Infarto nella donna: come riconoscere i sintomi

23 Settembre 2020
I sintomi dell'infarto possono essere facilmente confusi con altri disturbi, motivo per cui è fondamentale esserne consapevoli e, nel dubbio, rivolgersi a uno specialista o al pronto soccorso.

Diverse ricerche mostrano che i sintomi dell’infarto nella donna differiscono leggermente da quelli dell’uomo. Alcuni sintomi, di fatto, sono maggiormente riscontrabili nelle donne e conoscerli è decisivo nelle misure di primo soccorso.

L’aspetto più preoccupante è che la maggior parte delle donne ignora tali campanelli d’allarme e le misure preventive da adottare. Gli esperti della salute affermano, inoltre, che la mancata conoscenza dei sintomi ha gravi conseguenze, in quanto la persona non agisce in tempo e nel modo corretto.

D’altro canto, vengono spesso confusi con disturbi diversi da quelli cardiaci. In questo articolo presentiamo i sintomi più frequenti dell’infarto nella donna così da riconoscerli e intervenire. 

Infarto nella donna: i sintomi

In virtù del fatto che buona parte delle donne ignora i sintomi di un infarto, cogliamo l’occasione per condividere alcune importanti informazioni da tenere in considerazione in caso di emergenza.

Nausea con vomito

Nausea e vomito tra i sintomi dello infarto nella donna.

In caso di attacco cardiaco, le donne hanno il doppio delle probabilità rispetto agli uomini di manifestare sintomi quali nausea, vomito, acidità di stomaco o indigestione.

Tali campanelli d’allarme vengono spesso ignorati, in quanto simili a quelli di altre malattie meno gravi. È tuttavia importante tenerli in considerazione, soprattutto se accompagnati da altri sintomi.

Sensazione di soffocamento

A riposo o durante lo svolgimento di una qualsiasi attività fisica, potrebbe manifestarsi un improvviso affanno, con il conseguente bisogno di prendere aria e fare respiri profondi.

Questo sintomo, che può anche manifestarsi da solo, si presenta quando il cuore non riesce a pompare il sangue in ingresso, che si accumula nei polmoni ostacolando la respirazione.

Leggete anche: Rischio di infarto: campanelli d’allarme da riconoscere

Affaticamento inusuale

Donna che accusa affaticamento.

La donna può accusare un’improvvisa mancanza di energia che può durare persino diversi giorni e aumentare in maniera graduale.

Questa sensazione di affaticamento, in apparenza immotivata, è riportata da oltre la metà delle donne colpite da infarto.

Dolore al centro del petto

Si tratta di un dolore opprimente paragonabile a un peso che schiaccia il torace. In genere dura pochi minuti e può anche manifestarsi in maniera intermittente. È un dolore che mette subito in allerta, in quanto mai provato prima.

Disturbo nella parte superiore del collo

Donna con dolore al collo.

È possibile avvertire una sensazione di dolore o di fastidio alla schiena, al collo o alla mandibola. Il dolore può irradiarsi anche alle braccia o alla bocca dello stomaco.

Può interessarvi anche: L’insonnia aumenta il rischio di soffrire di ictus e infarto

Altri sintomi dell’infarto nella donna

  • Ansia estrema.
  • Sudore freddo.
  • Alterazione del battito cardiaco.
  • Colorito pallido o viola intorno alle labbra.
  • Sensazione di nausea o stordimento mai provata prima.

In genere i sintomi vengono accusati qualche giorno o qualche ora prima dell’attacco di cuore. Non si manifestano tutti insieme e possono apparire progressivamente fino all’evento.

Come comportarsi in caso di infarto nella donna?

Di fronte ai sintomi dell’infarto, è importante agire tempestivamente, prima che il cuore subisca danni gravi o irreversibili. Il trattamento risulta più efficace quando applicato entro la prima ora dall’inizio dei sintomi.

In caso di prolungato dolore al petto, è essenziale chiamare un’ambulanza o farsi accompagnare subito al pronto soccorso. Evitate di recarvi da soli in ospedale, in quanto la situazione potrebbe peggiorare durante il tragitto, aggravando la situazione.

Se i sintomi scompaiono dopo cinque minuti o compaiono a intermittenza, dovete consultare tempestivamente un medico per ottenere una corretta diagnosi, poiché potrebbe comunque trattarsi di una patologia cardiaca. Più sarà rapido l’intervento, minori saranno le probabilità di andare incontro a tragiche conseguenze.