Eccesso di vitamina D: conseguenze

· 8 gennaio 2018
Di solito l'intossicazione da vitamina D non presenta sintomi e, per fortuna, si può facilmente porvi rimedio. Visto che non è facile da individuare, è importante consultare uno specialista se si hanno dei dubbi

Assumere vitamine è essenziale per mantenerci in buona salute, energici, attivi e pieni di vita. Tuttavia, bisogna assumerle in quantità specifiche. Un eccesso di vitamina D, ad esempio, può essere molto nocivo.

È necessario controllare le quantità di cui abbiamo bisogno e qual è il limite giornaliero che possiamo assumere.

Non dobbiamo limitarci ad andare in farmacia, comprare una confezione di medicinale e prenderlo senza previa conoscenza o consulenza.

Bisogna considerare che molti cibi e bevande contengono la quantità di vitamine di cui abbiamo bisogno durante il giorno, motivo per il quale assumere un integratore non avrebbe nessun senso e potrebbe essere dannoso per la salute.

Vale la pena di ricordare che gli eccessi sono dannosi.

Nel caso della vitamina D, la otteniamo dalla trasformazione del colesterolo tramite luce solare. Alcune persone ricevono abbastanza luce solare e si alimentano in un modo tale che gli permette di avere le riserve quotidiane.

Tuttavia, altri hanno bisogno di un integratore vitaminico per controbilanciare il basso apporto di questo nutriente. L’errore è quello di prenderlo senza prescrizione medica e in dosi arbitrarie. Il che può causare un’intossicazione.

Eccesso di vitamina D

Donna con intossicazione da vitamina D

La vitamina D non si scioglie in acqua, per questo è difficile per il corpo eliminarla e, di conseguenza, viene accumulata. Questo nutriente agisce come un ormone steroideo e circola all’interno delle cellule.

Quando c’è un eccesso di vitamina D nel corpo, i luoghi dove può situarsi la vitamina, come i recettori e le proteine portatrici, ​​si riempiono e non possono eseguire l’unione.

Dal momento in cui il composto viene rilasciato nel corpo, inizia ad aumentare l’assorbimento del calcio nell’intestino. Questo causa ipercalcemia. Altre aree colpite sono gli organi molli come i polmoni, i reni e il cuore.

Altre condizioni minori che possono essere presenti sono le seguenti:

  • Nausea e vomito,
  • Costipazione,
  • Affaticamento muscolare e dolore osseo,
  • Ansia e depressione,
  • Confusione.

La dose giornaliera raccomandata di vitamina D deve essere inferiore a 4000 UI. Tuttavia, la probabilità di intossicarsi attraverso l’ingestione del componente attraverso il cibo o tramite la luce del sole è minima.

Per raggiungere l’intossicazione con questo componente, il soggetto deve avere un livello superiore a 150 ng/ml (375 nmol/l) nel sangue.

Fortunatamente, la maggior parte dei casi di intossicazione sono reversibili, e pochi arrivano a causare calcificazione delle arterie o insufficienza renale.

Volete saperne di più? Leggete anche: Depressione: migliaia di persone non sanno di soffrirne

Sintomi dell’intossicazione

Uomo con sintomi dell'intossicazione da vitamina D

L’eccesso di vitamina D talvolta non presenta sintomi. Tuttavia, in casi moderati si manifestano alcune delle seguenti condizioni:

  • Ipercalcemia,
  • Nausea e vomito,
  • Costipazione,
  • Ansia,
  • Debolezza,
  • Alterazione della coscienza,
  • Aumento della pressione arteriosa,
  • Insufficienza renale,
  • Perdita di udito.

Non perdetevi questo articolo: 7 modi per iniziare bene la giornata e combattere stress e ansia

Rimedio a un eccesso di vitamina D

Metodo per eliminare la tossicità della vitamina D

  • Dobbiamo rivolgerci a un medico che possa prescriverci gli esami necessari per rilevare i livelli del componente nel sangue. È importante aver prima verificato la situazione con un medico.
  • Elimineremo gli integratori di vitamina D nel caso in cui ci siano livelli anormalmente elevati. Anche con il consumo di 10.000 UI al giorno, il rischio di intossicazione è basso. Tuttavia, è meglio mantenere l’apporto al di sotto delle 4000. Per i bambini e gli anziani, 700 UI al giorno saranno sufficienti.
  • Dobbiamo prendere coscienza di quanta vitamina D consumiamo al giorno. Se godiamo di sufficiente  esposizione alla luce solare non è necessario assumere un integratore. Di solito questo farmaco è prescritto per le persone che vivono in luoghi dove c’è poca luce solare.
  • Valutate la vostra assunzione di alimenti: pesce, fagioli, latte o succo d’arancia, tra gli altri, possono apportare tra le 600 e le 1000 UI per porzione. Questo, combinato con l’esposizione al sole, soddisfa la quantità richiesta dal corpo.
  • Sarà necessario ridurre il consumo di integratori o alimenti ricchi di calcio.
  • Aumentate l’assunzione di prodotti contenenti sodio, così come di liquidi.

Bisogna notare che l’eccesso di vitamina D può richiedere mesi e persino anni prima di manifestarsi, motivo per cui diventa una malattia difficile da rilevare.

Dobbiamo imparare a distinguere i suoi sintomi da quelli di altre malattie ed essere preparati a qualsiasi cambiamento.

Guarda anche