Hygge, essere felici con le piccole cose

Il termine "hygge" indica il calore della propria casa e la gioia di vivere con semplicità. Come possiamo renderlo parte della nostra vita? Ecco alcuni consigli.
Hygge, essere felici con le piccole cose

Ultimo aggiornamento: 24 maggio, 2021

Hyggeessere felici con le piccole cose, è la filosofia di vita che segue il popolo danese, definito come il più felice del pianeta. Nessuno meglio dei danesi può darci le chiavi per aprire le porte che conducono alla felicità.

Il termine “hygge” indica il calore della casa, stare davanti al caminetto con un tè caldo e, semplicemente, godersi il momento. C’è chi si chiede se sia possibile esportare questo stile di vita in altri paesi dove il tempo sembra trascorrere velocemente.

Sognare di gustare il delizioso sapore dei biscotti alla cannella, accarezzare il nostro animale domestico, o coprirci con un piumino senza che i problemi ci torturino sembra un sogno. Eppure, è proprio così che vive il popolo danese.

La pronuncia di hyggeè “hu-ga” e, nonostante non abbia una traduzione esatta, rimanda a “calore” o “accogliente”. Ma hygge non è solo una parola, ma una filosofia o stile di vita di un popolo che vive godendosi le cose più semplici della vita.

Cos’è lo stile hygge?

Il termine “hygge”, significa anche “benessere”, “comodità”, “calore”, oltre alla traduzione esatta. Dal momento in cui è apparso in Danimarca, nel XIX secolo, questo vocabolo è diventato parte di altre culture.

Questo perché, come dicono gli studi, vivere sotto pressione genera un accumulo di tensione che porta a soffrire di numerose malattie. Evidentemente, nessuno desidera ammalarsi, così persone da tutto il mondo hanno iniziato a interessarsi a stili di vita meno stressanti.

Salotto famiglia.
Questo stile di vita ci invita a sfruttare il calore della casa, a vivere senza fretta e lasciar andare lo stress.

Nel libro Hygge. Il metodo danese dei piaceri quotidiani scritto da Louisa Thomsen Brits, si legge che si tratta di uno stile che sorge quando “ci impegniamo a godere il presente”. Questo stile di vita implica una propensione alla semplicità, e si può trovare:

“…nelle cose che facciamo che danno valore e senso alla vita di tutti i giorni, ci confortano, ci fanno sentire a casa, radicati e generosi.”

I danesi devono affrontare un inverno difficile in cui vedono il sole per quattro ore al giorno. Devono dunque trovare il modo di godere del tempo trascorso in casa.

Ispirati da questo stile, molte caffetterie, librerie, ristoranti e altri negozi, hanno adattato l’ambiente affinché le persone possano sentirsi “come a casa” e dimenticare le preoccupazioni quotidiane.

Potrebbe anche interessarvi: Il modello PERMA o teoria del benessere

La letteratura su questo stile

Si susseguono gli studi in merito a questo stile che molti desiderano conoscere. Così, l’autrice Helen Russell afferma che:

“Lo stile hygge ha a che fare con l’essere buoni con se stessi: concedersi, non punirsi o negarsi qualcosa… trascorrere del tempo piacevolmente.”

I danesi tramandano da diverse generazioni questo segreto della felicità e così anche il resto del mondo è venuto a conoscenza del calore offerto dall’intimità della propria casa. 

Ha approfondito questa filosofia anche Meik Wiking, autore di Il segreto della felicità. Svelato dalle persone più felici al mondo, libro nel quale condivide anche ricette culinarie danesi.

Non è necessario vivere in Danimarca per aderire a questo movimento che ci invita a vivere senza fretta. Basta informarsi.

Come adottare lo stile hygge

Adottare lo stile hygge non è molto complicato. È sufficiente seguire queste raccomandazioni:

  • Concedersi un bagno con tanta schiuma.
  • Si segue la filosofia hygge quando si riflette di fronte al mare o si bagnano i piedi camminando lungo la battigia.
  • Godersi il caffè senza fretta e assaporandone l’aroma.
  • Creare uno spazio in casa con un’illuminazione tenute, musica di sottofondo, candele, un cibo delizioso e il profumo delle candele.
Donna si rilassa ad occhi chiusi.
Per adottare lo stile di vita hygge, possiamo creare uno spazio in cui rilassarci nella nostra casa.
  • È importante evitare argomenti che causano preoccupazioni, come quelli economici o politici. Bisogna godersi le cose semplici, senza generare ansia dinanzi alle aspettative del futuro.
  • Onorare i propri antenati, per i danesi questo aspetto è fondamentale. Il caffè diventa più delizioso quando viene servito nella tazza che ha un valore per la famiglia. Episodi piacevoli ritorneranno alla mente.
  • Prendere un libro, mettersi in pigiama e iniziare a godere dei benefici della lettura sotto il calore del piumone.
  • Dedicarsi alle tradizioni ed evitare i videogiochi, la televisione o il cellulare. Connettersi con il proprio mondo interiore.

Oltre a seguire queste linee guida, il termine “hygge” può anche diventare parte del proprio vocabolario dicendo agli amici: “vediamoci e trascorriamo un momento hygge”. È importante essere consapevoli per poter gioire davvero.

Questa filosofia punto al relax, apprezzare quanto può essere accogliente la propria casa, vivere il presente e condividere il tempo con i propri cari. Senza dubbio, l’hygge è una delle esperienze più piacevoli che possano esistere.

Potrebbe interessarti ...
Il barattolo della gratitudine per una vita piena
Vivere più saniLeggilo in Vivere più sani
Il barattolo della gratitudine per una vita piena

Il barattolo della gratitudine è uno dei tanti modi creativi con cui possiamo imparare a esprimere il nostro apprezzamento verso le piccole cose.



  • Altman, A. (2016). The year of Hygge, the Danish obsession with getting cozy. The New Yorker.
  • Bigelow, D. (2017). Hygge: The Danish Art of Happiness. In Library Journal.
  • Beltagui, A., & Schmidt, T. (2017). Why Can’t We All Get Along? A Study of Hygge and Janteloven in a Danish Social-Casual Games Community. Games and Culture. https://doi.org/10.1177/1555412015590062
  • Jensen, R. H., Strengers, Y., Raptis, D., Nicholls, L., Kjeldskov, J., & Skov, M. B. (2018). Exploring hygge as a desirable design vision for the sustainable smart home. DIS 2018
  • Linnet, J. T. (2011). Money can’t buy me hygge Danish middle-class consumption, egalitarianism, and the sanctity of inner space. Social Analysis. https://doi.org/10.3167/sa.2011.550202