Gli effetti dell’abuso di alcol sul cervello

· 5 Aprile 2019
È fondamentale saper controllare le quantità di alcol che beviamo per non danneggiare il nostro corpo (la cosa più importante) e per non commettere stupidaggini.

Per molte persone l’alcol è una bevanda piacevole, in particolare quando si esagera, in quanto dà felicità e molte altre sensazioni positive.

Tuttavia, per altre l’alcol è un vero e proprio veleno che fa emergere il lato peggiore anche della persona più distinta e posata.

Questa bevanda può essere considerata mortale per la salute delle persone.La cosa certa è che con il passare degli anni un abuso di alcol può provocare anche demenza senile nei grandi bevitori.

Secondo qualche recente studio sull’argomento, il consumo eccessivo di alcol può generare gravi malattie nell’organismo.

E’ il caso di cancro, deterioramento cognitivo, danni permanenti al cervello e un peggioramento per quanto riguarda la perdita di memoria.

L’alcol è un vizio mortale, una bomba ad orologeria per l’organismo, ancora più fatale se mescolata con qualche tipo di allucinogeno: le due sostanze, infatti, determinano una dilatazione delle arterie provocando emorragie in tutto il corpo.

Alcuni dati riguardanti l’Europa hanno rivelato che l’alcol è una delle principali cause di morte in alcuni paesi di questo continente, considerato il maggior numero di incidenti automobilistici.

Di conseguenza, il numero di decessi aumenta in maniera considerevole ogni anno.

Il dottor Antonio Terán, esperto in questo campo, evidenzia alcuni dei danni che l’alcol causa al cervello.

Leggete anche: Codipendenza: legami che fanno male

L’alcol e i disturbi mentali

Episodi psicotici transitori

Questi episodi si presentano nel 25% circa dei pazienti che dipendono totalmente dall’alcol.

Sindrome di Korsakoff

I sintomi più evidenti sono la confusione costante, alterazioni nel momento in cui si cerca di ricordare avvenimenti importanti o recenti e, infine, l’invenzione di trame ed inganni per nascondere la vera realtà delle cose.

Encefalopatia di Wernicke (o sindorme di Wernicke)

Si caratterizza soprattutto per la confusione, anche se la mancanza di coordinazione e di equilibrio sono due ulteriori sintomi tra quelli più evidenti.

I pazienti possono anche presentare paralisi dei nervi oculomotori e altri disturbi nell’organismo.

La depressione e la bassa autostima sono altri sintomi che possono presentarsi come effetto di un consumo eccessivo di alcol, accompagnato da qualsiasi altra sostanza in grado di provocare allucinazioni e deliri.

Leggete anche: Sostanze tossiche, le 12 più pericolose negli alimenti trasformati

Donna con bicchiere di whisky

L’alcol è la causa di milioni di decessi ogni anno, è il motivo per cui si arriva a commettere omicidi, a picchiare o perfino abusare di qualcuno.

Questa bevanda non è quella giusta per ottenere coraggio ed energia: ci spinge a fare cose che normalmente il nostro corpo e la nostra mente non farebbero.

Non è certo un delitto bere un cocktail qualche volta, ma è necessario controllare la quantità di alcol che beviamo in modo da non commettere azioni gravi o arrecare dei danni, anche permanenti, al nostro organismo.