Lavare la ciotola del cane: quanto spesso bisogna farlo?

Disinfettare gli utensili degli animali è essenziale per prendersi cura della loro salute. Tra i compiti di igiene degli animali domestici spicca la pulizia della ciotola. Spieghiamo perché è così importante.
Lavare la ciotola del cane: quanto spesso bisogna farlo?

Ultimo aggiornamento: 30 ottobre, 2022

Lavare la ciotola del cane è una misura per prevenire molte malattie. Se passa molto tempo prima di pulire le ciotole in cui mangia e beve, aumenta il rischio di contaminazione e contagio.

Quando il cane finisce di mangiare la ciotola sembra priva di residui. Ma dietro questo schermo si nascondono innumerevoli agenti che trasmettono infezioni.

Soprattutto, se si vive in casa con pazienti immunodepressi, con bambini o con persone anziane, è fondamentale aumentare le condizioni igieniche degli animali domestici e di ciò che li circonda.

Perché è importante lavare la ciotola del cane?

La ciotola del cane ospita numerosi batteri. La rivista scientifica Plos One ha diffuso i risultati di un sondaggio basato sulle pratiche di alimentazione applicate dai proprietari di cani e sull’igiene delle stoviglie.

Dopo aver diviso il campione in 3 gruppi per un totale di 417 consultazioni, l’analisi ha mostrato che 2 delle squadre hanno seguito protocolli sanitari, sia nella manipolazione degli alimenti che nell’igiene dei piatti. Questa conclusione riflette una significativa diminuzione dei possibili impatti negativi, rispetto al gruppo che non ha ricevuto alcuna linea guida igienica.

Lo stesso esperimento evidenzia che l’esposizione ad alimenti contaminati potrebbe danneggiare il cane e il corpo umano. Succede che nella bocca dei cani ci siano molti microbi che di solito vengono trasferiti nella ciotola, dove si accumulano e crescono se non si pulisce costantemente la ciotola.

D’altra parte, non tutti i proprietari forniscono cibo cotto ai loro cani; le diete crude aumentano il rischio di trasmissione di batteri Escherichia coli ( E. coli ) e Salmonella. Il contatto tra il cane e il suo padrone allunga la catena del contagio.

Il Veterinary Journal sostiene che gli animali domestici non mostrano sempre sintomi quando sono infetti, ma avvertono di prestare attenzione ai seguenti segni:

  • Febbre.
  • Diarrea.
  • Vomitò.
  • Perdita di appetito.
  • Livello di attività ridotto.
Cane malato.
Gli animali malati non sempre mostrano sintomi evidenti, a differenza degli umani.

Leggi anche: Vantaggi e rischi degli animali domestici nello sviluppo dei bambini

Quanto spesso bisogna lavare la ciotola del cane?

Ogni persona ha le proprie abitudini igieniche per gli animali domestici. Tuttavia, è necessario lavare la ciotola del cane ogni giorno, ogni volta che l’animale mangia.

Si consiglia di attenersi alle normative specificate dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti (FDA, secondo l’acronimo in inglese). L’istituto consiglia di prevenire le malattie diffuse dai cibi crudi, pulendo o disinfettando a fondo tutte le superfici e gli oggetti toccati da questo tipo di cibo.

Per fare questo, la FDA suggerisce di lavare la ciotola del cane con acqua calda e sapone e integrarla con un po’ di disinfettante. Come ricetta, propongono di mescolare 1 cucchiaio di candeggina con ¼ di gallone d’acqua.

Dopo aver lavato la ciotola in un lavello fuori dalla cucina, è possibile metterla in lavastoviglie.

L’organizzazione insiste sull’importanza di scartare gli avanzi che rimangono nel piatto. Nel caso in cui si desideri salvarli per un lotto futuro, è opportuno coprirli e refrigerarli.

Con lo stesso intento di ridurre il tasso di infezione umana da contatto con il cibo animale, la FDA esorta le persone a lavarsi le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi dopo aver servito mangimi crudi e aver toccato ciotole o superfici potenzialmente contaminate.

Consigli per lavare la ciotola del cane

Per evitare la proliferazione di batteri nella mangiatoia del cane, metti in pratica i seguenti consigli:

  • Mettere da parte un cucchiaio o una tazza pulita, solo per servire i pasti del cane.
  • Cambiare le spugne regolarmente. Inoltre, non possono essere quelli che usi per i piatti di famiglia.
  • Buttare via i rifiuti, anche se l’animale non lascia tracce quando lecca. Anche se non li vedi, ci sono sempre dei microrganismi.
  • Non usare il lavello della cucina. Almeno la prima pulizia, falla in un altro lavandino, poiché eviti la contaminazione incrociata.
  • Usare detersivi senza profumo, poiché si espone l’animale alle allergie. Anche i disinfettanti industriali sono compromettenti.
  • Controllare che non ci siano cibi induriti. Se questo è il caso, toglilo con acqua calda. Anche i residui di sapone non devono rimanere sul piatto.

Pulire la ciotola con l’aceto bianco caldo è un ottimo rimedio per disinfettarla.

Il cane aspetta il suo cibo sul piatto.
La ciotola del cane non è un oggetto innocuo per l’uomo. Ha la capacità di ospitare milioni di batteri nocivi.

Leggi anche: Zecche: un pericolo per umani e animali

Tipi di ciotole per cani

Plastica, ceramica e acciaio inossidabile sono i materiali comuni nella produzione di ciotole per cani. Sebbene i 3 tipi siano funzionali, quelle di plastica hanno tra i loro componenti il bisfenolo A, un additivo che potrebbe influenzare il sistema immunitario degli animali. Inoltre, alimentatori di questo tipo sono sensibili ai graffi e alle crepe che ospitano batteri.

La ceramica, nel frattempo, danneggerebbe gli animali domestici se si rompe mentre mangia o se i bordi del piatto sono taglienti. L’ acciaio inossidabile invece è resistente, non ospita batteri, è privo di sostanze tossiche e molto facile da pulire.

Potrebbe interessarti ...
4 modi per eliminare dagli ambienti l’odore di cane
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
4 modi per eliminare dagli ambienti l’odore di cane

Scoprite come eliminare l'odore di cane da casa in modo semplice e pratico, senza arrecare disagio al vostro amico a quattro zampe.




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.