La scoliosi nei bambini: tutto quello che c’è da sapere

4 Agosto 2020
La scoliosi nei bambini non è un problema molto comune, ma bisogna prestarvi la dovuta attenzione. Come possiamo riconoscerla? Come trattarla? Ne parliamo in questo articolo.

La scoliosi nei bambini è un problema serio, al quale bisogna prestare attenzione fin dall’inizio. Ci riferiamo a malformazioni spinali che compaiono con diversi gradi di serietà e trattamenti diversi.

In generale, la scoliosi nei bambini tende a peggiorare con la crescita. Un aspetto che potrebbe trarre in inganno è che i bambini e gli adolescenti di solito tollerano molto bene questa condizione. Ignorando il problema, tuttavia, gli si permette di progredire e ciò può richiedere trattamenti molto complessi in seguito.

La forma più comune di scoliosi nei bambini è la scoliosi idiopatica, che interessa 4 bambini su 1000. Di questi, circa l’1% presenta una forma acuta che richiederà un trattamento a lungo termine. I bambini dovrebbero sottoporsi a visita ortopedica almeno una volta all’anno, soprattutto quando raggiungono la pubertà.

Cos’è la scoliosi nei bambini?

La scoliosi nei bambini è definita come un problema della curvatura della colonna vertebrale che si presenta in giovane età. La colonna vertebrale presenta naturalmente una certa curvatura, ma purtroppo in alcuni bambini è più pronunciata, come se formasse una lettera “C” o “S”. Questa malformazione a volte causa dolore e difficoltà di respirazione.

In presenza di scoliosi, la colonna vertebrale si sposta verso un lato portando talvolta a una leggera rotazione e spostamento delle ossa. Potrebbe accadere che una spalla o un’anca non siano perfettamente simmetriche con la parte opposta. Esistono diversi tipi di scoliosi in giovane età:

  • Scoliosi infantile. Si verifica nei bambini di età inferiore ai 3 anni e può essere un problema congenito. A volte può essere provocato da altri disturbi o da cause sconosciute.
  • Scoliosi idiomatica adolescenziale. È la forma più comune e colpisce i bambini di età superiore ai 10 anni; la sua causa è sconosciuta.
  • Scoliosi giovanile. Si verifica nei bambini tra i 3 e i 10 anni ed è la forma più rara di scoliosi.
Medico che osserva la radiografia di una colonna vertebrale con scoliosi.
La scoliosi nei bambini è una deformità della colonna vertebrale che presenta una forma simile a una “C” o “S”.

Ti potrebbe interessare: Gli zaini per la scuola e il mal di schiena

Cause e fattori di rischio

Nella maggioranza dei casi, la causa della scoliosi infantile è sconosciuta, eppure è noto che colpisce soprattutto il sesso femminile. A seconda della causa, la scoliosi può essere classificata come segue:

  • Scoliosi congenita. Può apparire durante la gravidanza e comprende varie anomalie come la mancanza di vertebre, malformazioni o sviluppo incompleto delle stesse.
  • Idiopatica. In questi casi la causa della scoliosi è sconosciuta.
  • Neuromuscolare. È la conseguenza di alcune patologie neurologiche come la distrofia muscolare, paralisi cerebrale, spina bifida, tumori del midollo spinale, neurofibromatosi o condizioni paralitiche.
  • Altre. In alcuni casi, la scoliosi nei bambini è il risultato di infezioni, lesioni, tumori, arti inferiori di lunghezza diversa o malattie genetiche.

Sintomi e diagnosi della scoliosi nei bambini

Ogni bambino può accusare i sintomi della scoliosi in modo diverso. Tuttavia, alcune manifestazioni sono comuni, queste includono:

  • A semplice vista la testa non si trova esattamente al centro rispetto al resto del corpo.
  • Quando il bambino sta in piedi, le braccia pendono in modo diverso.
  • Una spalla o anca non è simmetrica con l’altra.
  • Se il bambino si inclina in avanti, una parte della schiena appare più alta.

In genere la scoliosi non provoca dolore o altri sintomi simili. Spesso la diagnosi viene effettuata sulla base di un’osservazione clinica, che di solito viene integrata da risonanza magnetica (RMN) o da una tomografia computerizzata (TAC).

Medico con modello di colonna vertebrale.
Nella maggioranza dei casi la scoliosi passa inosservata. Il medico può fare una diagnosi basata sull’osservazione clinica.

Leggete anche: Artrosi della colonna vertebrale: diagnosi e cura

Trattamento

Il trattamento della scoliosi nei bambini dipende dall’età, dalla fase di crescita, dalla causa del problema, da quanto è accentuata la sua curvatura e dallo stato di salute generale. Si tiene conto anche del livello di tolleranza ai farmaci e alle terapie disponibili.

Se la curvatura è lieve o il bambino è prossimo all’adolescenza, di solito si effettua un monitoraggio per evitare che l’anomalia peggiori. Nei casi in cui la curvatura è più accentuata, spesso si sceglie un busto elastico o un supporto lombare apposito. In questo modo si impedisce un aggravamento della deformità.

Se la deformazione è molto pronunciata, si consiglia l’intervento chirurgico per correggere la curvatura. Se un caso grave non viene trattato, potrebbe portare a una riduzione della capacità polmonare e allo sviluppo di malattie polmonari. Si tratta quindi di una condizione che merita piena attenzione.

  • Monsalve, C. Y. F., Corena, Z. M. G., & Samudio, M. P. O. (2007). Estudio de caso: terapia manual en una paciente de 18 años con escoliosis juvenil idiopática. Revista Ciencias de la Salud, 5(3), 78-90.
  • Garcia-Barrecheguren, E., Alfonso-Olmos-García, M., & Beguiristain, J. (2001). Defecto vertebral múltiple con otras anomalías acompañantes.
  • Pantoja, T. S., & Chamorro, L. M. (2015). Escoliosis en niños y adolescentes. Revista Médica Clínica Las Condes, 26(1), 99-108.