Erbe per il trattamento della fibromialgia

8 Aprile 2019
La capsaicina presente nel peperoncino di Cayenna è un efficace analgesico di origine naturale, presente nelle componenti di molte creme per trattare i dolori muscolari.

La fibromialgia è una malattia che provoca dolori muscolari e fatica. Le persone che ne soffrono hanno solitamente alcune zone del corpo particolarmente sensibili al dolore. Quelle più comuni sono il collo, la schiena, le spalle, le braccia, le gambe ed i fianchi. Trattandosi di un problema doloroso e scomodo, il trattamento della fibromialgia è molto importante.

Un’alta percentuale delle persone che soffre di fibromialgia (tra l’80 e il 90%) sono donne. Anche se le cause esatte di questo problema sono ancora sconosciute, viene spesso associato ad eventi traumatici o ad un alto tasso di stress, lesioni frequenti, malessere o dolori, e anche alcune malattie.

Oggi vi vogliamo presentare alcune erbe ottime per il trattamento della fibromialgia. 

Pepe di Cayenna per il trattamento della fibromialgia

Si è scoperto che il pepe di Cayenna possiede proprietà che aiutano a trattare i malesseri prodotti dalla fibromialgia. Tra di queste si trova la capsaicina, un analgesico di origine naturale molto efficace. Di fatto, molte creme per il trattamento dei dolori muscolari hanno tra gli ingredienti il pepe di Cayenna, vista la sua utilità per curare questi tipo di problemi.

Leggete anche: Farmaci analgesici: tipi e meccanismi d’azione

Peperoncino

Per calmare la fibromialgia, potete consumare del tè di pepe di Cayenna mettendo un quarto di cucchiaino in una tazza d’acqua calda.

La cosa migliore è prepararlo di mattina e poi berlo nell’arco della giornata. Vi raccomandiamo di non berne più di una tazza al giorno, per non correre il rischio di irritare severamente le mucose.

Iperico

Un’altra ottima erba per combattere la fibromialgia è l’iperico. Conosciuto anche come erba di San Giovanni, è una pianta di medie dimensioni che produce un fiore giallo dai petali allungati.

Viene utilizzata soprattutto contro la depressione, visto che è stato dimostrato che produce ottimi risultati. Dovete ricordare che la depressione è uno dei sintomi principali associati alla fibromialgia, per cui combatterla può essere d’aiuto.

Leggete anche: Fiori di Bach: tutto quello che c’è da sapere

Iperico per il trattamento della fibromialgia

Oltre a combattere la depressione, l’iperico serve anche per calmare il dolore e combattete l’insonnia. Il modo migliore per assumerlo è tramite pastiglie o integratori, in vendita in erboristerie o farmacie.

Un’altra alternativa è quella di preparare un infuso con i fiori di questa pianta.

Nonostante sia un’erba, l’iperico può interagire con alcune medicine come antidepressivi, anticoncezionali e altri; per questo è bene consultare il vostro medico o farmacista per sapere se potete assumerlo.

Esiste una falsa credenza per cui le piante medicinali sarebbero totalmente inoffensive; tuttavia si tratta di un errore, perché queste piante sono contenute in molte medicine chimiche che usiamo abitualmente.

Arpagofito per il trattamento della fibromialgia

L’arpagorfito è una pianta popolarmente conosciuta come “artiglio del diavolo”. Si caratterizza per i suoi frutti, delle bacche legnose con spine appuntite che finisco con una forma a uncino.

I suoi componenti la rendono molto efficace per combattere alcuni problemi come l’artrite. Per questo si è iniziato ad impiegarla anche nel trattamento della fibriomialgia, con ottimi risultati.

Arpagofito

L’artiglio del diavolo ha un effetto analgesico ed antinfiammatorio molto potente, per cui viene usato per ridurre i dolori causati dalla fibromialgia.

Inoltre, stimola l’appetito, abbassa il colesterolo e calma gli spasmi intestinali. Per sfruttare le sue proprietà, potete applicare l’estratto della pianta sulle zone in cui sentite dolore, preparare un infuso o comprarlo in pastiglie.