliamo di leggere: Alimenti che riducono l’infiammazione delle articolazioni

Tendinite del polso

Tendinite del polso

I sintomi sono molto comuni. A tutti sarà capitato di averli provati qualche volta: gonfiore ad un centimetro sotto la base del pollice, dolore quando cerchiamo di afferrare qualcosa con le dita, schiacciare o realizzare qualsiasi altro movimento, ecc.

La tendinite di solito è dovuta a movimenti inadeguati, sovraccarichi, ecc. L’infiammazione è molto dolorosa e può estendersi lungo tutto il braccio.

Consigli e rimedi

Il dolore a mani e polsi, se dovuto a problemi articolari associati all’artrite, è molto difficile da curare. In alcuni casi nemmeno la chirurgia riesce a dare i risultati sperati. Tuttavia, può aiutare a ottenere una maggiore mobilità e una migliore qualità di vita.

Dovrà sempre essere il vostro medico a farvi una diagnosi e a darvi delle indicazioni da seguire. Noi, dal canto nostro, possiamo offrirvi dei semplici consigli nutritivi, con cui lenire il dolore e l’infiammazione.

Olio di semi di lino

È un rimedio naturale che vi aiuterà a diminuire l’infiammazione. Secondo gli esperti, prenderne un cucchiaio al giorno tutte le mattine per un mese diminuisce notevolmente l’infiammazione.

Vitamina B6

Essenziale per le articolazioni, le ossa e i tendini. Evita l’infiammazione e calma il dolore alle mani e ai polsi. Potete assumerla attraverso le banane, gli ortaggi a foglia verde, il petto di pollo, ecc.

Potete anche trovare la vitamina B6 sotto forma di integratori in capsule, sia nelle farmacie che in negozi di prodotti naturali. Prendetene 2 mg al giorno.

Omega 3

Gli acidi grassi Omega-3 abbondano in molti pesci. Grazie alle loro proprietà antinfiammatorie, sono essenziali nel trattamento naturale dell’osteoartrite. Inoltre, riducono il dolore articolare.

Vi può interessare anche: 5 sintomi da carenza di omega 3 e 6

Ciliegie

Molte ricerche hanno scoperto che consumare ciliegie riduce il dolore dell’osteoartrosi, favorendo la mobilità (se prese per almeno due mesi). Mangiare circa dieci ciliegie al giorno è raccomandabile.

Se non le trovate o se sono troppo care, vi segnaliamo che iniziano a trovarsi in commercio anche sotto forma di capsule proprio per chi soffre di problemi articolari e di infiammazioni.

Guarda anche