Guarire da una tendinite: quanto tempo ci vuole?

Guarire da una tendinite non è impossibile, ma la situazione può complicarsi se non vengono prese le misure appropriate per ridurre l'infiammazione del tendine. A fare la differenza sono riposo e riabilitazione.
Guarire da una tendinite: quanto tempo ci vuole?
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 27 maggio, 2022

Per guarire da una tendinite può volerci molto tempo. Questa malattia è un’infiammazione del tendine che provoca gonfiore e dolore, quindi richiede un percorso di guarigione che, probabilmente, dovrà includere la riabilitazione.

I sintomi che provoca sono solitamente molto fastidiosi e incidono sulla qualità della vita di chi ne soffre. La cosa peggiore è che in alcuni casi diventa cronica, diventando recidiva.

Si stima che tra il 60 e il 70% delle persone abbia sofferto di tendinite in qualche momento della propria vita. La causa principale è l’uso eccessivo dei tendini, e quindi gli atleti e gli sportivi sono i più esposti. Sebbene colpisca qualsiasi tendine, è più comune nelle spalle, nei gomiti, nei polsi, nelle ginocchia e nei talloni.

Alcuni dati sulla tendinite

I tendini sono strutture fibrose che collegano i muscoli alle ossa. La loro funzione principale è quella di collegare, contribuire al movimento e fornire flessibilità. La tendinite è un processo infiammatorio acuto che provoca cambiamenti strutturali nel tendine.

Il sintomo principale della tendinite è il dolore, tuttavia, le sue caratteristiche dipenderanno dalla regione interessata. Inoltre, si possono riportare una delle seguenti manifestazioni cliniche:

La tendinite appare a causa di sovraccarico muscolare o lesioni. Tuttavia, anche l’età gioca un ruolo, poiché i tendini perdono elasticità con l’età e talvolta degenerano. Ci sono anche alcune patologie che causano questo tipo di infiammazione, come l’artrite e il diabete.

In molti casi, questo problema è dovuto a sport o attività fisiche inadeguate. Se alcuni muscoli diventano più forti di altri, questo porta all’indebolimento dei tendini. Anche i lavori che richiedono movimenti ripetitivi aumentano il rischio di infiammazione.

Tendinite alla mano
L’uso eccessivo del polso nel lavoro d’ufficio può provocare la tendinite

I tipi più comuni di tendinite

Questa patologia non si presenta sempre allo stesso modo. Inoltre, ogni zona colpita presenta delle caratteristiche con segni e sintomi particolari. I tipi più comuni di tendinite sono i seguenti:

  • Tallone: colpisce in modo specifico il tallone d’Achille, che collega la parte posteriore della gamba con il calcagno. Chiunque può soffrirne e provoca forti dolori quando si sta in punta di piedi o si cammina.
  • Mano: la sua caratteristica principale è l’intenso dolore che si manifesta aprendo e chiudendo la mano. È tipico di chi svolge determinate attività degli arti superiori, come l’arrampicata.
  • Polso: avvertito come dolore alle mani o ai polsi, solitamente si irradia all’avambraccio. Al giorno d’oggi, appare molto frequentemente a causa dell’uso continuo di tastiere e mouse.
  • Gomito: compare in coloro che devono esercitare una grande forza con le braccia, come i tennisti. Si manifesta come un forte dolore nella parte anteriore o posteriore del gomito.
  • Spalla: provoca dolore quando si muovono le braccia. È molto comune nelle persone sopra i 40 anni e in coloro che praticano molto esercizio che coinvolge questa parte del corpo. 

Potrebbe interessarvi anche: 6 nutrienti necessari dopo i 40 anni

Quanto tempo ci vuole per guarire dalla tendinite?

Non è possibile dire esattamente quanto tempo ci voglia per guarire dalla tendinite. Ciò dipende dall’area interessata, dalla gravità e dalle cure applicate. In nessun caso si guarisce spontaneamente.

La tendinite lieve viene solitamente superata entro due o tre giorni, previa consulenza medica. La raccomandazione più comune è quella di tenere l’area interessata a riposo e applicare del ghiaccio per 20 minuti e ogni tre ore. A volte vengono prescritti antidolorifici se il dolore è difficile da sopportare, così come l’elevazione dell’arto interessato quando si è sdraiati.

Di fronte a dolore e infiammazione molto intensi, senza remissione nei tre giorni successivi, o alla presenza di un clic nell’articolazione, è importante consultare un medico. È possibile che siano necessarie iniezioni chiamate infiltrazioni e. se insorge qualche complicazione, si può valutare l’opzione chirurgica.

La gravità della tendinite può richiedere diverse settimane, o addirittura mesi, per guarire. Un fattore determinante è la cura che viene riservata. È consigliabile eseguire movimenti delicati in modo che il tendine non diventi troppo rigido.

riabilitazione per tendinite
La fisioterapia è una delle tecniche utilizzate nella riabilitazione delle tendiniti

Guarire dalla tendinite richiede tempo

È molto importante curare completamente la tendinite, poiché non farlo può portare a problemi a lungo termine. Se l’infiammazione persiste a lungo, c’è il rischio di sviluppare ulteriori lesioni, addirittura del tendine stesso. 

Dopo il recupero, sarà necessario adottare misure adeguate per evitare che il tendine si infiammi nuovamente. Tra i consigli più comuni ci sono quello di riscaldarsi prima di fare qualsiasi attività sportiva e di esercitare tutti i muscoli per aumentare forza e flessibilità.

È bene evitare movimenti ripetitivi che possano sovraccaricare i muscoli e prevedere momenti di riposo e di recupero, sia nello sport che nel lavoro.

Potrebbe interessarti ...
Calmare la tendinite con efficaci soluzioni naturali
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Calmare la tendinite con efficaci soluzioni naturali

Se avete bisogno di una soluzione efficace per calmare la tendinite, dovete conoscere e provare i seguenti rimedi naturali.



  • MosteiroF, Domínguez R. Efectos del entrenamiento con sobrecargas isoinerciales sobre la función muscular. Revista Internacional de Medicina y Ciencias de la Actividad Física y del Deporte. 2017; (68).
  • Oñate A. Tendinitis y Tenosinovitis de Muñeca y Mano. Revista Iberoamericana de Cirugía de la Mano. 2010; 38(02): 185-189.
  • Martínez M, Peña A. Tratamiento de tendinitis y bursitis calcificadas subacromiodeltoideas con ondas de choque. Rehabilitación (Madr., Ed. impr.) 2005: 2-7.
  • Pascual C, Moreno V, Rodríguez J. Epidemiología de las lesiones deportivas. Fisioterapia. 2008; 30(1): 40-48.
  • Pagán E, Poveda M, Peral B, Lozano C. A quién afecta realmente el codo de tenista: Revisión. Cuestiones de fisioterapia: revista universitaria de información e investigación en Fisioterapia. 2012; 41(3): 207-214.
  • Marzoa, I. Ferreiro, et al. Tratamiento rehabilitador del hombro doloroso. Rehabilitación. 2015; 39(3): 113-120.
  • Sanabria N, Osorio A. Biomecánica del hombro y bases fisiológicas de los ejercicios de Codman. Ces medicina. 2013; 27(2): 205-218.