Ghosting: come superarlo e perché non farlo

La fine di una relazione è spesso dolorosa e conflittuale. Il ghosting è la scappatoia che alcune persone scelgono per tagliare i contatti ed evitare spiacevoli confronti.
Ghosting: come superarlo e perché non farlo

Ultimo aggiornamento: 17 aprile, 2021

L’avvento dei social network ha ampliato enormemente le possibilità di instaurare relazioni tramite internet. Questo, pur offrendo numerosi vantaggi, rende sempre più frequente il ghosting, fenomeno di cui probabilmente siete già stati vittime o che forse avete messo in atto in prima persona.

Immaginate la seguente situazione: conoscente online una persona, la conversazione scorre piacevolmente e poi uscite insieme diverse volte. Tutto sembra procedere alla perfezione, ma ecco che, all’improvviso, un giorno scompare.

Non legge i vostri messaggi, non risponde alle chiamate e blocca l’accesso a tutti i suoi profili social. Non avete più notizie di questa persona. Ghosting da manuale: interrompere i contatti senza dare spiegazioni né offrire all’altro la possibilità di reagire.

Quali conseguenze può provocare il ghosting?

Donna annoiata con il cellulare.
Il ghosting è una modalità molto diffusa al giorno d’oggi di terminare una relazione senza affrontare il conflitto.

Con l’avvento di internet, il modo di relazionarsi è cambiato. Le relazioni liquide proliferano e l’empatia nei confronti degli altri è diminuita notevolmente.

Non si considerano più le ripercussioni che le proprie azioni possono avere sui sentimenti altrui e le proprie responsabilità vengono spesso trascurate. I comportamenti come il ghosting, di fatto, possono avere conseguenze molto negative.

Chi lo subisce può incassare gravi danni alla propria autostima, provare vergogna, umiliazione e un senso di rifiuto. Inoltre, potrebbe ritrovarsi a provare un dolore più duraturo e complesso del solito, perché manca una netta chiusura del rapporto. Ciò può indurre la persona a diffidare dalle relazioni future.

D’altra parte, anche chi mette in atto il ghosting può pagarne le conseguenze. Principalmente, proverà senso di colpa e rimorso per aver ferito un’altra persona con la quale condivideva un legame; ma anche vergogna e disagio per non aver saputo affrontare e risolvere la situazione.

Come si può superare il ghosting?

Potrebbe capitarvi di dover fare i conti con il ghosting. Per essere preparati, vi offriamo alcuni consigli per superarlo e prevenirne le conseguenze.

Accettate quanto accaduto

Una reazione iniziale molto comune quando l’altra persona scompare è pensare che le sia successo qualcosa. Si potrebbe finire per cercarla incessantemente o provare a contattarla senza ottenere una risposta, danneggiando ulteriormente la propria autostima.

È importante capire che l’altro ha scelto di tagliare i ponti. Bisogna accettare che si tratti di una situazione dolorosa, riconoscere la tristezza, la delusione o la rabbia che il ghosting provoca.

Attenzione alle attribuzioni causali

Quando una persona è vittima di ghosting, spesso tende a incolpare se stessa per quello che è successo. Si rischia di interpretare l’interruzione del contatto come una conseguenza di un errore commesso o come mancanza di interesse o attrazione.

Se vi ritrovate in questa situazione, ricordate che le azioni degli altri parlano di loro, non di voi. In questo caso riflettono mancanza di assertività o paura di affrontare il conflitto.

Inoltre, è possibile cadere nell’errore di credere che se questo è successo una volta, accadrà di nuovo in futuro. Interpretarlo come un evento isolato vi aiuterà ad affrontare le interazioni future con meno sfiducia.

Andate avanti per la vostra strada

Anche se non si tratta di una relazione a lungo termine, e nonostante sia nata online, la rottura può risultare comunque dolorosa.

Dopo aver subito ghosting, potreste dover dedicare un po’ di tempo all’elaborazione del dolore. Concentrarvi su voi stessi, sui vostri interessi e obiettivi è preferibile alla ricerca di una nuova relazione.

In particolare, coltivate il vostro dialogo interiore. Quando una persona con cui avevamo iniziato una relazione scompare, la mente si riempie di domande e dubbi che hanno bisogno di risposte. Spesso si rimugina su pensieri ripetitivi del tipo: Perché se n’è andato/a? Perché è capitato a me? Cosa avrò fatto di male?

Probabilmente non riceverete mai le risposte a tali domande e, soprattutto, dovete ricordare che la vostra salute mentale è più importante che cercare di capire le motivazioni altrui. Concentratevi, dunque, sul presente e sul futuro e lasciatevi il passato alle spalle.

Perché non dovremmo fare ghosting?

Persona con cellulare in mano.

Se a un certo punto della vostra vita prendete in considerazione di fare ghosting, pensate prima alle conseguenze.

Potreste aver paura di affrontare un conflitto o vorreste evitare che l’altra persona si arrabbi o si rattristi. Tuttavia, scomparire senza dare spiegazioni ferisce molto di più.

È possibile che anche voi finirete per soffrire di tale decisione. Per le stesse ragioni, cercate di essere empatici e di porre fine al legame in modo assertivo.

Evitare il ghosting per la propria salute mentale

È facile cadere nell’inerzia propria delle nuove relazioni che nascono su internet. Tuttavia, prendersi cura del proprio benessere mentale ed emotivo (e anche di quella altrui) deve essere una priorità.

Bisogna dunque lavorare su se stessi, sulle proprie paure e insicurezze, sulle proprie abilità sociali e riaffermare i propri valori in modo da non dover ricorrere al ghosting.

It might interest you...
Relazione codipendente: 5 segnali
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Relazione codipendente: 5 segnali

Sapete quando una relazione è codipendente? Scoprite di cosa si tratta e se anche la vostra lo è tramite 5 segnali evidenti.



  • LeFebvre, L. E., Allen, M., Rasner, R. D., Garstad, S., Wilms, A., & Parrish, C. Ghosting in Emerging Adults’ Romantic Relationships: The Digital Dissolution Disappearance Strategy.
  • Pinzón Salcedo, E. R. (2020). El Ghosting como fenómeno de ruptura virtual en relaciones de pareja.
  • Verdés Bertolín, N. (2020). Enamorarse en el enjambre digital: relaciones virtuales y aplicaciones de citas.