Infezione vaginale da lievito: cause e soluzioni

12 Febbraio 2020
Per ottenere sollievo più in fretta in caso di infezione vaginale da lievito, è possibile ricorrere ad alcuni rimedi naturali dalle proprietà antimicotiche. Grazie alla loro composizione, interrompono la crescita della Candida albicans.

Un’infezione vaginale da lievito è una condizione comune che, in genere, si sviluppa a causa della crescita del fungo Candida albicans. Questo microrganismo abita naturalmente nella vagina, ma in presenza di determinati fattori, è in grado di moltiplicarsi.

In seguito a ciò, si verificano sintomi fastidiosi come infiammazione, prurito e alterazioni nel flusso. A volte, inoltre, provoca un odore sgradevole e fastidi quando si intrattengono rapporti sessuali. Quali sono le cause di questa infezione? È possibile combatterla con rimedi naturali?

In questo articolo desideriamo aiutarvi a rispondere a questi interrogativi. Vedremo in dettaglio i sintomi principali di un’infezione vaginale da lievito e alcuni consigli per prevenirla. Prendete nota!

Cause dell’infezione vaginale da lievito

Infezione vaginale da lievito Candida albicans
La Candida albicans fa parte del normale microbiota vaginale.

Nella vagina convive, in maniera del tutto naturale, un’ampia varietà di microrganismi. Il fungo Candida è uno di questi. In condizioni normali, i batteri noti come Lactobacillus contribuiscono a regolarne la crescita per evitare conseguenze indesiderate.

Ciononostante, in caso di squilibrio, questo lievito riesce a crescere in misura eccessiva e provoca un’infezione. Questa, a sua volta, può essere la conseguenza di fattori come:

  • Consumo prolungato di antibiotici
  • Gravidanza e cambiamenti ormonali
  • Sistema immunitario indebolito
  • Diabete non controllato
  • Cattive abitudini alimentari
  • Stress e insonnia

Quando l’infezione vaginale da lievito è ricorrente o non guarisce in seguito all’applicazione del trattamento abituale, la sua causa potrebbe non essere la crescita del fungo Candida. In questi casi, è assolutamente necessario sottoporsi a controlli medici ed esami di laboratorio.

Vi consigliamo di leggere anche: Infezioni vaginali: come individuarle velocemente e curarle

Sintomi

I sintomi di una infezione vaginale da lievito possono variare in funzione del decorso della malattia. Quando l’infezione è lieve, la paziente potrebbe soffrire di prurito vaginale e cambiamenti nel flusso. Tuttavia, con l’avanzare del problema, possono presentarsi anche:

  • Gonfiore intorno alla vagina
  • Dolore durante il coito
  • Bruciore durante la minzione
  • Pelle arrossata
  • Eruzioni
  • Flusso grumoso e grigiastro

Rimedi naturali per combattere un’infezione vaginale da lievito

Tutte le infezioni da lievito sono diverse. Per questo motivo, quando i disturbi persistono per diversi giorni è importante consultare il medico. Il trattamento convenzionale comprende l’impiego di farmaci di uso topico, come il clotrimazolo o il fluconazolo.

Tuttavia, i casi più leggeri possono essere attenuati grazie all’impiego di alcuni rimedi naturali dotati di proprietà antimicotiche e antibatteriche. Sebbene non siano potenti alla pari dei rimedi prescritti dal medico, possono calmare i sintomi. Li conoscete?

Yogurt greco

Lo yogurt greco è un buon rimedio naturale contro la infezione vaginale da lievito
Lo yogurt greco è un probiotico che può aiutare a ripristinare il microbiota vaginale.

I probiotici contenuti nello yogurt greco possono supportare il trattamento dell’infezione vaginale da lievito provocata dalla Candida albicans. Questi batteri vivi, in particolare i Lactobacillus acidophilus, contribuiscono a creare un ambiente sano all’interno della vagina.

Come utilizzarlo?

  • Acquistate uno yogurt greco che non contenga zuccheri aggiunti, perché questi ultimi alimentano il fungo.
  • Potete applicarlo sulle pareti esterne della vagina.
  • È salutare consumarne anche una porzione al giorno.

Acido borico per trattare l’infezione vaginale da lievito

L’acido borico è un elemento dalle proprietà antisettiche e antimicotiche che tiene sotto controllo le infezioni da lievito. Una ricerca svolta nel 2009 suggerisce che contribuisce al trattamento della vaginosi.

Tuttavia, è bene sapere che in grandi quantità è un agente aggressivo che può provocare danni ai reni, insufficienza acuta dell’apparato circolatorio e perfino la morte. Per questo motivo, non deve essere applicato su pelli screpolate né può essere assunto per via orale.

Come utilizzarlo?

  • Per affrontare un’infezione vaginale da lievito, si consiglia di scioglierne un cucchiaino in una bacinella d’acqua.
  • Per ridurre al minimo il fastidio, bisogna applicarlo sulla regione della vulva.

Precauzione: non bisogna utilizzare questo rimedio durante la gravidanza.

Olio di cocco

L'olio di cocco può contrastare la crescita di una infezione da lievito
L’olio di cocco potrebbe limitare la crescita di funghi e lieviti.

L’olio di cocco è un elemento dalle proprietà antimicotiche che frenano la crescita del fungo Candida albicans. Il suo impiego regolare, quindi, aiuta a contenere l’infezione vaginale da lievito.

Come utilizzarlo?

  • Acquistate dell’olio di cocco puro e biologico al 100%.
  • Applicatelo sulla zona interessata.
  • Utilizzatelo tutti i giorni, finché non notate un miglioramento.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Infezioni vaginali da funghi: 7 consigli per combatterle

Aglio per trattare l’infezione vaginale da lievito

Senza alcun dubbio, l’aglio continua a essere uno dei migliori rimedi di origine naturale per combattere le infezioni. Secondo i risultati di uno studio di laboratorio, l’aglio potrebbe rappresentare un ottimo rimedio per controllare la Candida albicans. Tuttavia, per confermare la validità di questi effetti, sono necessarie ulteriori prove scientifiche.

Come utilizzarlo?

  • Per trarre beneficio dalle sue proprietà, si consiglia di consumare tutti i giorni uno spicchio di aglio crudo.
  • Altrettanto utile può risultare una preparazione per uso esterno: pestate uno spicchio d’aglio, aggiungetelo all’acqua calda e lasciate raffreddare. Poi filtrate e applicate il liquido come un risciacquo.

Precauzione: non bisogna inserire mai, per nessun motivo, l’aglio all’interno della vagina. Sono stati riferiti casi di ustioni e dolore in seguito a questa procedura.

Olio di origano silvestre

L'olio di origano silvestre è un antimicotico
Un altro grande antimicotico naturale è l’olio di origano silvestre.

L’olio di origano silvestre (Origanum vulgare) contiene due potenti antimicotici, noti come timolo e carvacrolo. Questi componenti contribuiscono ad arrestare o rallentare la crescita del fungo Candida albicans. In seguito a ciò, questo rimedio risulta particolarmente utile contro l’infezione vaginale da lievito.

Come utilizzarlo?

  • Mescolate tre gocce di olio essenziale di origano con dell’olio di cocco.
  • Applicate sulle pareti esterne della vagina (area della vulva), tramite un delicato massaggio.

Precauzione: evitate di usare l’olio senza diluirlo. Non applicatelo nemmeno all’interno della vagina. Ricordate che gli oli essenziali non devono essere assunti per via orale.

Attenzione!

L’efficacia di questi rimedi naturali non è costante e le prove dei loro effetti sono soprattutto di carattere aneddotico. Ciononostante, la loro applicazione regolare può contribuire a ridurre i sintomi nel volgere di pochi giorni. Se però i fastidi peggiorano o compaiono di nuovo, bisogna consultare un medico.

In base alla gravità dell’infezione, potrebbe essere necessaria l’applicazione di trattamenti farmacologici. Allo stesso modo, bisognerà realizzare alcuni esami complementari allo scopo di rilevare ulteriori malattie.

  • Blostein, F., Levin-Sparenberg, E., Wagner, J., & Foxman, B. (2017). Recurrent vulvovaginal candidiasis. Annals of Epidemiology. https://doi.org/10.1016/j.annepidem.2017.08.010
  • Falagas, ME, Betsi, GI, y Athanasiou, S. (2006). Probióticos para la prevención de la candidiasis vulvovaginal recurrente: una revisión. Diario de la quimioterapia antimicrobiana. https://doi.org/10.1093/jac/dkl246
  • Xie, HY, Feng, D., Wei, DM, Chen, H., Mei, L., Wang, X., y Fang, F. (2013). Probióticos para la candidiasis vulvovaginal en mujeres no embarazadas. Base de Datos Cochrane de Revisiones Sistemáticas. https://doi.org/10.1002/14651858.CD010496
  • Darvishi, M., Jahdi, F., Hamzegardeshi, Z., Goodarzi, S. y Vahedi, M. (2015). La comparación de la crema vaginal de mezclar yogurt, miel y clotrimazol en los síntomas de la candidiasis vaginal. Revista mundial de ciencias de la salud , 7 (6), 108-116. https://doi.org/10.5539/gjhs.v7n6p108
  • Reichman, O., Akins, R., & Sobel, J. D. (2009). Boric acid addition to suppressive antimicrobial therapy for recurrent bacterial vaginosis. Sexually Transmitted Diseases. https://doi.org/10.1097/OLQ.0b013e3181b08456
  • Ogbolu, D. O., Oni, A. A., Daini, O. A., & Oloko, A. P. (2007). In Vitro Antimicrobial Properties of Coconut Oil on Candida Species in Ibadan, Nigeria. Journal of Medicinal Food. https://doi.org/10.1089/jmf.2006.1209
  • Nguyen, V. T. A., Le, T. D., Phan, H. N., & Tran, L. B. (2017). Antibacterial Activity of Free Fatty Acids from Hydrolyzed Virgin Coconut Oil Using Lipase from Candida rugosa. Journal of Lipids. https://doi.org/10.1155/2017/7170162
  • Shuford, J. A., Steckelberg, J. M., & Patel, R. (2005). Effects of fresh garlic extract on Candida albicans biofilms [1]. Antimicrobial Agents and Chemotherapy. https://doi.org/10.1128/AAC.49.1.473.2005
  • Lemar, K. M., Turner, M. P., & Lloyd, D. (2002). Garlic (Allium sativum) as an anti-Candida agent: A comparison of the efficacy of fresh garlic and freeze-dried extracts. Journal of Applied Microbiology. https://doi.org/10.1046/j.1365-2672.2002.01707.x
  • Manohar, V., Ingram, C., Gray, J., Talpur, N. A., Echard, B. W., Bagchi, D., & Preuss, H. G. (2001). Antifungal activities of origanum oil against Candida albicans. Molecular and Cellular Biochemistry. https://doi.org/10.1023/A:1013311632207