La maca: una radice meravigliosa per le donne

· 28 agosto 2016
La maca è una radice dalle proprietà antiossidanti, oltre ad essere un ottimo regolatore ormonale che allevia i problemi mestruali. In certi casi, poi, può addirittura essere efficace per combattere i problemi di fertilità

La maca (Lepidium peruvianum o Lepidium meyenii) è una pianta che cresce sugli altopiani centrali del Perù e della Bolivia, in zone particolarmente inospitali e selvagge, al di sopra dei 3.500 metri di altitudine, sulla cordigliera delle Ande, in cui non esiste nessun’altra forma di vita vegetale.

Negli ultimi tempi le molteplici proprietà di questa pianta andina, in particolar modo la sua radice, sono state riconosciute in tutto il mondo, proprio perché si tratta di una pianta energetica e di un potente regolatore endocrino, indicato soprattutto per le donne che soffrono di disturbi ormonali e per chi pratica sport e vuole migliorare sia il rendimento delle proprie prestazioni sia i propri tempi di ripresa.

La maca contiene, infatti, proteine, aminoacidi essenziali, carboidrati, fibre, vitamine (B1, B2, B6, B12, C, ecc…) e minerali, come ad esempio ferro, calcio, fosforo, potassio, sodio e zinco. Da tutti questi componenti nutritivi possiamo trarre enormi vantaggi per la nostra salute:

  • Contribuisce al recupero di energie dopo un’attività fisica e riduce la stanchezza.
  • Aumenta il vigore.
  • Aumenta la libido sia negli uomini sia nelle donne.
  • È un regolatore ormonale a tutti i livelli (agisce sia sull’ipofisi sia sull’ipotalamo).
  • In certi casi, cura i problemi di fertilità in uomini e donne.
  • Allevia i disturbi legati al ciclo mestruale ( dismenorrea, dolori mestruali, dolori durante il ciclo, disturbi durante la menopausa, ecc…).
  • Grazie alle sue proprietà antiossidanti, rallenta l’invecchiamento, riducendone gli effetti soprattutto sulla pelle.
  • Rafforza i capelli.
  • Rafforza la crescita ossea.
  • Allevia i sintomi della fatica cronica e della fibromialgia, dal momento che aumenta i livelli di adrenalina naturale.
  • È un potente antistress.
  • Allevia i dolori ossei e muscolari, come ad esempio i reumatismi, l’artrite o l’artrosi.
  • Aumenta la circolazione sanguigna del cervello, migliorando in questo modo la memoria e la concentrazione.

Come assumere la radice di maca

Possiamo trovare la radice di maca sia sotto forma di compresse sia in polvere. Quest’ultima soluzione è più indicata se vogliamo controllare meglio le dosi che assumiamo, dal momento che è meglio iniziare ad assumerla in piccole dosi che aumenteremo poco per volta, perché è una radice molto energizzante. Per questo motivo, è consigliabile assumerla sempre al mattino.

  • La dose di mantenimento è di tre grammi al giorno (all’incirca un cucchiaino da caffè raso).
  • Per casi gravi e complicati (come ad esempio i problemi di fertilità), se ne possono assumere dai sei ai nove grammi al giorno.
  • I bambini dovranno assumere metà dose di maca e iniziare con una quantità di gran lunga inferiore rispetto agli adulti, per poi aumentare poco alla volta, in modo da non essere sovra-eccitati.
  • È possibile assumere la maca mescolandola con succo di frutta.
succo-con maca

Le proprietà ricostituenti, stimolanti, energizzanti e omeostatiche della maca l’hanno resa una radice molto richiesta. L’ideale è assumerla con regolarità insieme ad un frullato, per accompagnare i nostri pasti o semplicemente per rinfrescarci in una giornata particolarmente calda.

Anche se alcuni dei suoi effetti benefici sono visibili fin da subito, se desideriamo ottenere un effetto più intenso (come regolatore endocrino, ad esempio), è consigliabile un’assunzione regolare per almeno tre mesi, trascorsi i quali bisognerà valutare con l’aiuto di uno specialista se e come continuare. Va tenuto in considerazione il fatto che gli effetti della maca sono prolungati, anche dopo averne cessato l’assunzione.

Controindicazioni

È importante rivolgersi sempre ad un naturopata prima di assumere qualsiasi integratore naturale, e la maca non fa eccezione. Dobbiamo, infatti, fare attenzione se soffriamo di ipertensione non controllata e misurare con precisioni le dosi nei casi di sovra-eccitazione del sistema immunitario.

Immagini per gentile concessione di Food Thinkers

Guarda anche