Gioco d'azzardo e scommesse sportive online, come smettere?

Il dialogo in famiglia è essenziale per poter sostenere qualcuno che ha il vizio del gioco d'azzardo. Quali altre strategie possono essere applicate? Scoprili!
Gioco d'azzardo e scommesse sportive online, come smettere?

Ultimo aggiornamento: 12 agosto, 2022

La maggior parte delle storie sul gioco d’azzardo e sulle scommesse sportive online iniziano come una sciocchezza. «Non era qualcosa di importante, quella cifra era irrisoria, mi avrebbe fatto fare brutta figura». «Le cose si sono complicate dopo, quando pensavo solo a come ottenere i soldi da scommettere, e che se avessi vinto tanto, avrei potuto vincere ancora di più».

Queste frasi fanno parte della storia di molte persone che hanno preso il vizio del gioco d’azzardo e si sono ritrovate in una situazione simile. Il gioco d’azzardo e le scommesse sportive online creano dipendenza e sono molto pericolosi. Vediamo di cosa si tratta.

Gioco d’azzardo e scommesse sportive online: di cosa si tratta?

Innanzitutto è bene chiarire che il gioco d’azzardo online è una dipendenza comportamentale, cioè è associata a comportamenti e non a sostanze. In precedenza, la dipendenza veniva discussa solo in relazione alle droghe, ad esempio.

Dal 2013 il gioco d’azzardo patologico è considerato una dipendenza psicologica a tutti gli effetti dall’American Psychiatric Association. Si tratta di una dipendenza senza sostanza e non appartiene più ai disturbi derivati dalla mancanza di controllo degli impulsi.

Indubbiamente, è un grande progresso riuscire a porre l’attenzione questo problema. In altre parole, lo sguardo precedente è stato ampliato, poiché ha approfondito i meccanismi che stanno alla base del comportamento che mantiene la dipendenza.

Si tratta del rinforzo gratificante che ottieni, che dice al tuo cervello di ripetere l’esperienza. L’adrenalina, la dopamina, tra le altre, sono responsabili di fornire quella sensazione di essere al limite, di piacere e benessere. Ecco perché, sia quando si vince che quando si perde, compare la voglia di rifarlo.

L’inizio di una dipendenza è quando la persona svolge continuamente l’attività perché procura piacere; ad esempio, giocando e vincendo, prova una certa soddisfazione. Tuttavia, in seguito diventa più complesso perché l’attività viene continuata per evitare il disagio causato dal non farlo.

Cyber gioco d'azzardo e scommesse sportive online: in cosa consiste?
Il gioco d’azzardo online è in aumento. Il dato preoccupante è che sempre più giovani sono coinvolti.

Scommesse a disposizione di tutti

Oggi, il gioco d’azzardo online è più accessibile che mai. Molto tempo fa, bisognava andare su un sito specifico per scommettere. Tuttavia, ora le scommesse sono sui dispositivi. Per questo si parla di cyber gaming e cyber gambling.

A questo punto, il problema è che molte volte “cadiamo” in questo senza rendercene conto. Questo perché i design dei giochi hanno lo scopo di portarci da un “clic” a una fase successiva, in cui stiamo pagando monete, vite o qualunque cosa il personaggio o la trama del gioco abbiano bisogno.

D’altra parte, dobbiamo anche tenere presente che l’argomento è spesso sottovalutato o l’intervento tempestivo è ritardato, poiché “giocare” fa parte di un’azione quotidiana che si ripete più volte nell’arco della giornata. In altre parole, di per sé non rappresenta un problema, che tende a “renderlo invisibile”.

Nonostante questo, è necessario notare quale posto occupa nelle nostre vite e come ci relazioniamo al gioco. Questo non vuol dire che inizi a diventare paranoico riguardo al gioco d’azzardo online; non tutti coloro che utilizzano questa forma di intrattenimento finiranno per sviluppare una dipendenza. Tuttavia, è importante regolamentarne l’uso ed essere consapevoli.

Segnali per identificare una dipendenza dal gioco d’azzardo online

Alcuni dei segnali che possono indicare che ci troviamo di fronte a una situazione di dipendenza dal gioco sono i seguenti:

  • Intenso desiderio di svolgere l’attività e sindrome da astinenza (ansia, angoscia, irritabilità, ecc.) quando non è possibile farlo.
  • Perdita di interesse in altre attività non correlate al gioco d’azzardo.
  • Deterioramento in altre aree significative, come le relazioni sociali, lo studio, il lavoro, il riposo, tra gli altri.
  • Negazione del problema. La mancanza di riconoscimento dello stesso o della situazione è ridotta al minimo.

Come smettere?

Fino a poco tempo fa, il profilo delle persone con dipendenza dal gioco d’azzardo e alle scommesse sportive online era compreso tra i 18 e i 35 anni. Inoltre, erano per lo più uomini. Allo stato attuale, l’età di esordio è calata e, pertanto, l’attenzione e la prontezza dei genitori è fondamentale. Come affrontare questo problema?

Molte volte, gli adolescenti si rendono conto di aver commesso un errore con la prima scommessa o che la situazione sta sfuggendo di mano. Tuttavia, provano molta vergogna e paura per la reazione degli altri.

È importante che in casa prevalga un clima di fiducia, in cui possiamo discutere di ciò che ci sta accadendo, chiedere aiuto e trovare sostegno. In questo modo, un approccio precoce facilita notevolmente la prognosi.

Avere un atteggiamento aperto

È molto importante anche avere un atteggiamento aperto, empatia e comprensione. Cerca di aiutarli a pensare al motivo per cui giocano in quel modo, a cosa cercano quando lo fanno, se riconoscono di avere un problema e le conseguenze che esso comporta.

Ad esempio, spesso è utile sviluppare una “guida” delle situazioni e delle emozioni che ti portano al gioco. Pertanto, possiamo anche essere coinvolti ed evitarli come parte di un piano familiare. Un dialogo aperto e senza pregiudizi può aprire una porta per aiutare.

Accompagnare e monitorare l’uso delle nuove tecnologie

Sebbene la privacy dei giovani debba essere rispettata, è necessario stabilire alcune linee guida per l’uso e conoscere quali giochi o applicazioni utilizzano.

Cyber gioco d'azzardo e scommesse sportive online
Per affrontare il gioco d’azzardo informatico è necessario aiutare a riconoscere il problema. L’intervento di un professionista è fondamentale.

Non premiare con denaro

Quando la situazione diventa complessa, è importante che i giovani non maneggiano denaro o carte di credito. Questo non significa che non possiamo premiare i tuoi sforzi in un altro modo; per esempio, comprando un capo di abbigliamento che gli piace o invitandoli a mangiare nel loro ristorante preferito.

Incoraggiare la partecipazione ad altre attività

In altre parole, qualcuno che si concentra esclusivamente sul gioco online avrà maggiori probabilità di sviluppare una relazione dannosa con la tecnologia. Pertanto, dobbiamo offrire loro attività sportive, uscite ricreative, gite in famiglia, incontri con gli amici e diverse opzioni dal mondo offline, che consentano loro di disconnettersi.

La gestione delle emozioni sarà la chiave per essere in grado di controllare gli impulsi.

Riconoscere gli sforzi e incoraggiare a continuare

Farli sentire supportati, fidati e che non sono soli è un potente motivatore. Non importa quanto piccolo possa sembrare, un risultato implica uno sforzo enorme per qualcuno che si trova in una situazione complessa.

L’approccio deve essere collettivo

Infine, è molto importante che quando si pensa di iniziare un trattamento, possiamo considerarlo in modo completo. In altre parole, andare oltre quell’approccio centrato esclusivamente sulla persona, per pensare ad approcci di complessità, in cui è coinvolta anche una parte dell’ambiente.

Questo ci permette di partecipare al loro miglioramento, così come di prendere coscienza del ruolo che svolgiamo e che può essere la causa dell’origine o del mantenimento del problema. Dobbiamo capire che una dipendenza non è qualcosa che possiamo risolvere solo “al chiuso”. Richiede l’intervento di specialisti.

Potrebbe interessarti ...
4 consigli per smettere di bere alcolici
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
4 consigli per smettere di bere alcolici

Smettere di bere alcolici è molto difficile, nonostante il consumo provochi ingenti danni. Ecco alcuni suggerimenti.



  • Moliner, M. M., & Montañés, M. C. (2020). Comorbilidad entre adicciones comportamentales en la adolescencia. Revista española de drogodependencias, (45), 86-95.
  • Cía, A. H. (2014). Las adicciones no relacionadas a sustancias (DSM-5, APA, 2013): un primer paso hacia la inclusión de las Adicciones Conductuales en las clasificaciones categoriales vigentes. Revista De Neuro-Psiquiatria76(4), 210. https://doi.org/10.20453/rnp.v76i4.1169
  • Salas-Blas, Edwin, Copez-Lonzoy, Anthony, & Yance-Yupari, Victoria. (2021). Mapeo científico de las adicciones comportamentales en el caso de las revistas peruanas. Revista Digital de Investigación en Docencia Universitaria15(2), e1460. Epub 00 de julio de 2021.https://dx.doi.org/10.19083/ridu.2021.1460