Impetigine: sintomi e cause di questa malattia

L'impetigine è una malattia piuttosto contagiosa. Per questo motivo, dovrebbe essere trattata il prima possibile. Di solito colpisce i bambini di età compresa tra i 2 e i 6 anni, ma può essere contratta anche dagli adulti.
Impetigine: sintomi e cause di questa malattia

Ultimo aggiornamento: 06 gennaio, 2021

L’impetigine è una malattia infettiva che colpisce soprattutto i bambini. Si stima che circa l’1% dei bambini in Europa abbia sofferto di questa malattia. In America Latina la percentuale è del 15%. Non è un grave problema di salute, ma può avere gravi conseguenze.

I casi di impetigine negli adulti sono rari, ma questa malattia può verificarsi a qualsiasi età. Di solito si presenta durante l’infanzia, tra ii 2 e i 6 anni. A quell’età, le abitudini igieniche non sono ancora consolidate e i più piccoli sono propensi al contatto fisico.

Un caso di impetigine deve essere trattato nel più breve tempo possibile. Sebbene in linea di principio non sia una grave malattia, è molto contagiosa e si diffonde in fretta. Oltre a ciò, in alcuni bambini può scatenare la glomerulonefrite postinfettiva, condizione da non sottovalutare.

Cos’è l’impetigine?

Bambino con impetigine.
I bambini sono la categoria più colpita dall’impetigine, infezione della pelle causata da batteri e le cui manifestazioni cliniche includono la comparsa di piaghe sul viso.

L’impetigine è un’infezione batterica della pelle. Generalmente, appare sotto forma di piaghe rosse sul viso, vicino alla bocca o al naso. Possono comparire anche su mani e piedi. Queste piaghe poi scoppiano, formando croste color miele.

L’infezione è a carico dell’epidermide, lo strato più superficiale della pelle. Su di essa è presente uno strato chiamato cheratina che protegge dal contatto con l’esterno.

Se questo strato si indebolisce o si danneggia, il passaggio dei batteri che causano l’impetigine sarà facilitato. Possiamo distinguere tra tre tipi di impetigine:

  • Bollosa. Causata da stafilococco e provoca la formazione di vesciche sulla pelle.
  • Non bollosa. È causata dal batterio dello streptococco e invece di vesciche, provoca eruzioni cutanee. Si tratta de il tipo più comune.
  • Ectima. Provoca ulcere, anziché vesciche o eruzioni cutanee.

Sintomi

Il primo sintomo di questa malattia è rossore sulla pelle, come se qualcosa l’avesse irritata; il rossore è accompagnato da prurito crescente. Con il passare dei giorni compaiono piccole vescicole o bollicine. Queste sono ricoperte da uno strato di tessuto molto sottile, che si rompe facilmente.

Quando le bolle scoppiano, fuoriesce pus. Questa sostanza è altamente contagiosa e va evitato qualsiasi contatto con essa. Dopo la rottura, la pelle viva resta esposta e presenta sanguinamento. È comune anche la presenza di alcune vesciche particolarmente resistenti, con una crosta giallastra intorno.

I linfonodi vicino all’area interessata tendono a infiammarsi, si presentano mobili alla palpazione e non è raro che causino dolore. Si tratta, tuttavia, di un sintomo che spesso passa inosservato. Non c’è febbre o malessere, poiché l’impetigine è un’infezione localizzata e superficiale.

Potrebbe interessarvi: Le vesciche ai piedi vanno bucate?

Cause di impetigine

Batteri della impetigine.
L’impetigine è causata da batteri come Streptococcus pyogenes e Staphylococcus aureus. È un’infezione molto contagiosa.

L’impetigine è solitamente causata dal batterio Staphylococcus aureus o Streptococcus pyogenes. Quest’ultimo è noto anche come “streptococco di gruppo A” ed è la causa della faringite streptococcica. La malattia si contrae per contatto diretto con una persona infetta.

Se il bambino si gratta e poi tocca un’altra parte del corpo, può diffondere l’infezione nella nuova area. La malattia si diffonde anche toccando oggetti che sono stati a diretto contatto con la pelle, come vestiti, asciugamani, ecc. I principali fattori di rischio per l’impetigine sono:

  • Età. Colpisce soprattutto i bambini di età compresa tra i 2 e i 6 anni.
  • Contatto ravvicinato. Il contagio si diffonde in luoghi con un’alta concentrazione di bambini.
  • Clima. La patologia è più comune nei climi caldi e umidi, nonché in estate.
  • Lesioni cutanee. In genere, i batteri dell’impetigine entrano nella pelle attraverso piccole ferite, come punture di insetti o simili.

Altre informazioni utili

Sebbene rara, la malattia può colpire anche gli adulti. In particolar modo, gli adulti con sistema immunitario indebolito a causa dell’assunzione di un medicinale o di un’altra malattia. Anche i soggetti diabetici sono a rischio.

In genere, le piaghe guariscono in poco tempo e non lasciano cicatrici. Solo in rari casi si verificano complicazioni. I più comuni sono segni o cicatrici, problemi ai reni o dermatopaniculosi deformante.

Il trattamento è in genere a base di antibiotici. Il bambino non deve andare a scuola per le 24 ore successive all’inizio del trattamento. In alcuni casi si consiglia di coprire l’area interessata con una medicazione o una garza.

Potrebbe interessarti ...
Rash cutanei: tipi principali e cause?
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Rash cutanei: tipi principali e cause?

Esistono diversi tipi di rash cutanei, tutti caratterizzati da infiammazione e irritazione della pelle. Vi invitiamo a scoprirli in questo articolo...



  • Pérez, C., López, B., Barrios, M., Ulloa, S., Aguilera, P., Pefaur, M., & Mayorga, O. (2001). Etiología del impétigo infantil. Revista chilena de pediatría, 72(3), 199-203.
  • Myles IA, Datta SK. Staphylococcus aureus: an introduction. Semin Immunopathol. 2012;34(2):181–184. doi:10.1007/s00281-011-0301-9
  • Hartman-Adams, H., Banvard, C., & Juckett, G. (2014). Impetigo: Diagnosis and treatment. American Family Physician90(4), 229–235.
  • Blok, J. L., Spoo, J. R., Castellanos Nuijts, M. F., & Van Duinen, K. F. (2010). Impetigo herpetiformis. Nederlands Tijdschrift Voor Dermatologie En Venereologie20(7), 401–404.
  • Veraldi, S., & Çuka, E. (2015). Impetigo. In European Handbook of Dermatological Treatments, Third Edition (pp. 443–446). Springer Berlin Heidelberg. https://doi.org/10.1007/978-3-662-45139-7_45