Infuso all’avena per trattare il ventre gonfio

9 dicembre 2015
Oltre a mangiare fiocchi d’avena a colazione o merenda, potete preparare questo infuso d’avena da bere prima dei pasti principali per evitare la formazione di gas.

Quante volte a settimana solitamente provate quella fastidiosa sensazione di avere il ventre gonfio?

La causa è quasi sempre collegata al classico problema di ritenzione idrica o alla digestione pesante. Non importa se si è in sovrappeso o in buona forma fisica, quella “pancetta” gonfia si ripresenta spesso al termine della giornata.

Per questo motivo, oggi nel nostro spazio desideriamo offrirvi un semplice rimedio che, vi assicuriamo, vi sarà di aiuto. Prendete appunti?

I benefici dell’avena per trattare il ventre gonfio

ventre gonfio

Iniziamo col parlare di un argomento importante. Ci sono persone che di solito si lamentano che l’avena dia loro un po’ di fastidio, che non la digeriscono bene e che, invece di depurare l’organismo e di facilitare la digestione, produce pesantezza e malessere.

I nutrizionisti sostengono che l’avena sia uno degli alimenti più salutari che esistano e che, in caso non si riesca a digerirla bene, c’è la possibilità che si soffra di qualche allergia.

Se la vostra esperienza con l’avena è sempre stata negativa, consultate un medico per verificare se avete qualche intolleranza.

Scoprite anche come dimagrire con l’avena in maniera naturale.

Messo in chiaro ciò, vediamo ora quali proprietà possiede questo cereale per favorire la salute digestiva ed evitare il gonfiore di stomaco.

1. L’avena: un cereale ad assorbimento lento

Innanzitutto bisogna riconoscere che quando si parla dell’avena come di un “superalimento”, esistono molte ragioni per farlo.

È ricca di numerose vitamine, sali minerali, amminoacidi e carboidrati. Ma non solo: l’avena possiede un alto contenuto di fibre.

Questo significa che favorisce il transito intestinale e che permette, inoltre, un migliore assorbimento dei nutrienti.

  • Bere un infuso di avena prima o dopo i pasti aiuta a sentirsi più sazi, a digerire meglio gli alimenti e ad assorbirli in maniera lenta e adeguata.
  • Non bisogna nemmeno dimenticarsi che questo infuso è diuretico, quindi permette di regolare la ritenzione idrica grazie ad un adeguato contenuto di sodio e potassio.
  • Un assorbimento lento attiva sempre il metabolismo. Gli alimenti non rimangono immagazzinati a produrre gas, bensì tutto viene assorbito in maniera adeguata e progressiva attraverso l’intestino.
  • L’avena è un alimento antinfiammatorio, molto adatto nel caso in cui si soffra di colon irritabile.

Leggete anche: 5 ricette originali a base di avena.

2. L’infuso di avena rilassa e riduce lo stress

L’avena è un alleato molto interessante per combattere lo stress e l’ansia. È frequente per le donne condurre una vita molto attiva: il lavoro, la casa, i bambini, le amicizie…

Tutta questa attività finisce per sovraccaricare l’organismo e la mente. Lo stress si accumula, si immagazzinano tossine prodotte dal cortisolo, la digestione diventa pesante e, alla fine della giornata, appare sempre quel fastidioso ventre gonfio.

Siete ingrassate? Assolutamente no. Si tratta della ritenzione idrica, della dispepsia o persino del colon irritabile, molto frequente in casi di stress o ansia.

L’avena è in grado di regolare i neurotrasmettitori per il rilassamento. Il suo alto contenuto di vitamine B1, B2, B3 e B6, zinco, magnesio, ferro, calcio, fosforo e vitamine A ed E aiuta a regolare la pressione arteriosa e a ridurre lo stress.

Come preparare un infuso di avena

avena

Di che cosa avete bisogno?

  • 3 bicchieri di acqua minerale (600 ml)
  • 100 gr di fiocchi di avena biologici
  • una stecca di cannella (5 gr)
  • 1 cucchiaio di miele (25 gr)

Utensili

  • una bottiglia di vetro da un litro
  • una casseruola
  • un cucchiaio di legno
  • un colino

Volete saperne di più? Scoprite come perdere il grasso addominale.

Come prepararlo?

  • La prima cosa da fare è reperire avena biologica. È importante acquistarla in stabilimenti che vi assicurino che la sua coltivazione sia naturale, così da poter godere di tutte le sue proprietà.
  • Mettete a bollire i tre bicchieri di acqua per poi aggiungere i 100 gr di avena, la stecca di cannella e il miele.
  • Lasciate cuocere per 30 minuti. Una volta passati, coprite la casseruola e lasciate che riposi per almeno un’ora. Se volete, potete preparare questa ricetta appena svegli. In questo modo, avrete già l’infuso pronto per tutta la giornata.
  • Una volta che l’infuso ha riposato a sufficienza, filtrate tutto il contenuto e conservate solo l’acqua ottenuta.
  • Versatela in una bottiglia di vetro e lasciatela a temperatura ambiente.

Come assumere l’infuso di avena?

  • Bevetene un bicchiere prima di ogni pasto. Il primo a colazione, il secondo 15 minuti prima di pranzo e il terzo 15 minuti prima di cena.
  • In questo modo, riuscirete a sentirvi più sazi, farete in modo che gli alimenti vengano digeriti meglio e che vengano assorbiti in maniera adeguata senza produrre gas o gonfiore.
  • La notte noterete anche di essere più rilassate.

Potete seguire questo trattamento tre volte a settimana e vedere come vi risulta. Si tratta del vostro corpo e siete voi a dover percepire se vi fa sentire bene e se vi dona il dovuto benessere.

Guarda anche