Lavare i capelli grassi riducendo il sebo in eccesso

23 Novembre 2020
A volte le ghiandole sebacee del cuoio capelluto si alterano e producono più sebo. Di conseguenza i capelli acquisiscono un aspetto sporco. Come possiamo evitarlo?

Per lavare i capelli grassi è bene tenere conto di alcune raccomandazioni. A causa dell’eccessiva produzione di sebo nel cuoio capelluto, è importante saper scegliere i prodotti più adatti per evitare l’aspetto sporco e oleoso.

Prima di tutto, però, è utile scoprire la causa della maggiore produzione di sebo nel cuoio capelluto e i fattori che possono peggiorare questa condizione. In seguito a ciò, possiamo adottare alcune semplici misure per dare un aspetto migliore ai capelli grassi.

Quali sono le cause dei capelli grassi?

In condizioni normali, le ghiandole sebacee secernono una certa quantità di sostanze oleose allo scopo di assicurare la corretta idratazione del cuoio capelluto e mantenerne sane le fibre. Il sebo, di fatto, funge da barriera protettiva delle radici dei bulbi piliferi.

Anche se la quantità prodotta varia da persona a persona, un’igiene scorretta, l’eccesso di sudore e altri fattori derivanti dallo stile di vita possono incidere su un accumulo eccessivo. Il risultato? Una chioma dall’aspetto untuoso e sporco, che diventa anche difficile da pettinare e trattare.

Chioma femminile in disordine.
Gli squilibri ormonali, l’eccesso di sudorazione e una scelta sbagliata dei prodotti per i capelli possono contribuire all’eccessiva produzione di sebo.

Perché, però, alcune persone hanno i capelli grassi mentre altre no? Che cosa porta a un aumento della produzione di sebo? Esistono varie possibili cause. Nelle righe che seguono esaminiamo in dettaglio le più frequenti.

Squilibri ormonali

Gli squilibri ormonali possono causare iperattività delle ghiandole sebacee del cuoio capelluto. Di conseguenza, i capelli acquisiscono un aspetto grasso e sporco. Si tratta di un fenomeno frequente nelle gestanti, nelle adolescenti o nelle donne che assumono pillole anticoncezionali.

Troppi lavaggi

Le persone con i capelli grassi sono abituate a fare lo shampoo con maggiore regolarità, eppure un lavaggio eccessivo può risultare controproducente. Per quale motivo? Perché ogni volta che sulla chioma applichiamo i vari prodotti, il cuoio capelluto riceve un segnale che lo spinge a produrre altro sebo.

Tipologia di capello

L’eccessiva produzione di sebo nel cuoio capelluto può interessare chiunque. Ciononostante, le persone che hanno capelli lisci e sottili tendono ad accumularne di più. Dal momento che i capelli non presentano ondulazioni, l’olio scivola più facilmente lungo le ciocche.

Uso scorretto di prodotti per capelli

Per lavare i capelli grassi è fondamentale scegliere i prodotti adeguati. A causa delle loro caratteristiche, il lavaggio eseguito esclusivamente con acqua non sarà sufficiente per rimuovere il grasso. Nemmeno i prodotti a base di oli saranno indicati per ottenere un aspetto pulito. È importante scegliere uno shampoo con sostanze che scompongano i grassi.

Oltre a ciò, il balsamo va applicato solo dalla metà dei capelli fino alle punte. Per quanto possibile, deve presentare una composizione a basso contenuto di sostanze oleose.

Altre possibili cause

  • Esercizio fisico intenso (la causa risiede nell’eccesso di sudore).
  • Uso eccessivo di trattamenti per capelli.
  • Uscire con i capelli troppo umidi.
  • Esporre i capelli alla luce del sole o a fonti di calore.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Come preparare uno shampoo secco per capelli grassi

Come lavare i capelli grassi?

Vi siete mai chiesti qual è il procedimento da seguire per lavare i capelli grassi? In realtà, la routine da adottare è molto semplice. Il segreto consiste nello stimolare l’equilibrio del pH del corpo e regolare la produzione di sebo.

A tale scopo, bisogna saper scegliere i prodotti adeguati e applicarli correttamente. Vediamo in dettaglio l’intera routine da seguire.

1. Scelta dei prodotti per capelli

La maggior parte dei prodotti per capelli sono concepiti per chiome normali o secche. La loro composizione aumenta la lucentezza e l’idratazione della chioma, ma questi prodotti non sono indicati per i capelli grassi. Se si desidera evitare l’aspetto oleoso, l’ideale è cercare una formula idonea allo scopo.

Per fortuna, oggi possiamo contare su un vasto catalogo di prodotti per regolare la produzione di sebo, che spaziano dai prodotti leggeri a quelli micellari. Ingredienti a base di tè verde, agrumi o aloe vera rappresentano buone opzioni.

2. Lavare i capelli grassi con acqua tiepida o fredda

Quando si lavano i capelli grassi, anche la temperatura dell’acqua assume la sua importanza. Per essere più precisi, bisogna evitare del tutto l’acqua calda. Anche se sul momento riesce a eliminare la sporcizia e il grasso, in seguito incide sulla produzione di sebo.

Si consiglia, quindi, di lavare i capelli grassi con acqua tiepida o fredda. L’ideale è iniziare il lavaggio con acqua tiepida e concludere il risciacquo con acqua fredda per chiudere le cuticole.

3. Applicare prodotti per i capelli grassi

Bisogna fare attenzione alla quantità di shampoo da applicare. Naturalmente, si tratta di un aspetto che dipende da quanto sono lunghi e folti i capelli; la quantità media equivale a uno o due cucchiai.

Ma non solo, è bene prestare una certa attenzione anche al modo in cui si applica il prodotto. L’ideale è distribuire lo shampoo su tutta la testa e massaggiare il cuoio capelluto con le punte delle dita per rimuovere i residui accumulatisi. Infine, dopo un primo risciacquo, si applica il balsamo, dalla metà dei capelli fino alle punte.

Come lavare i capelli grassi nel giusto modo.
Quando si applicano i prodotti per lavare i capelli grassi è importante massaggiare il cuoio capelluto con le punte delle dita. Questa azione contribuisce a rimuovere i residui accumulati.

4. Frequenza di lavaggio

Contrariamente a ciò che molti potrebbero pensare, non bisogna lavare i capelli grassi con eccessiva frequenza. Questa abitudine tende ad alterare il pH ed, eventualmente, a provocare un effetto contrario a quello desiderato.

L’ideale, quindi, è lavarli ogni due giorni. Per evitare la sensazione di capelli sporchi, è possibile provare degli shampoo secchi.

5. Ulteriori cure per i capelli grassi

Oltre a quanto detto finora, ci sono altre cure che consentono di ottenere capelli sani e puliti. Per esempio, è utile applicare delle maschere a base di ingredienti specifici per i capelli grassi. Allo stesso modo, è utile ricorrere a un esfoliante per il cuoio capelluto, purché privo di oli.

Come è ridurre il sebo dai capelli?

Un lavaggio adeguato è in grado di ridurre l’aspetto oleoso dei capelli. Ciononostante, altri consigli ci aiutano a donare un aspetto migliore alla chioma evitando a sovrapproduzione di sebo. Metteteli in pratica!

Oli essenziali

L’applicazione sui capelli di alcuni oli essenziali offre notevoli benefici per tenere sotto controllo la produzione eccessiva di grasso nel cuoio capelluto. Le loro proprietà scompongono il sebo e agevolano la pulizia dei follicoli. Le opzioni maggiormente consigliate sono le seguenti:

  • Tea tree oil.
  • Olio essenziale di menta.
  • Olio essenziale di camomilla.

Di questi oli essenziali vanno usate poche gocce, diluite in acqua o nello shampoo che usiamo abitualmente. Un’altra valida opzione è l’olio di rosmarino, che stimola anche la crescita sana dei capelli.

Vi consigliamo di leggere anche: Usare il rosmarino per i capelli: rimedio 100% naturale

Applicare l’aceto di melo

Fino a oggi non esistono evidenze che confermino i benefici dell’aceto di mele per la salute dei capelli. Ciononostante, dati aneddotici suggeriscono che un uso moderato riduce il sebo e prevenire la comparsa di forfora.

  • Diluire due cucchiai di aceto di mele in due litri di acqua.
  • Lavare i capelli con la miscela ottenuta.
  • Applicare shampoo e balsamo.
  • Ripetere l’applicazione 2 o 3 volte alla settimana.

Applicare una maschera a base di aloe vera

Non ci sono evidenze scientifiche in merito all’efficacia dell’aloe vera per combattere l’eccessiva produzione di sebo nel cuoio capelluto. Ciononostante, questa sostanza viene usata nella cosmesi naturale come coadiuvante contro l’eccesso di grasso, la forfora e le punte danneggiate. Come applicarlo?

  • Estrarre il gel fresco di aloe vera.
  • Applicarlo su tutto il cuoio capelluto tramite delicati massaggi circolari.
  • Lasciar agire per circa 20 minuti e poi risciacquare.
  • È possibile ripetere l’applicazione 2 o 3 volte alla settimana.
Gel di aloe vera per tenere puliti i capelli grassi.
Nella cosmesi naturale, il gel di aloe vera è uno dei prodotti più usati per mantenere i capelli sani e puliti.

Applicare uno shampoo secco contro i capelli grassi

Dopo una sessione di allenamento o una giornata calda, è bene applicare uno shampoo secco sulle radici dei capelli per assorbire il sebo. Questo prodotto, acquistabile nei negozi di cosmesi, è disponibile sotto forma di diversi preparati. Bisogna evitarne l’uso eccessivo.

Applicare amido di mais o talco per neonati

L’amido di mais o il talco per neonati riducono il sebo in eccesso a causa del sudore o del caldo. Esercitano dunque un effetto simile a quello dello shampoo secco; questi prodotti, però, sono naturali. È sufficiente applicarne una piccola quantità sulla testa e massaggiare.

Evitare di spazzolare troppo i capelli

Spazzolare i capelli grassi fa sì che il sebo e il sudore del cuoio capelluto raggiungano le cuticole. L’ideale è ridurre questa abitudine. Adottate lo stesso atteggiamento nei confronti dell’uso di piastre e forcine.

Lavare i capelli grassi e ridurre l’aspetto oleoso è possibile

Un’eccessiva produzione di grasso nei capelli dipende da una grande quantità di fattori. Ciononostante, grazie a un lavaggio adeguato e all’applicazione di alcuni rimedi è possibile correggere questo problema. Le cure devono però essere costanti e fare parte della routine quotidiana dei capelli.

  • Nayak BS, Ann CY, Azhar AB, Ling ECS, Yen WH, Aithal PA. A Study on Scalp Hair Health and Hair Care Practices among Malaysian Medical Students. Int J Trichology. 2017;9(2):58-62. doi:10.4103/ijt.ijt_76_16
  • Szöllősi AG, Oláh A, Bíró T, Tóth BI. Recent advances in the endocrinology of the sebaceous gland. Dermatoendocrinol. 2018;9(1):e1361576. Published 2018 Jan 23. doi:10.1080/19381980.2017.1361576
  • Draelos ZD. Essentials of Hair Care often Neglected: Hair Cleansing. Int J Trichology. 2010;2(1):24-29. doi:10.4103/0974-7753.66909
  • Hoover E, Aslam S, Krishnamurthy K. Physiology, Sebaceous Glands. [Updated 2020 Jun 8]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2020 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK499819/
  • Bassino E, Gasparri F, Munaron L. Protective Role of Nutritional Plants Containing Flavonoids in Hair Follicle Disruption: A Review. Int J Mol Sci. 2020;21(2):523. Published 2020 Jan 14. doi:10.3390/ijms21020523
  • Vardy, D., Cohen, A., Tchetov, T., Medvedovsky, E., & Biton, A. (1999). A double-blind, placebo-controlled trial of anAloe vera (A. barbadensis)emulsion in the treatment of seborrheic dermatitis. Journal of Dermatological Treatment, 10(1), 7–11. https://doi.org/10.3109/09546639909055904
  • Lawrence R, Tripathi P, Jeyakumar E. Isolation, Purification and Evaluation of Antibacterial Agents from Aloe vera. Braz J Microbiol. 2009;40(4):906-915. doi:10.1590/S1517-838220090004000023
  • D’Souza P, Rathi SK. Shampoo and Conditioners: What a Dermatologist Should Know?. Indian J Dermatol. 2015;60(3):248-254. doi:10.4103/0019-5154.156355
  • Gavazzoni Dias MF. Hair cosmetics: an overview. Int J Trichology. 2015;7(1):2-15. doi:10.4103/0974-7753.153450