Ho un nodulo attorno a un piercing, cosa posso fare?

La presenza di un nodulo attorno a un piercing viene spesso scambiata per un cheloide o un'infezione. Tuttavia, potrebbe far parte del normale processo di guarigione.
Ho un nodulo attorno a un piercing, cosa posso fare?

Ultimo aggiornamento: 27 giugno, 2022

La presenza di un nodulo attorno a un piercing non è motivo di panico. Sebbene siano molto comuni, fastidiosi e scomodi, si verificano come parte del naturale processo di guarigione e di solito guariscono con il tempo.

Il nodulo attorno a un piercing è causato da un accumulo di tessuto cicatriziale e più comunemente si verifica nei tessuti più densi, come la cartilagine nel naso o nell’orecchio.

Sebbene a volte venga confuso con un cheloide o con un’infezione, la vera origine è la presenza di una cicatrice ipertrofica che si forma a seguito di un trauma al tessuto dopo il posizionamento del piercing. Ecco perché prendersi cura del piercing è fondamentale.

Perché si forma un nodulo attorno al piercing?

Queste cicatrici ipertrofiche nei piercing hanno molteplici fattori associati e la causa è in qualche modo sconosciuta. Si presume che sia una reazione dell’organismo.

La cicatrice ipertrofica è causata da un trauma ai tessuti molli. La cartilagine, la pelle, i muscoli e l’area fibrosa si infiammano. Questo genera una sovrapproduzione di collagene. Questo nuovo tessuto si accumula sulla ferita, creando il rigonfiamento.

C’è un modo per prevenirlo?

Il rigonfiamento attorno a una cicatrice perforante o ipertrofica può comparire alcune ore dopo un piercing a settimane o anni dopo. Dal momento che c’è stato un trauma (posizionamento del piercing) in precedenza, è possibile prevenirlo prendendosi cura dell’area intorno al piercing.

Si consiglia quanto segue:

  • Evitare di toccare l’area forata, soprattutto con le mani non lavate.
  • Ridurre al minimo il rischio di colpi sull’area di perforazione.
  • Non spingere costantemente il piercing.
  • Valutare il tipo di gioiello prima di posizionarlo. Le allergie al materiale possono causare irritazioni e infiammazioni. Si consiglia l’uso di gioielli ipoallergenici ( oro 18 o 24 carati, acciaio inossidabile o titanio).
  • Pulire la perforazione da 2 a 3 volte al giorno, preferibilmente con soluzione fisiologica o sapone neutro.
  • Se hai i piercing all’orecchio, prova a portare i capelli raccolti.
Igiene per posizionare un piercing.
Il negozio di piercing deve rispettare determinate misure di igiene.

Leggete anche: Allergie della pelle: le 10 più comuni

Trattamento delle cicatrici ipertrofiche

Il miglior trattamento per un nodulo attorno a un piercing è la pazienza. Di solito scompaiono con il tempo. Tuttavia, possono durare fino a 6 mesi, il che mette a disagio chiunque.

Come misura aggiuntiva, quando si individua il nodulo, è possibile rimuovere il gioiello e utilizzare perossido di idrogeno o alcol per pulire. Quindi applicare del gel o dell’antisettico liquido e sostituire l’orecchino in meno di 15 minuti, perché non vogliamo che la perforazione si chiuda.

Si consiglia inoltre di posizionare del ghiaccio in prossimità dell’area per periodi non superiori a 5 minuti. Una volta guarito, conviene cambiare il piercing con uno di un altro materiale, soprattutto in caso di allergia.

Si può massaggiare quotidianamente con olio e pulire la zona con soluzione salina o sapone neutro ad effetto antibatterico. Tuttavia, se si sospetta un’infezione, i gioielli non possono essere rimossi, poiché ciò potrebbe causare una rapida chiusura della ferita.

Come differenziare un nodulo attorno a un piercing da un’infezione e un cheloide

Il classico nodulo attorno al piercing non è un’infezione o un cheloide. È una cicatrice ipertrofica.

Le cheloidi sono cicatrici piuttosto grandi. Possono manifestarsi spontaneamente o a causa di traumi, ma la loro caratteristica principale è quella di superare sempre i limiti della ferita che li ha provocati.

Una cheloide di solito compare da 3 a 12 mesi dopo il trauma e continua a crescere nel tempo. A differenza delle cicatrici ipertrofiche, in cui la crescita si ferma.

D’altra parte, le cicatrici ipertrofiche sono voluminose e dure, ma non superano mai i limiti della ferita originale. In questi non ci sono segni di una precedente infezione.

Quando c’è un’infezione, il processo produce febbre e arrossamento nell’area, gonfiore e calore intorno all’area perforata. Potrebbe comparire anche pus giallo/verde con un cattivo odore.

Si consiglia di curare l’infezione con antibiotici topici e orali. In alcuni casi è necessaria la rimozione del piercing e il drenaggio del pus. Ma questa decisione deve essere presa da un medico, poiché per rimuovere il gioiello con un’infezione in corso bisogna sottoporsi ad un l’intervento.

Le cheloidi, dal canto loro, vengono trattate con corticosteroidi infiltrati, laser, crioterapia o chirurgia. Naturalmente, questo implica la rimozione del piercing.

Piercing in bocca.
Ci sono aree più sensibili e più soggette agli effetti collaterali dei piercing, come le labbra e la lingua.

Quando bisogna recarsi dal medico?

Alcuni sintomi che richiedono cure mediche immediate sono i seguenti:

  • Febbre.
  • Presenza di pus giallo o verde con un cattivo odore.
  • Dolore che aumenta progressivamente di intensità ed è più evidente con il contatto.
  • Arrossamento progressivo con tendenza a scurire la zona (dal rosso al viola).
  • Presenza di una cicatrice sporgente che non rispetta i limiti dell’area perforata e aumenta nel tempo.

I piercing impiegano dai 3 ai 6 mesi per guarire. Potreste avvertire disagio o fastidio nell’area ed è normale che ci sia un certo arrossamento con un leggero gonfiore. Ma questi sintomi di solito diminuiscono gradualmente.

Potrebbe interessarti ...
Piercing industrial: cos’è e quali cure sono necessarie?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Piercing industrial: cos’è e quali cure sono necessarie?

Accessori come il piercing industrial si sono consolidati per esaltare l’aspetto estetico, fattore al quale prestiamo molta attenzione.



  • Padrón-Arredondo, Guillermo, and José Antonio Fernández-Amador. “Dermatofibroma auricular secundario a colocación de piercing.” Salud Quintana Roo 8.32 (2022): 18-21.
  • National Health Service. Infected Piercings. National Health Service 2020. Disponible en https://www.nhs.uk/conditions/infected-piercings/.
  • Brandão, Marilda HT, et al. “Ear piercing as a risk factor for contact allergy to nickel.” Jornal de Pediatria 86 (2010): 146-154.