La telemedicina al tempo del Coronavirus

28 Aprile 2020
La telemedicina consente di diagnosticare, valutare e monitorare a distanza le condizioni di salute di un paziente. Inoltre, favorisce lo scambio di informazioni mediche tra professionisti della salute, evitando spostamenti e ritardi.

Che cos’è la telemedicina? E quale importanza assume durante la pandemia da Coronavirus? Al giorno d’oggi ci troviamo a vivere una situazione complessa e, come sappiamo tutti, dobbiamo fare i conto con un virus molto contagioso.

Alla luce di ciò, sono state adottate una serie di misure di confinamento che hanno lo scopo di contenere l’espansione dell’infezione. Una di queste misure consiste nell’agevolare l’impiego della telemedicina.

Nel corso della storia, i medici hanno fatto ricorso a tutti i mezzi di comunicazione disponibili per assistere i loro pazienti. Dal telegrafo alla radio e perfino alla televisione, è stato impiegato ogni mezzo per comunicare con persone che non era possibile assistere di persona.

Grazie ai progressi tecnologici, al giorno d’oggi le comunicazioni a distanza sono diventate sempre più semplici e alla portata di tutti. Questo fenomeno ha fornito un notevole impulso anche alla medicina. In questo articolo vi spieghiamo qual è l’importanza della telemedicina al tempo del Coronavirus.

In che cosa consiste la telemedicina?

Nel corso degli Anni 90, la telemedicina ha conosciuto una notevole crescita grazie allo sviluppo delle risorse informatiche. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (l’OMS), la telemedicina viene definita come:

La prestazione di servizi medici da parte di personale sanitario attraverso l’impiego delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione per lo scambio di informazioni utili per la diagnosi, il trattamento, la prevenzione di malattie, ecc.

L’OMS afferma che molti paesi fanno già un uso regolare della telemedicina. Si tratta di uno strumento fondamentale che consente di rendere più sostenibili, a livello economico, le prestazioni sanitarie.

Grazie a questo metodo, è possibile fornire assistenza sanitaria anche in regioni di difficile accesso o perfino del tutto irraggiungibili fisicamente. La telemedicina, inoltre, può essere applicata a persone dalla mobilità ridotta che non possono recarsi nelle strutture sanitarie.

Tablet e pc per la telemedicina
La telemedicina può essere impiegata per offrire assistenza a distanza e scambiare informazioni tra professionisti.

Potrebbe interessarvi anche: Il Coronavirus infetta le cellule, come?

Vantaggi della telemedicina

Come abbiamo detto, la telemedicina rende possibili le visite a distanza. A questo scopo viene impiegato qualunque mezzo di comunicazione, come il telefono o la posta elettronica. Può essere utile sia per formulare una diagnosi sia per monitorare le condizioni di salute di un paziente.

Per esempio, accade spesso che se ne faccia uso per comunicare i risultati di un test medico, come un esame del sangue. Ma consente anche di offrire ai pazienti un altro genere di informazioni, come l’accesso a determinati documenti per via telematica.

D’altra parte, la telemedicina può essere utile anche per la formazione del personale sanitario. In questo modo, gli specialisti possono entrare in contatto tra loro tramite videoconferenza, coordinando il proprio lavoro in maniera collettiva.

Vi consigliamo di leggere anche: Presenza di nitriti nelle urine: cosa significa?

Che ruolo svolge al tempo del Coronavirus?

Visita medica online
La telemedicina è molto utile per le persone anziane che non possono muoversi molto.

I Coronavirus sono una famiglia di virus. Il nuovo Coronavirus si è manifestato in Cina nel dicembre 2019. Si tratta di un virus molto contagioso che presenta un alto tasso di letalità tra le persone in età avanzata.

Dal momento che si tratta di un nuovo virus, non ne conosciamo ancora tutte le caratteristiche. Tuttavia, il numero di persone infette tende a crescere in maniera esponenziale. Per questo motivo, in molti paesi è stata presa la decisione di stabilire un periodo di confinamento.

Oltre a ciò, molte strutture sanitarie di diverse città hanno raggiunto il collasso a causa della grande diffusione del virus. È proprio in questa situazione che la telemedicina si sta rivelando una risorsa di fondamentale importanza.

In primo luogo, perché permette ai pazienti di non recarsi di persona in ospedale. Attraverso una semplice chiamata, una persona che presenta dei sintomi può mettersi in contatto con il personale sanitario, descrivendo la sua situazione e seguendo le istruzioni che riceve.

Se la persona dovesse effettivamente essere malata, restando a casa riduce notevolmente il rischio di contagiare qualcun altro. La telemedicina consente inoltre di monitorare lo stato di salute di un paziente.

Utilizzare la telemedicina durante la pandemia da Coronavirus

Durante l’attuale pandemia è molto importante fare uso di questo strumento, perché agevola l’assistenza sanitaria e riduce il rischio di contagio. Inoltre, evita che ospedali e pronto soccorso si saturino a causa di un’invasione di casi lievi.

Ogni governo dovrebbe prodigarsi al fine di garantire a buona parte della popolazione validi meccanismi che assicurano l’accesso alle visite a distanza.

  • OMS | Redes de telemedicina de larga trayectoria que ofrecen servicios humanitarios: experiencia, rendimiento y resultados científicos. (2013). WHO.
  • ¿Qué es la telemedicina? | Atrys Health. (n.d.). Retrieved March 31, 2020, from http://www.atryshealth.com/es/-qué-es-la-telemedicina-_1580
  • Castillejo, J. A. P. (2013). Telemedicine, also a tool for the Family Doctor. Atencion Primaria, 45(3), 129–132. https://doi.org/10.1016/j.aprim.2012.07.006